Contenuto sponsorizzato

A Bolzano la Diatec cade contro il Friedrichshafen dopo 36 minuti di tie break, ma la festa è tutta per Simone Giannelli

La Diatec Trentino chiude il proprio pre-campionato con una sconfitta al tie-break nell'amichevole di ieri sera al PalaResia di Bolzano. Buone indicazioni per il tecnico Angelo Lorenzetti. Sabato inizia la stagione con la Supercoppa italiana

Pubblicato il - 05 ottobre 2017 - 20:03

BOLZANO. La Diatec Trentino chiude il proprio pre-campionato con una sconfitta al tie-break nel'amichevole di ieri sera al PalaResia di Bolzano. I tedeschi del Friedrichshafen si impongono al termine di un quinto set infinito e durato 36 minuti fino al 31-33 di marca tedesca. 

 

Gli applausi più convinti, come era naturale che fosse, i fans altoatesini li hanno riservati al giocatore più atteso: Simone Giannelli è stato infatti accolto in maniera davvero straordinaria dalla sua città, tanto che il palleggiatore al termine della gara è stato, felicemente, costretto agli straordinari tra foto, selfie e autografi.

 

Tra i gialloblu da sottolineare la grande prestazione di Lanza (24 punti col 67% in attacco) e la solita ottima vena dei centrali in attacco: Zingel ha chiuso col 70% a rete (e 3 muri), Eder col 65%, conditi da 4 muri e 4 ace. Notevole anche l’apporto di Vettori, impiegato nei primi tre set. 

 

Angelo Lorenzetti tiene a riposo Kovacevic e getta nella mischia Cavuto, in diagonale a Lanza, i centrali sono Eder e Zingel, il libero De Pandis, Vettori l’opposto e Giannelli (premiato ad inizio match).

Heynen risponde con Tischer in regia, Boladz opposto, Sossenheimer e Protopsaltis in banda, Gunthor e Collin al centro, Steuerwald libero.

 

L’avvio è tutto appannaggio della Diatec Trentino, che con i propri centrali (due muri consecutivi di Zingel e due primi tempi di Eder) scava subito un solco piuttosto profondo rispetto agli avversari, anche perché Lanza fa subito intuire di essere in buona serata in attacco (7-4 e 12-9). I tedeschi si rifugiano nel time out e alla ripresa sembrano trovare buon ritmo con Boladz a rete (14-12), ma è solo un attimo perché poi ancora Zingel (muro) ed Eder (contrattacco) regalano il +6 ai gialloblu (18-12). La parte finale del parziale d’apertura è quindi condotta in assoluta scioltezza dai trentini (20-13, 23-15), anche perché le percentuali di cambiopalla di Trento rimangono molto alte (25-18, punto finale di Lanza).

 

La musica cambia nel secondo set, con il Friedrichshafen subito molto efficace in battuta e a rete, che tiene bene il campo (7-9) e accelera con Sossenheimer al servizio sino al +4 (11-15). La Diatec Trentino cerca di riavvicinarsi, sfruttando al massimo il buon lavoro prodotto dal muro e dalla difesa (17-19), ma i tedeschi tornano in fretta in auge con lo stesso Sossenhemeir (17-21) e poi chiudono i conti portando in parità l’incontro con Protopsaltis (21-25).

Nel terzo periodo il primo acuto è firmato al servizio dal neoentrato Malescha (in campo al posto di Boladz), che a suon di ace firma il 2-6 esterno. Lanza risponde in pipe (4-7), ma il cambiopalla trentino non è fluido e gli ospiti allungano ulteriormente (5-10, 8-14) anche per meriti specifici dei propri battitori che mettono sovente in difficoltà Cavuto (11-17). Lorenzetti getta allora nella mischia anche Teppan (per un comunque positivo Vettori) ma l’inerzia della frazione è ormai segnata (15-21), nonostante un tentativo disperato di Eder in battuta (sino al 19-21, prima del 19-25).

Dopo due set in chiaroscuro, la Diatec Trentino reagisce e nel quarto periodo parte a spron battuto (8-6, 11-8) guidata da Capitan Lanza. Heynen interrompe il gioco, ma il muro di Trento fa buona guardia anche alla ripresa del gioco, consentendo ai gialloblù un ulteriore allungo (16-11). In seguito Eder continua ad abbassare la saracinesca, propiziando con muri in serie il tie break, che si materializza sul PalaResia dopo il 25-19 trentino.

Nel quinto set la lotta resta serratissima (8-10, 12-11, 14-14, 18-18, 22-22) e va ben oltre il punteggio normale, anzi lo doppia; ai vantaggi dopo una infinità di match ball da una parte e dall’altra, la spunta il Friedrichshafen col punteggio record di 31-33. 

 

Per la Diatec Trentino ancora un allenamento al PalaTrento, giovedì pomeriggio, prima della partenza per Civitanova Marche dove sabato affronterà Perugia nella seconda semifinale della Del Monte Supercoppa 2017.

 

DIATEC TRENTINO-VfB FRIEDRICHSHAFEN 2-3
(25-18, 21-25, 19-25, 25-19, 31-33)

DIATEC TRENTINO: Eder 19, Giannelli 3, Lanza 24, Zingel 10, Vettori 14, Cavuto 13, De Pandis (L); Chiappa (L), Kozamernik 2, Teppan 8, Partenio. N.e. Leoni All. Angelo Lorenzetti.
VFB FRIEDRICHSHAFEN: Protopsaltis 15, Collin 9, Boladz 5, Sossenheimer 19, Gunthor 12, Tischer 7, Steuerwald (L); Takvam 1, Malescha 17, Kevorken, Kocian 5. N.e. Spath e Atanasov. All. Vital Heynen.
ARBITRI: Sabia di Potenza e Giglio di Trento.
DURATA SET: 22’, 25’, 26’, 26’, 36’; tot. 2h e 15’.
NOTE: 1.400 spettatori circa. Diatec Trentino: 12 muri, 7 ace, 28 errori in battuta, 6 errori in attacco, 55% in attacco, 48% (29%) in ricezione. VfB Friedrichshafen: 11 muri, 9 ace, 21 errori in battuta, 4 errori in attacco, 45% in attacco, 54% (35%) in ricezione.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

23 ottobre - 18:58

Le foto inviate a ildolomiti.it da parte di alcuni utenti mostrano situazioni a rischio contagio. In nessun caso viene rispettato il metro di distanza fisica. "Dovrebbero aggiungere carrozze ai treni ed invece pensano di aumentare i pullman che rimangono poi vuoti" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato