Contenuto sponsorizzato

Nasce il Tnt, Team nuoto Trento: Buonconsiglio, Rari Nantes e Nuotatori Trentini uniscono le forze

La filosofia è ben precisa. Non si parla di una selezione ristretta di atleti “top”, ma di un team in divenire che possa fungere da traino per gli atleti anche più giovani che ambiscono a qualificarsi per i campionati italiani e approdare ai massimi livelli

Pubblicato il - 25 ottobre 2019 - 20:15

TRENTO. Tre storiche società nel panorama natatorio trentino uniscono le forze per essere ancora più forti e vincenti. Così Buonconsiglio, Rari Nantes e Nuotatori Trentini lanciano il Tnt-Team Nuoto Trento. I tre sodalizi capitanati da Alessandro Leonardi, Luca Moser e Nerio Danieli, con il patrocinio del Comitato Fin del Trentino, hanno presentato il nuovo progetto. 

 

Il gruppo di lavoro vede l'impegno di allenatori del calibro di Alessandro Pontalti, Luca Moser e René Gusperti, tutti con un'esperienza pluriennale del settore, per cooperare per il bene del futuro del movimento natatorio locale.

 

La filosofia è ben precisa. Infatti, non si parla di una selezione ristretta di atleti “top”, ma di un team in divenire che possa fungere da traino e stimolo per gli atleti anche più giovani che ambiscono a qualificarsi per i campionati italiani e approdare ai massimi livelli. Allenamenti congiunti, partecipazione a meeting fuori regione e anche all’estero, momenti di formazione e di confronto con tutti e tre i tecnici per ottenere i risultati migliori.

 

L’idea di fondo rimane quella di mantenere inalterate le strutture delle singole società, con le quali gli atleti continueranno ad allenarsi negli spazi acqua assegnati, ma con un tesseramento agonistico per la nuova associazione che fa da “cappello” a tutto il movimento.

 

Il gruppo di partenza è oggi composto da una ventina di atleti dalla categoria “junior” (2004-2005 femmine e 2002-2003 maschi) a quella “assoluta” che partecipano ai campionati italiani di categoria, la metà dei quali qualificata anche agli Assoluti e molti di questi in finale per le rispettive discipline.

 

"E’ un momento storico per il nuoto trentino - commenta Mario Pontalti, presidente del Comitato Fin Trentino - per unire le forze e ottenere risultati sempre più importanti, ma anche per superare la frammentazione, ottimizzare le risorse e per invogliare i giovani e evitare l’abbandono precoce. Una iniziativa che prende forza anche in ottica futura, quando ci sarà la nuova piscina coperta olimpionica da 50 metri. Il nuoto trentino ha fatto oggi un passo avanti, ora la palla anche all’amministrazione comunale".

 

Parere favorevole anche del Coni. "Un esempio virtuoso - dice la presidente Paola Mora - che arriva proprio dal nuoto e può essere di stimolo anche per gli altri sport. Molto spesso è la visione comune che va oltre alle singolarità ad essere la chiave vincente". Il primo appuntamento "a ranghi completi" per il Team Nuoto Trento il Trofeo Internazionale Nico Sapio di Genova tra sabato 8 e domenica 9 novembre.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato