Contenuto sponsorizzato

Pronostici rispettati, trionfano Cappelletti e Balzarini

Il tradizionale evento, giunto alla ventiquattresima edizione, ha visto infatti i successi dei due atleti più attesi alla vigilia: il caporalmaggiore capo degli Alpini Guastatori Daniele Cappelletti e la forte atleta camuna Bianca Balzarini, entrambi portacolori dell’Adamello ski Team

arrivo Daniele Cappelletti
Pubblicato il - 03 marzo 2019 - 17:55

PEIO. Pronostici rispettati nel suggestivo raduno sci alpinistico in notturna “Ai Piedi del Vioz-Memorial Roberto Casanova“, svoltosi la sera di venerdì 1 marzo a Peio Fonti nel Parco nazionale dello Stelvio.

 

Il tradizionale evento, giunto alla ventiquattresima edizione, ha visto infatti i successi dei due atleti più attesi alla vigilia: il caporalmaggiore capo degli Alpini Guastatori Daniele Cappelletti e la forte atleta camuna Bianca Balzarini, entrambi portacolori dell’Adamello ski Team.

 

Tra gli uomini Cappelletti, recentemente confermatosi campione italiano di sci alpinismo militare, ha conquistato il settimo successo nella collaudata manifestazione notturna trentina impiegando 43’11” per coprire il tradizionale tracciato con partenza in linea a Peio Fonti (1.350 metri di quota) ed arrivo presso i 2313 metri di altitudine del rifugio Doss dei Gembri, risalendo per le piste Mezoli, Taviela e Gembri.

 

Distanziato di 30 secondi il costante atleta di casa Omar Dell’Eva (Brenta Team), che ha preceduto a sua volta di soli 5 secondi Alex Salvadori dell’Alpin Go Val Rendena. Quarto il giovane solandro Gabriele Fedrizzi (Top Fashion Team) e l’esperto bresciano Diego Fenaroli (Ugolini Ski Alp Valli Bresciane).

 

Tra le donne netta vittoria di Bianca Balzarini, già atleta della nazionale italiana di pattinaggio artistico su ghiaccio ed ora da qualche anno ai vertici nazionali di sci alpinismo: Balzarini, che abbina ottime prestazioni sugli sci e nella corsa in montagna alla sua attività professionale di Nutrizionista per lo sport, ha impiegato 52’42”, precedendo di quasi 3 minuti Sabrina Malacarne (Gs Por)  e di quasi 4 minuti la fondista di Celledizzo Michela Gabrielli (Top Fashion Team).

 

Ai piedi del podio l’esperta Susanna Neri e la grande sorpresa Astrid Schartmüller, biker e ciclista tedesca particolarmente nota nel mondo delle gran fondo. Il trofeo “Carletto Canella” per il migliore under 18 è stato invece vinto da Alex Rigo della Sat Peio davanti a Gabriele Andreatta (I Bisonti del Lagorai) e Luigi Targhettini (Ugolini Ski Alp Valli Bresciane).

 

Simpatici riconoscimenti anche per l’atleta più vecchio (Maurizio Rosati, classe 1940), più giovane (Chantal Moreschini, classe 2010) e quello proveniente da più lontano (Ferrero Rubini, da Terni in Umbria).

 

Il prestigioso “9° Memorial Roberto Casanova”, intitolato alla memoria di un giovane di Peio tristemente scomparso diversi anni fa in una tragedia della montagna, è stato assegnato al gruppo più numeroso, il Mai Zeder Team di Pinè, presente con 91 atleti. Sul podio delle società il Gruppo Sportivo Por (83 partecipanti) e il Gruppo Pelli di Fuoco (81 partecipanti).

 

L’emozionante raduno con gli sci al chiaro di luna, organizzato dall’attiva sezione Sat di Peio con la preziosa collaborazione di Soccorso alpino, Gruppo Ana Val di Peio, Ufficio Iat Peio Fonti, nonché l’insostituibile supporto logistico della Pejo Funivie e quello economico-organizzativo del Comune di Peio, ha visto al via ben 1191 partecipanti, tra cui Paolo Bettini, noto ex ciclista professionista, già commissario tecnico della Nazionale italiana di ciclismo, campione olimpico su strada ai Giochi di Atene 2004 e campione del mondo di specialità nel 2006 a Salisburgo e nel 2007 a Stoccarda, supportato da Ilaria Cavallari, polivalente atleta solandra leader del Top fashion team.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 maggio - 06:01

 Le parole ''gnocca'', ''negro'', ''muslim'' vanno alla grande, la mission pare essere quella di bannare i ''pididioti'', l'insulto per donne sovrappeso fotografate ''a tradimento'', poi, è un must. La speranza è che si tratti di un furto di personalità ma dalle foto sembrerebbe proprio che Ivan Cristoforetti braccio destro di Spinelli sui social si scateni. Ecco come 

20 maggio - 19:53

Da quando il maltempo di fine ottobre ha distrutto interi boschi nella zona di Bedolplan, sopra Piné, praticamente nulla è stato fatto a livello di recupero del legname schiantato e della zona. In questi giorni, però, è arrivata l'incredibile notizia ai due giovani gestori del ristorante/bar: ''Hanno trasformato in un lotto unico un'area di circa 150 ettari e la ditta che ha vinto l'appalto ha deciso, per motivi di sicurezza, di farne tutto zona cantiere''

20 maggio - 19:17

L'incidente è avvenuto sulla tratta tra Berlino e Monaco all'altezza di Lipsia. La donna era andata con la figlia e il figlio a vedere la finale di Champions di pallavolo. Il suo ultimo post su Facebook recita: ''Complimenti bravissima Lube''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato