Contenuto sponsorizzato

Il Trento potenzia il settore giovanile, arriva l'allenatore Marco Montresor

Calcio. Il tecnico veronese ha lavorato anche nella 'cantera' del Valencia e in Australia come selezionatore della nazionale under 16. Questo tassello arricchisce il progetto 'Promesse trentine' che oggi coinvolge quindici società in Regione. Mauro Giacca: "La Prima squadra è un traino, ma il settore giovanile è fondamentale"

Di Luca Andreazza - 29 giugno 2017 - 18:07

TRENTO. Il Trento è un cantiere, nel quale si lavora su più fronti. Il sodalizio di via San Severino non è solo attiva sul mercato per costruire la rosa in vista del ritorno in serie D e dopo aver rafforzato la componente societaria con l'ingresso del noto imprenditore Enrico Zobele, i gialloblù puntellano anche il settore giovanile. La grande novità è un colpo da novanta: Marco Montresor.

 

"La nostra società - commenta Mauro Giacca, numero uno del Trento - fin dall'inizio ha deciso di puntare in maniera decisa sul settore giovanile. La Prima squadra è importante per il traino societario, ma non dobbiamo dimenticare le fondamenta e il nostro obiettivo è quello di diventare il riferimento per tutti i giovani della regione".

 

Il tecnico veronese classe 1973, che siederà sulla panchina della formazione aquilotta che affronterà il prossimo campionato 'Allievi Elite', è un giramondo del calcio, dopo le prime stagioni in qualità di allenatore delle selezioni giovanili della Pistoiese, si è messo alla prova anche nella 'cantera' del Valencia, ma anche in Australia come selezionatore della nazionale under 16, oltre alle esperienze tra Ternana, Gubbio e Alto Adige (collaboratore tecnico) 

 

"Ringrazio la società - dice Marco Montresor - per avermi dato l’opportunità di far parte di questo gruppo e cercherò di mettere a disposizione tutta l’esperienza maturata negli anni. Sono convinto che qui ci sia una programmazione importante, la scuola calcio del Trento e il progetto 'Promesse trentine' sono per me sfide stimolanti. Trento è stata fin da subito la mia prima opzione e non vedo l’ora di iniziare, ho scelto questa piazza perché qui c’è grande professionalità e voglia di arrivare in alto".

 

Oltre all’arrivo di Montresor è stato confermato anche gran parte dello staff tecnico del settore giovanile: Caliari sarà in prima linea con la formazione 'Juniores nazionale', mentre nella categoria allievi ci sarà anche Ortolani, tecnico dalla grande esperienza e reduce dall’annata fortunata con la prima squadra del Cavedine Lasino. Arricchiscono l’organico anche Oliviero nuovo allenatore degli 'Allievi Provinciali' e Fontana che si occuperà dei pulcini classe 2008.

 

"Aggiungiamo una pedina fondamentale nel nostro scacchiere - evidenzia Loris Bodo, responsabile del settore giovanile - siamo molto felici di questo ingresso e sicuri che Marco alzerà ancora il nostro livello del settore giovanile. Il nostro obiettivo è quello di fornire giocatori alla Prima squadra e possiamo raggiungere questo risultato solo affidandoci a persone preparate e competenti". 

 

Un tassello che cerca di sviluppare ulteriormente il progetto 'Promesse trentine' e il settore giovanile: "L'intenzione - conclude Giovanni Gardelli, referente organizzativo 'Promesse trentine' - è quella di mettere in rete le società calcistiche del nostro territorio per far crescere il movimento calcistico regionale. Oggi sono quindici le società che hanno contatti definitivi con il Trento, ma presto aggiungeremo altre società".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato