Contenuto sponsorizzato

Laura Paveri campione del mondo nella mass start. Italia quinta nella team sprint maschile

La piacentina trasferitasi sull'Altopiano di Piné da qualche tempo per raggiungere le Olimpiadi stacca tutti e conquista la medaglia d'oro mettendo la ciliegina su questo Campionato mondiale juniores di Baselga di Piné

Pubblicato il - 17 febbraio 2019 - 19:49

BASELGA DI PINE'. C'ha pensato Laura Paveri a mettere il sigillo su questo straordinario Campionato mondiale juniores di Baselga di Piné infilandosi al collo la medaglia d'oro nella mass start. Una grande gioia per i colori azzurri che centrano, grazie alla giovanissima piacentina, il primo titolo mondiale nella disciplina. Nelle precedenti 48 edizioni della kermesse iridata riservata agli under 19, infatti, che solo negli ultimi anni ha inserito anche le prove mass start e le gare a squadre, l’Italia non aveva mai conquistato un tale risultato.

 

Per Peveri, già vincitrice della coppa juniores della mass start, un successo che vale davvero tanto perché frutto di tanti sacrifici. Laura, che festeggerà la maggiore età il prossimo 15 luglio, dall’autunno scorso si è trasferita dalla natia Monticelli d'Ongina in provincia di Piacenza sull’altopiano trentino per inseguire il sogno olimpico. Cresciuta sportivamente nel mondo del pattinaggio a rotelle, Laura vive nella frazione di Fovi a poche centinaia di metri dall’Ice Rink Piné per cullare la partecipazione ai Giochi olimpici di Pechino 2022.

 

Oggi pomeriggio sul “Ghiaccio dei campioni” di Miola, la portacolori del Circolo Pattinatori Piné si è comportata da vera campionessa sotti l’aspetto tecnico-tattico. Come una settimana prima nella finale della Coppa juniores, Laura è rimasta coperta nella prima fase di gara per poi fare la differenza nel giro finale. Alle spalle dell’azzurrina la cinese Yuhan Ma e la forte olandese Robin Groot.

 

«Sono al settimo cielo, era l’obiettivo della stagione che mi ero prefissata – ha detto Laura con la medaglia d’oro al collo -. È un’emozione grandissima vincere sulla pista di casa davanti ai miei tifosi». Per Peveri, sesta al termine delle quattro distanze allround, si tratta della seconda medaglia mondiale in carriera dopo il bronzo del 2018 conquistato sempre nella mass start a Salt Lake City.

 

 

Il titolo iridato della mass start maschile è stato conquistato dall’austriaco Gabriel Odor che in volata ha preceduto l’olandese Merijn Scheperkamp e il giapponese Tsubasa Horikawa. Buon quinto posto per l’italiano Francesco Betti che al Mondiale di casa ha conquistato il bronzo nell’allround.

 

Nella team sprint maschile quinta piazza per l’Italia composta da Nicky Rosanelli, Pietro Sighel e Francesco Betti. Oro all’Olanda (van Essen, Scheperkamp, Botman) davanti alla Corea del Sud e Russia. L'oro della team sprint femminile è andato al collo delle campionesse olandesi Femke Kok (oro nell’allround), Femke Beuling e Michelle de Jong che hanno preceduto Russia e Norvegia. Nelle team pursuit successo tra le donne del Giappone davanti a Olanda e Russia e tra gli uomini a Norvegia davanti a Russia ed Olanda.

 

Oggi sull’altopiano di Piné si è conclusa una dieci giorni interamente dedicata al futuro del pattinaggio velocità a livello mondiale che si è rivelata un successo sia per gli atleti delle varie nazioni che per l’intera macchina organizzativa coordinata dalla Piné Grandi Eventi.

 

Sul “Ghiaccio dei Campioni” di Miola di Piné in occasione dei Mondiali juniores hanno preso parte 130 pattinatori in rappresentanza di ben 24 nazioni (Austria, Bielorussia, Canada, Cina, Colombia, Repubblica Ceca, Spagna, Estonia, Finlandia, Gran Bretagna, Germania, Ungheria, Irlanda, Giappone, Kazakistan, Corea del Sud, Olanda, Norvegia, Polonia, Romania, Russia, Svizzera, Stati Uniti ed Italia).

 

In rappresentanza dell’ISU, in qualità di delegata per il Mondiale trentino, era presente la cinese Yang Yang (A), considerata una leggenda dello short track.  La manifestazione di Baselga di Piné, storica capitale italiana del pattinaggio velocità e da tanti anni gemellata con la località olandese di Heerenveen, è stata organizzata dalla Piné Grandi Eventi con presidente del Comitato organizzatore Enrico Colombini e vice Elisabetta Pizio, ex azzurra e presidente del Circolo Pattinatori Piné, storica e blasonata società che quest’anno compie 70 anni di attività.

 

A contribuire all’eccellente riuscita dell’evento anche la Federazione Italiana Sport Ghiaccio (FISG), Trentino, l’Azienda Promozione Turistica Altopiano di Piné e Valle di Cembra, l’Ice Rink Piné Srl ed il Comune di Baselga di Piné. Baselga di Piné vanta l’organizzazione di dodici tappe della Coppa del mondo assoluta (1986, 1987, 1989, 1991, 1993, 1996, 1997, 1998, 2000, 2003, 2005 e 2008), il Campionato mondiale juniores nel 1993, quello assoluto nel 1995 e l’Europeo, sempre assoluto, nel 2001.

 

RISULTATI: https://app.isuresults.eu/events/2019_ITA_0002/schedule

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 maggio - 06:01

 Le parole ''gnocca'', ''negro'', ''muslim'' vanno alla grande, la mission pare essere quella di bannare i ''pididioti'', l'insulto per donne sovrappeso fotografate ''a tradimento'', poi, è un must. La speranza è che si tratti di un furto di personalità ma dalle foto sembrerebbe proprio che Ivan Cristoforetti braccio destro di Spinelli sui social si scateni. Ecco come 

20 maggio - 19:53

Da quando il maltempo di fine ottobre ha distrutto interi boschi nella zona di Bedolplan, sopra Piné, praticamente nulla è stato fatto a livello di recupero del legname schiantato e della zona. In questi giorni, però, è arrivata l'incredibile notizia ai due giovani gestori del ristorante/bar: ''Hanno trasformato in un lotto unico un'area di circa 150 ettari e la ditta che ha vinto l'appalto ha deciso, per motivi di sicurezza, di farne tutto zona cantiere''

20 maggio - 19:17

L'incidente è avvenuto sulla tratta tra Berlino e Monaco all'altezza di Lipsia. La donna era andata con la figlia e il figlio a vedere la finale di Champions di pallavolo. Il suo ultimo post su Facebook recita: ''Complimenti bravissima Lube''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato