Contenuto sponsorizzato

Il Trento a Roberto Vecchiato, un ritorno per il nuovo tecnico gialloblù

Calcio. L'allenatore, reduce da quattro anni molto positivi a Belluno, ha collezionato 63 presenze come giocatore del Trento. Il vice presidente Sontacchi: "Abbiamo un progetto importante, a cominciare da quanto intendiamo realizzare a Trento Sud"

Da sinistra il tecnico Roberto Vecchiato e il presidente Mauro Giacca
Pubblicato il - 19 maggio 2017 - 18:46

TRENTO. "Sono onorato e felicissimo di tornare in questa società, un traguardo raggiunto dopo la bellissima esperienza sulla panchina del Belluno. Non mi pongo la questione del girone che affronteremo: la priorità è costruire una squadra capace di giocare con qualità di fronte a qualsiasi avversario", queste le prime parole di Roberto Vecchiato, il nuovo tecnico del Trento, reduce da quattro stagioni a Belluno, dove è riuscito a valorizzare diversi giovani, raggiungendo i playoff in tre occasioni.

 

"Ho condiviso - aggiunge l'allenatore - l'accordo annuale: desidero che il Trento apprezzi sia il tecnico che la persona: devo dimostrare le motivazione di fare il meglio per soddisfare la storia e i tifosi del Trento".


Il tecnico è già conosciuto a queste latitudini: dopo aver collezionato 63 presenze in maglia gialloblù a cavallo delle stagioni 2002/03 e 2003/04, lasciando un ottimo ricordo in Trentino, dove risiede inoltre con la famiglia.

 

"Le caratteristiche del nuovo tecnico - spiega Fabrizio Brunialti, direttore generale del Trento - sono esattamente quelle disegnate dal nostro Consiglio di amministrazione e individuate dal Direttore Sportivo Claudio Rastelli. La società ringrazia Stefano Manfioletti per i risultati conseguiti insieme e il presidente del Belluno Perissinotto per aver dato il via libera alla presentazione di Vecchiato, tecnico col quale abbiamo concordato un vincolo annuale".

 

La stagione del Trento parte ufficialmente il prossimo 15 luglio, data di inizio del ritiro in Val di Fiemme in vista dell'esordio nella quarta serie nazionale. Occupata la casella del tecnico, ora il direttore sportivo Claudio Rastelli può iniziare a costruire la rosa da mettere a disposizione di Vecchiato.

 

"Il vero progetto parte oggi - commenta il vice presidente Daniele Sontacchi - e stiamo costruendo le fondamenta che vedono in Vecchiato un tassello importante. Non chiediamo al tecnico di vincere il campionato, ma di portare il suo contributo alla crescita, mentre la società porta avanti con convinzione le iniziative intraprese a livello di prima squadra e di settore giovanile, a cominciare dalla struttura che intendiamo realizzare a Trento Sud".

 

Vecchiato è già operativo e lavora in sinergia con il direttore sportivo per costruire una formazione competitiva:" Quando ci siamo trovati a definire il percorso con la società - conclude Claudio Rastelli - abbiamo condiviso la necessità di affidare la panchina ad un tecnico esperto, ambizioso e concentrato sul Trento a tempo pieno. La scelta è caduta su Roberto proprio perché ha una concezione del calcio del tutto coerente con lo stile della società gialloblu. Su queste basi costruiremo una rosa che parte dalla scelta strategica degli under e arriva alla composizione di un impianto tattico adeguato anche come mentalità".

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 15:21
A causa del concerto di Vasco e di uno sciopero, negli ospedali di Trento e Rovereto, sono saltate alcune operazioni [...]
Cronaca
23 maggio - 13:40
Nelle scorse settimane la Provincia aveva provato a trovare una soluzione sulla complicata vicenda che riguarda la costruzione del Not. Ma l'Anac [...]
Cronaca
23 maggio - 11:01
Il primo intervento alla pista di motocross del Ciclamino per un 18enne caduto rovinosamente a terra che ha battuto violentemente il costato, poi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato