Contenuto sponsorizzato

Anche il Team Trentino Robinson Trainer alla "Viote Nordic Ski Marathon" del 23 e 24 febbraio

La neve ha consentito al comitato organizzatore dell'Asd Charly Gaul Internazionale e dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi di sciogliere in largo anticipo ogni dubbio sul percorso che sarà allestito da Asis e dal personale del centro fondo Viote. Iscrizioni ancora aperte

Bruno Debertolis, Loris Frasnelli e Francesco Ferrari
Pubblicato il - 05 febbraio 2019 - 13:53

TRENTO. L'abbondante precipitazione dei giorni scorsi, rappresenta la miglior promozione per la quinta edizione della Viote Monte Bondone Nordic Ski Marathon, la due giorni dedicata al fondo, che il 23 e 24 febbraio porta sull'Alpe di Trento i migliori fondisti italiani e assegna punti per la coppa Italia Rossignol (sabato e domenica) e per il campionato italiano master e cittadini (sabato). 

 

La neve ha consentito al comitato organizzatore dell'Asd Charly Gaul Internazionale e dell'Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi di sciogliere in largo anticipo ogni dubbio sul percorso che sarà allestito da Asis e dal personale del centro fondo Viote: anche questa volta verrà tracciato un anello di 15 chilometri, leggermente meno impegnativo rispetto al 2018, una distanza che permetterà a molti atleti di comparire nelle classifiche delle due gare di 15 e 30 chilometri.

 

A impreziosire il roster dei partenti ci sarà il Team Trentino Robinson Trainer quasi al completo, guidato dal team manager Bruno Debertolis. "Ad eccezione di Justyna Kowalczyk e Alexander Panzhinskiy, tutti gli altri atleti della nostra squadra saranno alle Viote sabato 23 e domenica 24. – ci spiega – Nella gara in tecnica classica saranno presenti tutti i migliori fondisti italiani, quindi ci teniamo a dire la nostra".

 

Come è il percorso? "Si tratta di una gran fondo decisamente originale, – continua Debertolis – perché si disputa su un anello da coprire due volte e perché si svolge ad una quota, 1.600 metri, piuttosto elevata per questo tipo di gare. Anche i dislivelli sono significativi, quindi per noi si tratta di un ottimo test, ma credo che anche i master possano divertirsi. Sarebbe bello riuscire a portare in Bondone anche qualche big straniero della specialità, perché questo appuntamento lo meriterebbe".

 

Prenderai parte alla gara pur essendoti ormai definitivamente calato nelle vesti del team manager? "L'idea è quella di partecipare e sarebbe la mia prima stagionale. Abbandonare le competizioni e dedicarmi alla gestione della squadra era ormai diventata una scelta obbligata, perché svolgere le due mansioni in contemporanea al meglio non è possibile, però se ho la possibilità di divertirmi lo faccio ancora volentieri".

 

Ricordiamo che gli atleti interessati a prendere parte alla gara, organizzata dall'Asd Charly Gaul Internazionale e da Apt Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, in particolare quelli che non vengono iscritti dalle proprie società sportive attraverso la piattaforma della Fisi, devono utilizzare la procedura messa disposizione online (Qui info). In questo secondo caso c'è tempo fino alle 12 di giovedì 21 febbraio. Le piste utilizzate dagli atleti saranno riaperte al pubblico alle  13, sabato e domenica.

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 febbraio - 05:01

L'assessore all'Istruzione delinea le coordinate della riforma: ''Punteremo sull'apprendimento linguistico in tenera età e sulla valorizzazione delle competenze dei professori''

23 febbraio - 11:50

Cinque associazioni hanno sottoscritto una lettera di protesta nei confronti della decisione della Provincia di bloccare il progetto di accoglienza per 24 donne ospitate a Lavarone e che saranno trasferite a Trento 

22 febbraio - 20:00

Nei prossimi mesi anche l'Arcidiocesi di Trento aprirà un nuovo sportello contro gli abusi interni alla chiesa. Nell'ultima relazione fatta dalla diocesi di Bolzano - Bressanone i casi di abusi sessuali e violenze sono stati undici  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato