Contenuto sponsorizzato

Trento e Juventus unite per sviluppare il settore giovanile gialloblu

Le giovani promesse trentine in orbita bianconera, la società di via San Severino entra a far parte delle Scuole calcio Juventus

I dirigenti del Trento accolta dal responsabile della Juventus Academy Claudio Gabetta a Vinovo
Pubblicato il - 01 luglio 2017 - 11:05

TRENTO. Il Trento si tinge un po' di bianconero e la società di via San Severino inizia infatti una collaborazione con i campioni d'Italia della Juventus, legandosi in particolare al settore giovanile: l'obiettivo è quello di aggiungere professionalità e programmazione al progetto trentino.

 

Il sodalizio presieduto da Mauro Giacca ha avviato infatti una sinergia con le Scuole calcio Juventus, che rappresentano un numero ristretto di centri di eccellenza e riferimento sul territorio nazionale.

 

Parametri sportivi e valoriali, ma anche la condivisione delle metodologie, così come la formazione dei tecnici e le visite effettuate dallo staff bianconero nel corso della stagione, sono alla base della partnership tra Trento e Juventus.

 

"Siamo orgogliosi - commenta Mauro Giacca, numero uno del Trento - di questa collaborazione e della possibilità di associare il nostro brand a quello del club calcistico più glorioso a livello mondiale. Il fascino, la storia e l’altissima competenza organizzativa della società bianconera rappresentano uno stimolo di grande valore a livello di immagine e di crescita per il settore giovanile gialloblu".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato