Contenuto sponsorizzato

Caos e parapiglia al Briamasco, colluttazione tra ultras del Napoli e le forze dell'ordine

Calcio. L'episodio è avvenuto all'ingresso dello stadio per la partita tra la formazione di Maurizio Sarri e il Chievo Verona. I tifosi della sigla  Area Nord Curva B hanno forzato l'ingresso entrando senza biglietto

Di Luca Andreazza - 22 luglio 2017 - 22:15

TRENTO. Caos e parapiglia all'esterno del Briamasco tra alcuni ultras partenopei e le forze dell'ordine. Trento ospita l'amichevole Napoli-Chievo e sono tanti i tifosi che hanno raggiunto il capoluogo per seguire la gara.

 

Già nel tardo pomeriggio diversi tifosi si erano fatti notare per qualche fumogeno in via Belenzani, cori e canti. Nulla di pericoloso e nessun contatto, ogni gruppo per conto proprio, anche se i carabinieri erano intervenuti per invitare i sostenitori delle compagini alla calma. Quel poco che è successo sembrava rientrato (Qui articolo).

 

Invece ci sono stati momenti di tensione e contatti ravvicinati all'esterno del Briamasco, quando un gruppo di ultras partenopei, appartenenti alla sigla Area Nord Curva B, ha caricato il cancello dell'ingresso dello stadio facendo scattare una colluttazione con la polizia e gli steward presenti, entrando senza biglietto

 

Le forze dell'ordine hanno quindi chiamato i rinforzi per risolvere la situazione: la polizia è arrivata in via Sanserverino in assetto anti-sommossa e caschi blu, ma gli ultras ormai avevano già forzato l'ingresso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 marzo - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

03 marzo - 16:25

Battiston lo aveva annunciato e così è stato: in una settimana i contagi in Trentino sono aumentati del 30% ma nei prossimi 7 giorni la situazione potrebbe persino essere peggiore. Secondo Agenas sia gli infetti attivi che i posti letto occupati in terapia intensiva sono destinati ad aumentare in maniera significativa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato