Contenuto sponsorizzato

I fiemmesi Bertagnolli e Casal campioni del mondo di combinata Visually Impaired

I due 18enni di Cavalese a Tarvisio fanno l'impresa e centrano l'oro mondiale. Pancalli: "Giacomo e Fabrizio hanno rappresentato al meglio la nostra Nazionale dimostrando di essere già presente e futuro dello sport paralimpico invernale italiano"

Pubblicato il - 29 January 2017 - 19:10

TARVISIO. "La tensione ormai non c'è più. In partenza la tensione non esiste perché se parti teso non arrivi da nessuna parte". E invece loro due stanno andando lontano, eccome. A parlare, come fosse ormai un veterano, è un ragazzo di 18 anni che messa in bacheca la sfera di cristallo della Coppa del Mondo dell'anno scorso, punta assieme alla suo amico e compagno di discesa Fabrizio Casal a fare il bis quest'anno. Stiamo parlando di Giacomo Bertagnolli che ieri sulle nevi di Tarvisio è riuscito assieme a Casal a centrare l'oro nella supercombinata categoria Visually Impaired (atleti con disabilità visive) del Mondiale.

 

I due fiemmesi, la coppia d'oro dello sci paralimpico italiano, dunque non smettono di stupire. Sorrisi e applausi si sprecano per questi due splendidi 18enni originari di Cavalese che in questa stagione erano partiti un po' a rilento. Cadute, qualche buon piazzamento. Poi il terzo posto in SuperG di tre giorni fa e adesso, finalmente, è arrivato l'oro e l'urlo di campioni del mondo.

 


 

 

1:50.49 il tempo complessivo fatto registrare dai due atleti trentini. Primi al termine del Super G (1:05.75), Bertagnolli e Casal hanno fermato il crono, nello slalom, sul 44.74. Alle spalle degli azzurri si sono piazzati i francesci Marcoux e Leitch (1:51.97) e gli slovacchi Krako e Brozman (1:52.28). "Una prestazione straordinaria - ha dichiarato il Presidente del CIP, Luca Pancalli - complimenti ai ragazzi, giovanissimi ma già altamente competitivi. Giacomo e Fabrizio hanno rappresentato al meglio la nostra Nazionale dimostrando di essere già presente e futuro dello sport paralimpico invernale italiano".

 

"Sono particolarmente soddisfatto che il processo di trasformazione intrapreso dalla FISIP abbia portato a questi primi importantissimi risultati - ha aggiunto Pancalli - figli del lavoro della Presidente Nasi e di un intero Team che oggi può senza dubbio guardare ai prossimi Giochi Paralimpici di Pyeongchang (Corea del Sud) del 2018 con maggiore ottimismo". "Queste medaglie ci danno la giusta carica per arrivare pronti alle prossime Paralimpiadi" ha aggiunto Giacomo a fine gara. Poi con tricolore in mano, assieme a Fabrizio, si sono diretti al podio e si sono gustati un Inno di Mamaeli iridato.

 


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 aprile - 16:05
Le persone arrivano al Centro vaccinale ma si trovano accalcate fuori dalla struttura: “Per non doversi ammassare c’era persino chi faceva [...]
Cronaca
12 aprile - 12:21
Nel corso dell'emergenza Covid le persone hanno dovuto rispettare il periodo di isolamento a causa del contagio o del contatto di una persona [...]
Cronaca
12 aprile - 13:05
Prima è rimasto in piedi tra gli alberi schiantati della tempesta Vaia, nei giorni scorsi è riuscito a resistere ad un furioso incendio. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato