Contenuto sponsorizzato

Il Levico di mister "Manfio" è a un passo dal ripescaggio in serie D

Prossima settimana dovrebbe arrivare l'ufficialità del ripescaggio e quindi la prossima stagione dovrebbero essere tre le squadre provinciali nel campionato nazionale

Di Daniele Loss - 28 luglio 2017 - 18:57

LEVICO. Il ripescaggio? E' praticamente cosa fatta: a meno di ventiquattr'ore dalla prima uscita stagionale, fissata per domani alle 17 in viale Lido contro il Cittadella, a Levico Terme sono pronti a stappare lo spumante e festeggiare il ritorno in serie D.

 

La comunicazione ufficiale da Roma arriverà presumibilmente venerdì prossimo: giovedì si riunirà il Consiglio Federale che "porterà" in serie C Triestina e Rende, che hanno presentato regolare e completa domanda per il ripescaggio tra i professionisti. La società friulana e quella calabrese "libereranno", dunque, due caselle nel torneo di serie D a cui si sommeranno gli otto posti lasciati vacanti dai sodalizi che, pur avendo diritto, non si sono iscritte, quasi tutte per difficoltà di carattere finanziario.

 

Ad Altovicentino, Melfi, Macchia, Real Metapontino e Racing Roma, che avevano rinunciato ancora ad inizio luglio, si sono aggiunte negli ultimi giorni Folgore Selinunte, Gladiator e, ultima della lista, Ancona. Due ripescate più otto "rinunciatarie" fanno dieci ripescaggi e tanto basta al Levico Terme, che occupa proprio la decima posizione nella speciale graduatoria tra le formazioni che hanno chiesto di poter essere ripescate in serie D e che comprende le retrocesse dopo i playout (come i trentini, per l'appunto) e le squadre che non hanno ottenuto la promozione tramite i playoff d'Eccellenza.

 

Il Consiglio Federale effettuerà i ripescaggi in serie C, poi provvederà a "recuperare" almeno dieci formazioni in serie D e, a strettissimo giro di posta, il Dipartimento Interregionale renderà noti i gironi e il calendario della Coppa Italia. Pochi giorni dopo (lunedì 7 o, al più tardi martedì 8 agosto) sarà invece il momento dei calendari. Saranno dunque tre le formazioni trentine che prenderanno parte al prossimo campionato di Quarta Serie: il Trento si presenterà al via del proprio girone (che, voci di corridoio, raccontano sarà composto da bresciane e venete) con ambizioni d'altissima classifica (obiettivo minino la zona playoff), mentre Dro e Levico Terme andranno a caccia della salvezza, se possibile evitando i playout.

 

Il Dro parteciperà al campionato Interregionale per il quinto anno di fila (anche i gialloverdi hanno usufruito di un ripescaggio), mentre per il Levico si tratterà della terza stagione di fila. Domani, intanto, Manfioletti e la sua rinnovatissima truppa (poche le conferme rispetto alla scorsa stagione) si presenteranno al pubblico di casa: l'appuntamento è per le ore 17 in viale Lido contro il Cittadella del direttore sportivo (trentino) Stefano Marchetti e tra le cui fila milita l'esterno mancino Amedeo Benedetti, originario della Val di Gresta. Sarà la prima volta in maglia gialloblù per tanti giocatori arrivati nel corso del mercato estivo.

 

Uno su tutti, il bomber Fabio Bertoldi che, dunque, si appresta per la prima volta a calcare i campi della serie D, dopo averla "rifiutata" a più riprese in passato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 04:01

Mentre i positivi continuano a scendere, per la comunicazione ufficiale, siamo andati ad analizzare i dati completi per capire se anche i positivi agli antigenici calano. Ecco il focus su una decina di comuni con il confronto rispetto a una settimana fa. Ebbene se Pergine ha ridotto i contagiati attivi di 129 unità e Baselga di Piné è scesa, fortunatamente, sotto il 3% soglia critica per la ''zona rossa'' in molte altre realtà il totale di positivi è aumentato per un dato globale che si mostra stabile 

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato