Contenuto sponsorizzato

I trentini Bertagnolli e Casal sempre a tutto gas, oro ai Mondiali di sci alpino

Gli atleti delle fiamme gialle chiudono la seconda manche al secondo posto, ma Jakub Krako (guidato da Branislav Brozman) inforca e dopo la moviola la medaglia diventa d'oro. Prossime tappe in Friuli

Di Luca Andreazza - 23 gennaio 2019 - 16:19

KRANJSKA GORA (Slovenia). I trentini Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal si confermano tra i più forti interpreti dello sci alpino. Dopo l'argento di lunedì in gigante, i plurimedagliati olimpici di PyeongChang si mettono al collo la medaglia d'oro nei Mondiali paralimpici a Kranjska Gora in Slovenia.

 

Il gradino più alto del podio arriva dopo attimi di suspence e un po' di ritardo: ci vuole la moviola per vedere l'inforcata nella seconda manche dello slalom di Jakub Krako, guidato da Branislav Brozman. La conseguente squalifica consegna la medaglia d'oro agli atleti trentini.

 

Terzi dopo la prima manche, gli azzurri hanno recuperato una posizione nella seconda (1’55”43 il tempo complessivo) per posizionarsi davanti alla coppia slovacca Miroslav Haraus-Maros Hudik (1’57”07). Alle spalle solo degli slovacchi Jakub Krako-Branislav Brozman (1’53”60). Poi le verifiche della giuria e la vittoria dei portacolori delle fiamme gialle.

 

E' il quinto podio mondiale dopo i tre di Tarvisio 2017, mentre la prossima settimana ci sono altre tre gare per impreziosire il medagliere. Il circus arriva in Italia, le nevi friulane di Sella Nevea, ospitano la discesa (martedì 29 gennaio), la super combinata (giovedì 31 gennaio) e il superG (venerdì 1 febbraio).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato