Contenuto sponsorizzato

Si è spenta Barbara Bolfelli, addio alla campionessa di biliardo

Lutto nel mondo dello sport trentino e internazionale: la sportiva negli anni aveva collezionato 7 titoli italiani, 6 argenti e 4 medaglie di bronzo. Strappata alla famiglia da un malore. L'ultimo saluto venerdì al cimitero

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 14 marzo 2019 - 12:41

TRENTO. Non c'è stato nulla da fare, un malore ha strappato all'affetto dei suoi cari e di tutta la comunità sportiva trentina la pluricampionessa di pool Barbara Bolfelli.

 

Domenica il malore, ieri la triste notizia. Bolfelli, 45 anni, da oltre dieci anni era in vetta alle classifiche. Diversi i successi riportati, tra cui tre medaglie d'argento e una di bronzo conquistate a livello europeo. In Italia l'atleta aveva collezionato sette titoli, sei argenti e quattro medaglie di bronzo.

Mamma di un bambino di dieci anni, aveva scelto un lavoro part-time per potersi dedicare alla famiglia e alla sua grande passione, la stecca. Aveva giocato sui tavoli di cinque campionati del mondo, a Taiwan (1998), Chicago (1999), Alicante (2001) e in Cina (2012, 2013).

 

"A Trento c'era una scuola di biliardo tra le più prestigiose d'Europa" aveva diverse volte raccontato alla stampa. Questo weekend la campionessa avrebbe dovuto prendere parte a un torneo a Bolzano in vista dei campionati europei.

 

L'ultimo saluto a Barbara, un addio laico, è in programma per domani alle 15 nell'atrio delle camere mortuarie del cimitero di Trento.

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 marzo - 20:12

Venerdì una serata aperta alla cittadinanza dedicata a ''Genere, educazione, pluralità'' e, nel pomeriggio, appuntamento con la Cgil in piazza Dante. Il 30 marzo tutti a Verona per il corteo di Non una di meno

21 marzo - 18:37
Le indagini partono poco più di due mesi fa, quando gli agenti pizzicano un veicolo di proprietà di un comune della Val Rendena e condotto da un dipendente di Tione mentre compie una violazione alla segnaletica stradale. Gli accertamenti però mettono in luce un quadro pesante per l'uomo tra truffa, peculato e falsa attestazione di servizio
21 marzo - 20:01

I due giovani si trovavano in un tratto di pista molto ripida.  Il Soccorso alpino gli ha fatto calzare le racchette da neve e sono stati accompagnati, con l'ausilio di una corda, a valle fino alla motoslitta

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato