Contenuto sponsorizzato

Shields pareggia il duello con Daye ma l'Aquila sbanca Venezia

Duello pazzesco tra Daye (27 punti personali e migliore prestazione della stagione) e Shields (che chiuderà a quota 27) e la Dolomiti Energia si porta a casa gara-1. Restano i problemi dai liberi e domenica si torna in campo

Pubblicato il - 25 maggio 2018 - 22:45

VENEZIA. Punto a punto, canestro a canestro e lo spettacolo di gara-1 della semifinale scudetto è servito. Trento e Venezia la rivincita (dopo la finalissima scudetto dello scorso anno vinta dalla Reyer) è partita vera eccome. Shields da una parte e Daye dall'altra giocano da grandissimi, Flaccadori e Bramos suonano la carica ai loro nell'ultimo quarto, gli errori dell'Aquila dai liberi e i problemi ad andare sotto canestro di Venezia fanno il resto, ma alla fine il bottino grosso se lo porta a casa Trento.

 

 

Nel catino del Taliercio di Mestre, uno dei palazzetti più caldi, in tutti i sensi, della Serie A, i due team non si risparmiano e partono subito forte, fortissimo chiudendo il primo quarto sul 25 a 23 per la truppa di De Raffaele ma con uno Shields così, dalle mani caldissime capace di mandare a spasso più volte Peric il match è sempre in discussione. Dall'altra parte però c'è un Daye che va avanti a missile, tra triple e tiri sporchi da dentro la lunetta e quindi, come dicevamo, lo spettacolo è servito. Il parziale è appannaggio dei ragazzi di Buscaglia (18 a 21) e si va all'intervallo lungo sul 43 a 44 per la Dolomiti Energia.

 

Il terzo quarto l'Aquila riparte forte ma dopo un buon canestro Daye piazza una delle sue triple e Venezia torna avanti. Si prosegue sull'onda del punto a punto con Shields che tiene agganciata Trento ma Venezia ha un Carella in più che in fase difensiva recupera palloni e in fase offensiva segna poco ma punti pensanti. Sutton molto carico gira a corrente alternata e a sprazzi di bel gioco alterna falli ingenui. Ma a un minuto dal termine schiaccia e riporta Trento a meno 1. Sbaglia, però uno dei tanti liberi che si trova a tirare e Venezia riparte tornando sul più 3. Sul suono della sirena, però, ci pensa Gomes con una triplona e il pareggio è servito: 62 a 62.

 

Si riparte con Venezia ma Silins fa un capolavoro difensivo e il contropiede di Gutiérrez è letale. La Reyer va in affanno e volano i falli e il Flacca centra il più quattro. Poi tornano in cattedra la coppia di rivali Daye e Shields: canestro più fallo per il primo e tripla per l'altro ma il Flacca (che nel quarto parziale ha preso per mano la squadra) e a cinque dal termine Trento è sul più 4 (67 a 71). Haynes accorcia ma Shields riporta a più 3. Avanti così ma a meno uno dalla fine Bamos piazza una super tripla e Venezia si riporta di nuovo a meno 1 (75 a 76). 

 

Serie di falli e gioco in stallo ma a 30 secondi dal termine è Shields, tanto per cambiare a piazzare la doppia e Silins mette il libero ma Daye infila una tripla, praticamente da centrocampo, e a 6 secondi dalla fine Trento è a più 1. Si chiderà qui 78 a 80.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 novembre - 12:56

La neve caduta in grandi quantità e appesantita anche da pioggia e temperature in risalita è instabile in molte zone. I tecnici: ''Al di sopra dei 2200 m circa gli abbondanti accumuli di neve ventata degli ultimi giorni sono instabili. Queste possono distaccarsi già in seguito al passaggio di un singolo appassionato di sport invernali e, a livello isolato, raggiungere grandi dimensioni''

18 novembre - 12:33

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari: "Visite ambulatoriali e prelievi potranno subire qualche disservizio". Nel frattempo i sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato un'assemblea sindacale per quanto riguarda le autonomie locali per venerdì 22 novembre dalle 9 alle 13 alla Sala della cooperazione in via Segantini a Trento

18 novembre - 12:38

Nel programma domenicale "Non è l'arena", condotto su La7 da Massimo Giletti, è andata in onda una discussione isterica sull'Alto Adige tra Vittorio Feltri e Michaela Biancofiore, decisamente poco utile alla causa della comprensione della realtà provinciale da parte del grande pubblico nazionale. Alla complessità si è preferita la cagnara, perché insulti e visi avvampati - conditi da gravi inesattezze storiche - fanno più audience

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato