Contenuto sponsorizzato

I trentini Bertagnolli e Casal sempre a tutto gas, oro ai Mondiali di sci alpino

Gli atleti delle fiamme gialle chiudono la seconda manche al secondo posto, ma Jakub Krako (guidato da Branislav Brozman) inforca e dopo la moviola la medaglia diventa d'oro. Prossime tappe in Friuli

Di Luca Andreazza - 23 gennaio 2019 - 16:19

KRANJSKA GORA (Slovenia). I trentini Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal si confermano tra i più forti interpreti dello sci alpino. Dopo l'argento di lunedì in gigante, i plurimedagliati olimpici di PyeongChang si mettono al collo la medaglia d'oro nei Mondiali paralimpici a Kranjska Gora in Slovenia.

 

Il gradino più alto del podio arriva dopo attimi di suspence e un po' di ritardo: ci vuole la moviola per vedere l'inforcata nella seconda manche dello slalom di Jakub Krako, guidato da Branislav Brozman. La conseguente squalifica consegna la medaglia d'oro agli atleti trentini.

 

Terzi dopo la prima manche, gli azzurri hanno recuperato una posizione nella seconda (1’55”43 il tempo complessivo) per posizionarsi davanti alla coppia slovacca Miroslav Haraus-Maros Hudik (1’57”07). Alle spalle solo degli slovacchi Jakub Krako-Branislav Brozman (1’53”60). Poi le verifiche della giuria e la vittoria dei portacolori delle fiamme gialle.

 

E' il quinto podio mondiale dopo i tre di Tarvisio 2017, mentre la prossima settimana ci sono altre tre gare per impreziosire il medagliere. Il circus arriva in Italia, le nevi friulane di Sella Nevea, ospitano la discesa (martedì 29 gennaio), la super combinata (giovedì 31 gennaio) e il superG (venerdì 1 febbraio).

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 febbraio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 febbraio - 18:02

Il covo della cellula è stato individuato in una casa isolata a Bosco di Civezzano. Questo il luogo dove falsificavano i documenti  per garantirsi la clandestinità e progettare atti di eversione in Italia e all’estero

19 febbraio - 19:56

I risultati arrivati dalla piattaforma Rousseau sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini non sono stati quelli che gran parte del M5S in Trentino si aspettava. Per il consigliere Degasperi "Non si possono cambiare le regole quando non piacciono e tenere quelle che fanno più comodo". Per Alex Marini: "Sarebbe stato preferibile il ministro Salvini avesse potuto difendere il proprio operato di fronte ad un giudice"

19 febbraio - 17:56

Dopo il ''riserbo'' di Paccher sui nominativi esaminati dalla giunta per le elezioni, interrogazione del consigliere di Futura : ''L'attività del parlamento trentino e dei suoi organi dev'essere trasparente''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato