Contenuto sponsorizzato

Il top del Footgolf italiano si confronta in Trentino. Al Golf club Rendena sono attesi Ivano Bonetti (scudetto con la Samp) e Michele Marcolini

Nella giornata di sabato di disputerà, infatti, il recupero dell’ultima prova del Challenge nazionale, la Lega Championship, prevista originariamente a Rimini in giugno e poi cancellata a causa dell'emergenza Covid-19 mentre domenica andrà in scena il terzo Open del Trentino, ormai classico confronto annuale divenuto un importante riferimento anche nel panorama italiano

Da sinistra Leonardi, Serafini, Carbone, Popczak, Summa, Failoni e Bertagna - foto Nicer Trento
Pubblicato il - 15 settembre 2020 - 20:43

TRENTO. Il Footgolf ritorna sui green del Trentino. L'appuntamento è per sabato 19 e domenica 20 settembre al Golf Club Rendena a Bocenago con la partecipazione di alcuni dei protagonisti di questa disciplina in Italia. La doppia sfida sarà decisiva per l’assegnazione del Lega Championship.

 

Nella giornata di sabato di disputerà, infatti, il recupero dell’ultima prova del Challenge nazionale, la Lega Championship, prevista originariamente a Rimini in giugno e poi cancellata a causa dell'emergenza Covid-19 mentre domenica andrà in scena il terzo Open del Trentino, ormai classico confronto annuale divenuto un importante riferimento anche nel panorama italiano.

 

Attesi tra gli altri i calciatori Ivano Bonetti (scudetto con la Sampdoria e già protagonista con Juventus, Bologna e Torino) e Michele Marcolini (già protagonista in vari club di Serie B e già allenatore del Chievo).

 

Nel fine settimana sono attesi in Val Rendena oltre 250 concorrenti di tutt’Italia, impegnati a giocarsi il Trofeo nazionale di specialità 2020. Una lotta all’ultima buca che vedrà sfidarsi per il titolo il trentino Roberto Carbone con i riminesi Mattia Zerbini, Francesco Rossi e Alessio Cavicchi, il cremonese Mattia Damonti e il trevigiano Marco Pavan

 

Il Trofeo messo in palio da FootGolf Trentino, che fa parte del Circuito Lnf, è stato vinto nelle due precedenti edizioni da Thomas Cassinetti (FootGolf Liguria) e Matteo Gheda (FootGolf Cremona), attesi protagonisti anche quest’anno.

 

"Il 96% dei nostri ospiti - commenta l'assessore Roberto Failoni - ritiene il nostro territorio estremamente sicuro. Un risultato straordinario che viene rafforzato dall’organizzazione di simili iniziative e dà fiducia per la prossima stagione invernale. Da sempre siamo fautori dello stretto legame tra il mondo rurale e della produzione locale con il settore turistico, capace di valorizzare tali prodotti tra i milioni di nostri ospiti”.

 

Oltre a costituire un significativo appuntamento sul piano prettamente turistico, la due giorni di Footgolf della Val Rendena e della Ski area di Pinzolo - Madonna di Campiglio – spiega Tullio Serafini, presidente dell'Apt Campiglio, Pinzolo, Val Rendena - ha certamente una significativa valenza anche sul piano promozionale per il seguito da parte dei media nazionali. In una stagione estiva e in prospettiva anche quella invernale che guarda con grandissimo interesse alla clientela italiana. Come territorio stanno lavorando assieme ai due Golf Club di valle per rafforzare la proposta in chiave turistica".

 

Come hanno spiegato Roberto Summa (presidente FootGolf Trentino-Alto Adige) e Francesco Bertagna (segretario Lega Nazionale FootGolf), si gioca con regole molto simili al quelle del tradizionale golf. La sfida è articolata sul giro di 18 buche con l’unica differenza legata alle dimensioni di queste ultime: il diametro della buca è di 50 centimetri e la profondità di 35 centimetri. Misure tali che consentono l’imbucata della palla (un normale pallone da calcio) anche con la presenza della bandiera. E questo è un dettaglio di non poco conto, considerando che per le misure anti-Covid la bandiera non potrà essere toccata e postata come avviene normalmente.

 

I giocatori in gara saranno suddivisi in quattro categorie maschili (Over 45, Over 55, Under 18 e Assoluta) e una femminile. Prevista poi la classifica a squadre basata sui risultati di cinque giocatori.

 

In Italia la Lega nazionale FootGolf riunisce circa 800 giocatori di 45 differenti club con un calendario articolato in otto grandi eventi (un Lega Championship, tre Major e quattro Midi, ognuno dei quali con in palio tra i 2.500 e i 1.000 punti), una ventina di gare di Lega (500 punti) e una lunga serie di appuntamenti da 250 punti. Il meccanismo è molto simile a quello del tennis internazionale Atp e circuiti minori.

 

La due giorni in programma al Golf Club Rendena rappresenta il quarto appuntamento stagionale di Trentino FootGolf dopo quelli disputati a dicembre a Peschiera con il Trofeo Alpe Cimbra che ha visto la presenza di un centinaio di giocatori, a giugno con il primo trofeo Lnf al Golf Club di Folgaria con 160 iscritti e infine a luglio al Break Point di Pergine con il Trofeo Lega 250.

 

Da segnalare anche l’iniziativa benefica supportata da Trentino marketing che – ha spiegato Iwona Popczak - ha visto la vendita di magliette sponsorizzate Trentino, il cui ricavato (1.500 euro) è stato destinato alla squadra degli Yankees Bolzano di calcio dilettantistico, che coinvolge ragazzi con sindrome di down.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato