Contenuto sponsorizzato

Val di Fassa e Trentino escono tra gli applausi per il Campionato mondiale junior. Ken Read: ''Un'edizione memorabile''

In Trentino era presente anche una delegazione cinese del comitato organizzatore delle prossime Olimpiadi invernali di Pechino. Itas tra i principali sostenitori della kermesse in Val di Fassa

Pubblicato il - 28 febbraio 2019 - 14:44

MOENA. "Un’organizzazione perfetta, con piste stupende, ottimamente preparate, e condizioni meteo ideali: è stata un’edizione dei Campionati mondiali junior memorabile", parola dell’ex discesista canadese Ken Read, che ora ricopre il ruolo di responsabile dell’attività giovanile all’interno della Fis, la federazione internazionale degli sport invernali.

 

Una volta spenti i riflettori, sono arrivate le strette di mano per i rappresentati del comitato organizzatore della rassegna iridata, con il presidente Davide Moser comprensibilmente soddisfatto per una scommessa che, a Mondiali terminati, può dirsi vinta, a 360 gradi. 

 

"Il bilancio – spiega Davide Moser – non può che essere positivo. Sono stati dieci giorni caratterizzati dall’entusiasmo di un gruppo che si è dimostrato compatto e coeso, voglioso di raggiungere il miglior risultato possibile. È stato bello vedere un’intera valle lavorare unita per la riuscita di un evento e questa penso sia stata la chiave del successo".

 

Tanti i volontari che hanno prestato servizio durante i dieci giorni dell’evento, ma anche nel lungo percorso di avvicinamento. "C’è chi ha lavorato per qualche ora e chi per interi mesi - prosegue Moser - in totale penso che siano circa un migliaio le persone che si sono messe a disposizione, dando un contribuito fondamentale. Il grazie più grande va a loro. Al resto ci hanno pensato la professionalità, competenza e l’entusiasmo di tutti i membri del nostro staff. Il meteo ci ha aiutato tanto e negli ultimi giorni è arrivata anche la ciliegina sulla torta, le due medaglie italiane. Sono stati dieci giorni impegnativi, siamo tutti stanchi, ma soddisfatti".

 

In Val di Fassa era presente anche una delegazione cinese del comitato organizzatore delle prossime Olimpiadi invernali di Pechino. "Hanno visto come funziona l’organizzazione di un evento come un Mondiale Junior nei suoi vari aspetti –conclude Moser – e da parte loro ci sarebbe l’interesse di portare i loro atleti qui ad allenarsi. Ne stiamo parlando in questi giorni e potrebbe nascere una partnership importante. Oggi ci godiamo questo successo, ma da domani cominceremo a pensare agli eventi futuri".

 

Tra i principali partner dei Campionati Mondiali Junior Val di Fassa c'è Itas, la Mutua ha aderito fin da subito nel sostenere l’iniziativa.

 

La Compagnia è infatti da molti anni punto di riferimento per il mondo dello sport, in particolar modo per tutte le associazioni che promuovono la pratica sportiva come strumento di crescita sociale ed educativa. 

 

I valori che lo sport sa trasmettere alle nuove generazioni come l’etica, la condivisione, lo spirito di squadra, sono infatti alla base dall’azione mutualistica della Compagnia che da quasi 200 anni opera sui territori per i propri soci assicurati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato