Contenuto sponsorizzato

Basket Serie A, espugnata la Blm Group Arena. Pesaro mette l'Aquila al tappeto all'ultimo secondo. PAGELLE

Dopo una rimonta di grande qualità che vede i bianconeri riaprire la partita avendo toccato anche il -15, Pesaro riesce a scamparla all'ultimo secondo con una tripla di Lamb. Per Trento si allontana sempre di più il sogno playoff

Di Mattia Sartori - 23 aprile 2022 - 22:11

TRENTO. Rimangono solo tre appuntamenti sul calendario dei bianconeri. Tre serate in cui capitan Forray e compagni dovranno dare il massimo per concludere al meglio la stagione e sperare in un biglietto per i playoff. Il match di stasera vede un’Aquila priva di Caroline a difesa della Blm Group Arena contro Pesaro, squadra che sta attraversando un momento positivo visto anche lo stato di grazia di Delfino e Jones, le sue punte di diamante. La Dolomiti Energia non solo ha bisogno di buone performance da parte dei giocatori, ma spera anche nel caloroso sostegno dei tifosi trentini, un fattore che si è rivelato fondamentale nelle ultime due vittorie, che infatti sono arrivate in casa.

 

Non è una Trento molto agguerrita quella che si presenta in campo per i primi minuti di gioco. In attacco i bianconeri non riescono a costruire tiri efficaci e in difesa subiscono le penetrazioni di Pesaro, che con un parziale di 8-0 prende subito il comando e costringe Molin al timeout. Le indicazioni del coach aiutano i trentini a ritrovare ritmo in partita, anche se per poco. Infatti, dopo un controparziale di 6-1 a favore dei padroni di casa, la Carpegna Prosciutto ritorna a macinare punti con facilità, concludendo il primo quarto ancora avanti di 7 (12-19).

 

Nel secondo quarto Pesaro continua a tenere in mano le redini della partita nonostante qualche tentativo di recupero da parte dei bianconeri. I padroni di casa riescono al massimo a riportarsi a 5 lunghezze di distanza, ma vengono subito ricacciati indietro, scivolando fino a -15. Particolarmente deleterie per i trentini si rivelano le triple di Tambone e le penetrazioni di Jones, che infliggono pesanti danni alla difesa dell’Aquila. I trentini riescono però a salvare la situazione con un devastante Flaccadori che negli ultimi minuti mette a segno un parziale di 7-0, riaccorciando le distanze prima della pausa di metà partita (35-44).

 

Tornati in campo dopo la pausa lunga i bianconeri sembrano a un passo dal riaprire la partita. Con Flaccadori e Forray la Dolomiti Energia riesce di nuovo a spingersi fino a -5, ma anche questa volta il momento dura poco e basta un attimo di distrazione per permettere alla Carpegna Prosciutto di riportarsi a 10 lunghezze di distanza. I trentini però non demordono e rispondono subito con un nuovo parziale di 7-0, riportando il vantaggio di Pesaro ad un solo possesso. Con la tripla di Johnson arriva anche la parità a quota 57 e prima della sirena Trento mette la freccia ed effettua il sorpasso, guadagnandosi il vantaggio per la prima volta nel match (61-59).

 

Le triple di Lamb e Moretti ricacciano indietro Trento all’inizio del quarto periodo, ma le giocate d’esperienza del capitano permettono ai bianconeri di mantenersi a contatto. Moretti continua a colpire dalla lunga distanza, mettendo Pesaro fuori dalla portata dei bianconeri. L’Aquila stavolta risponde con Reynolds, che con un personale parziale di 6-0 rimette i trentini ad un solo punto di distanza, divario che viene subito colmato da Williams con il canestro che sigla il nuovo sorpasso dei padroni di casa. Con una tripla Johnson firma il +4 bianconero con appena 30 secondi da giocare, ma Pesaro risponde con Sanford dalla distanza. Bradford dalla lunetta manda Trento a +2, ma la Carpegna Prosciutto trova Lamb, che dall’angolo infila una tripla fatale e vanifica tutti gli sforzi dei trentini (82-83).

 

JOHNSON 6,5 – Si accende al tiro e riesce a lasciare il segno da questo punto di vista, ma non riesce a inserirsi come leader nella formazione trentina, guidando i compagni alla vittoria.

 

BRADFORD 5 – Serata no al tiro per il numero 1 trentino, che fatica a infilare il pallone nell’anello, soprattutto quando prende l’iniziativa da solo e non coinvolge i compagni nel gioco.

 

WILLIAMS 5,5 – Sotto canestro lascia che i lunghi avversari l’abbiano vinta troppo spesso, andando al ferro senza convinzione in attacco e lasciandoli passare in difesa.

 

REYNOLDS 7 – Se non fosse stato per il risultato finale per il numero 5 sarebbe stata una grandissima serata. Ottime percentuali e soprattutto un’ottima scelta dei tiri gli permettono di incidere nei momenti decisivi della rimonta trentina.

 

GAYE – N.E.

 

CONTI 6 – Questa sera il giovane bianconero non lascia un grandissimo impatto sulla partita, ma fa il suo dovere.

 

MORINA – N.E.

 

FORRAY 7 – Esperienza e grade lucidità caratterizzano il gioco del capitano, uno degli elementi fondamentali della rimonta. Peccato solo che non sia arrivata la soddisfazione finale.

 

FLACCADORI 6,5 – Come spesso succede è una parte fondamentale del gioco della squadra, incidendo in molte situazioni importanti. Pecca in difesa, dove a volte si lascia scappare l’avversario.

 

MEZZANOTTE 6 – Nei suoi pochi minuti in campo raccatta 2 punti e 2 rimbalzi. Senza infamia e senza onore.

 

DELL’ANNA – N.E.

 

LADURNER – S.V.

 

MOLIN 6 – Porta quasi a compimento una grande rimonta, che però deriva da una necessità nata nei primi due quarti, giocati in maniera insufficiente. Si fanno sempre più flebili le speranze di andare ai playoff.

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO – CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO 82-83

(12-19; 23-25; 26-15; 21-24)

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO. Johnson 15, Bradford 5, Williams 9, Reynolds 19, Gaye, Conti 3, Morina, Forray 13, Flaccadori 16, Mezzanotte 2, Dell’Anna, Ladurner. Allenatore: Emanuele Molin.

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO. Mejeris 9, Moretti 17, Tambone 8, Stazzonelli, Lamb 16, Zanotti 9, Sanford 13, Demetrio, Delfino 5, Jones 6. Allenatore: Luca Banchi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 giugno 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
30 giugno - 18:52
A partire dal 2023 sindaci, vicesindaci e assessori si vedranno aumentare le indennità per una cifra che va dal 18% al 46%. Ossanna: “Riteniamo [...]
Politica
30 giugno - 19:49
Futura e Sinistra Italiana chiedono le dimissioni del consigliere Lorenzo Prati che in aula aveva detto: “È facile fare il finocchio con il coso [...]
Cronaca
30 giugno - 19:25
L'incidente è avvenuto nella zona di Vermiglio lungo una strada forestale. Il mezzo è precipitato per svariati metri finendo contro un albero: [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato