Contenuto sponsorizzato

Un Trento femminile ambizioso si assicura Pasqualini e Brunello. Tra le novità una formazione esordienti pronta a sfidare i pari età maschi

Inizia la nuova stagione per il Trento calcio femminile, le gialloblù prendono parte ancora al campionato di serie C, la terza serie a carattere nazionale. Il gruppo affidato a Libero Pavan si è radunato al centro sportivo di Melta di Gardolo

Pubblicato il - 02 agosto 2019 - 18:09

TRENTO. Inizia la nuova stagione per il Trento calcio femminile, le gialloblù prendono parte ancora al campionato di serie C, la terza serie a carattere nazionale. Il gruppo affidato a Libero Pavan si è radunato al centro sportivo di Melta di Gardolo. 

 

Confermato il tecnico alla guida del Trento, così come lo staff composto da Davide Trenti nel ruolo di secondo allenatore, Massimilano Calì quale collaboratore tecnico e match analyst, Giorgio Bertoluzza in qualità di preparatore atletico e il fisioterapista Giorgio Crepaz.

 

Un mercato che ha portato Chiara Pasqualini e Martina Brunello. Esperienza e qualità per provare ad alzare l’asticella nel prossimo campionato.

 

Pasqualini è reduce da un’importantissima avventura in serie A con le maglie del Bari Pink e del Tavagnacco che le hanno permesso di accumulare 14 presenze e 3 goal nel massimo campionato nazionale. Centravanti che abbina una grande prestanza fisica ad una buona mobilità, abile nel dialogo con le compagne ma, soprattutto, capace di garantire cifre realizzative importanti (21 le reti segnate nel campionato di serie B 2014/15 in maglia Alto Adige).

 

Martina Brunello torna invece a vestire la maglia gialloblù dopo un’esperienza formativa nel futsal, condita dalla palma di miglior giocatrice del campionato di serie C. Nel biennio aquilotto, invece, i suoi 32 goal erano stati fondamentali per la permanenza in serie B. Attaccante che ama svariare su tutto il fronte, si muove spesso in profondità sfruttando la grande velocità che la contraddistingue.

 

Le conferme più importanti sono però quelle che arrivano dal direttivo della società, con la presidentessa Rita Csako che rilancia in vista della nuova annata: “Siamo ormai ai nastri di partenza di questa nuova avventura - spiega la numero uno - un bellissimo viaggio che vedrà la prima squadra impegnata in serie C, ma verrà rinnovato anche l’impegno dell’Under 19 (con il confermato mister Christian Dechiusole) . A questo si aggiunge una squadra di esordienti tutta al femminile che competerà contro i pari età al maschile".

 

Un direttivo quanto mai coeso verso l’obiettivo di far crescere il movimento femminile calcistico a Trento, come dimostra la volontà di svincolarsi in tempi ragionevoli dallo storico nome “Clarentia”, per identificarsi con Trento Calcio Femminile, in modo da poter essere immediatamente riconoscibili quale punto di riferimento per tutte le appassionate di questo sport.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 ottobre - 11:06

Gian Marco Prampolini, presidente Leal, e Natascia Pecorari, presidente di Salviamo gli Orsi della Luna, hanno fatto la richiesta agli atti e ottenuto il report della visita dei carabinieri di Costa dentro il Casteller: ''Stanno facendo vivere ai tre orsi un vero calvario. Temiamo per la loro vita e attendiamo fiduciosi che il Ministro Costa, che prima di noi ha ricevuto la relazione del sopralluogo dei Cites, faccia la sua parte e prenda provvedimenti previsti dalla legge''

01 ottobre - 12:26
Il conducente della vettura si è accorto di un po' di fumo uscire dalla parte anteriore del mezzo all'altezza di passo Cereda. In azione la macchina dei soccorsi
01 ottobre - 11:42

Il bollettino sulla situazione Coronavirus in Alto Adige segna nelle ultime 24 ore un incremento di 29 nuovi casi su 1734 tamponi. Sale a 3568 il numero di contagi da inizio epidemia, mentre quello dei decessi è fermo da tempo a 292. Dopo i 4 studenti infetti comunicati ieri dalla Provincia, le persone in isolamento e quarantena salgono a 1640

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato