Contenuto sponsorizzato

La norvegese Fürst-Holtmann vince la tappa di coppa Europa di Andalo. La migliore azzurra è Bertani con il dodicesimo posto

La 21enne svizzera Camille Rast e la 29enne della squadra francese Coralie Frasse Sombet completano il podio della gara andata in scena sulla pista Olimpionica 2 nella skiarea Dolomiti Paganella. E' saltata invece la seconda tappa a causa delle temperature alte. La località si prepara alle manifestazioni di skialp in programma per fine dicembre

La norvegese Fürst-Holtmann vince ad Andalo (foto di Raffaele Merler)
Pubblicato il - 21 dicembre 2020 - 13:25

ANDALO. Un atleta di coppa del Mondo, la norvegese Mina Fürst-Holtmann, si aggiudica la gara di coppa Europa femminile di slalom gigante di Andalo, con la 21enne svizzera Camille Rast e la 29enne della squadra francese Coralie Frasse Sombet a completare il podio. E' saltata invece la seconda tappa a causa delle temperature alte. 

 

Nella gara andata in scenda sulla pista Olimpionica 2 l'Italia piazza tre atlete nella top 15: la migliore è Luisa Bertani, dodicesima grazie a una bella rimonta nella seconda manche, con l’altoatesina Karoline Pichler tredicesima e Roberta Midali quindicesima, nella giornata in cui sono uscite prematuramente di scena alcune delle attese protagoniste, come la leader della classifica di specialità, la polacca Maryna Gasienica-Daniel, che nel 2018 aveva siglato una doppietta.

Il successo della Fürst-Holtmann, il terzo della carriera in Coppa Europa, va a suggellare lo stretto rapporto che lega la skiarea Dolomiti Paganella e il Norway Ski Team, che da alcuni anni ha nell’apprezzato comprensorio sciistico trentino la propria base d’allenamento europea.

 

Tra le migliori interpreti delle gare tra le porte larghe, Fürst-Holtmann ha fatto segnare il miglior tempo nella selettiva prima manche (1’14”07), tracciata dal tecnico azzurro Damiano Scolari. La norvegese ha chiuso con un vantaggio di 0”24 sull’austriaca Katharina Huber e di 0”42 sulla svizzera Camille Rast, con la vincitrice delle prime due gare di slalom gigante di coppa Europa (a Hippach, Austria) Maryna Gasienica-Daniel out nella prima discesa, in cui sono uscite in totale 31 delle 80 partenti.

 

Nella seconda manche si sono rimescolate le carte, ma non è cambiato il nome della leader. Fürst-Holtmann ha messo in pista una sciata solida e ha respinto il tentativo di rimonta delle avversarie. La svizzera Camille Rast ha sfruttato al meglio la tracciatura del proprio allenatore Heini Pfitscher e ha scalato una posizione, chiudendo seconda a 0”59, con la francese Frasse Sombet terza a 1”00 (decima a metà gara).

 

Da segnalare anche il grande recupero della spagnola Nuria Pau, ottava dopo il trentesimo posto della prima manche. Non da meno sono state le azzurre, con la milanese Luisa Bertani che ha scalato 14 posizioni e si è classificata dodicesima a 2”14 dalla vincitrice. Quindici, invece, sono le posizioni guadagnate nella seconda manche da Karoline Pichler, alla fine tredicesima a 2”15, con Roberta Midali quindicesima a 2”25.

 

Per l’Italia sono entrate in zona punti anche Vivien Insam (19esima grazie a una rimonta di 10 posizioni), Valentina Cillara Rossi (23esima), Carlotta Saracco (26esima) e Elena Sandulli (27esima). Uscita nella seconda “run” la 17enne trentina Beatrice Sola, che era partita con il pettorale 80 e aveva pagato un distacco pesante nella prima manche.

 

Nonostante la giornata storta, la polacca Gasienica-Daniel ha mantenuto la vetta della classifica di Coppa Europa, sia generale che di specialità, con 200 punti all’attivo. Nella generale seconda è la slalomista azzurra Lara Della Mea (180), mentre in quella di gigante seconda è l’austriaca Elisa Moerzinger (154), quinta e vittoriosa lo scorso anno ad Andalo, con Mina Fürst-Holtmann quinta nella generale e terza nella graduatoria di specialità con 145 punti.

 

Le temperature troppo alte hanno poi consigliato a organizzatori e tecnici della Fis di optare per l’annullamento della seconda gara di slalom gigante femminile di Coppa Europa per garantire la massima sicurezza delle atlete. "Tutto è andato bene, anche grazie alla serietà di atleti e tecnici, molto rispettosi dei protocolli – spiega Ruggero Ghezzi, direttore del Consorzio Paganella Ski –. Il risultato è stato comunque ottimo: nel primo gigante abbiamo avuto al via 90 atlete di 19 nazioni. La Paganella è diventata una location importante all’interno del panorama mondiale dello sci, complice anche la presenza del Norway Ski Team, che da anni ha nel nostro comprensorio la propria base d’allenamento europea e che anche nei giorni scorsi si è allenato sulle nostre piste".

 

Dopo la coppa Europa di sci alpino, la skiarea Dolomiti Paganella si appresta ad aprire le porte allo skialp e a ospitare per la prima volta nella propria storia i campionati italiani della disciplina. Saranno tre le gare in programma, da domenica 27 a martedì 29 dicembre.

 

Tre i titoli in palio, quelli della sprint, della staffetta e della vertical race, con il Consorzio Paganella Ski affiancato nell’organizzazione dal collaudato staff del Brenta Team. In gara ci saranno circa 300 atleti e l’osservato speciale sarà il beniamino di casa Federico Nicolini, atleta di Molveno che è reduce dalla splendida vittoria nella vertical race di Coppa del Mondo disputata nello scorso weekend a Ponte di Legno.

 

"Possiamo contare sull’esperienza del Brenta Team, abbiamo deciso di accettare questa sfida – commenta il direttore di Paganella Ski, Ruggero Ghezzi –. Vogliamo dare un segnale ai nostri affezionati e veicolare un messaggio positivo per l’apertura della stagione invernale".

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 settembre - 19:02
Alla Bookique di Trento, martedì 21 settembre alle 18 e 30, si terrà l'ultimo incontro della Rassegna Generazione 2021 alla quale parteciperà, [...]
Cronaca
19 settembre - 15:04
Molto probabilmente il conducente è stato tradito dall’asfalto reso bagnato dalla pioggia perché a un certo punto il mezzo si è imbarcato per [...]
Montagna
19 settembre - 12:24
A Carisolo una malga è stata assegnata senza gara per soli 350 euro all’anno, ma nel Comune vicino il prezzo per un pascolo simile è quasi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato