Contenuto sponsorizzato

La Trentino Volley in treno verso Sora

Lorenzetti potrà contare sulla rosa al completo. Si attende un ambiente infuocato per la storica prima del Biosì Indexa nel massimo campionato. Daniele Mazzone e l'allenatore Bruno Bagnoli gli ex di turno

Pubblicato il - 08 ottobre 2016 - 18:24

TRENTO. Dopo il vincente esordio contro Vibo Valentia, la Trentino Volley è in viaggio verso Sora per l'impegno della seconda giornata di campionato SuperLega UnipolSai 2016/17: fischio d'inizio programmato al PalaGlobo per le ore 18 di domenica 9 ottobre per un appuntamento particolare per l’ex di turno Daniele Mazzone, che proprio a Sora nella stagione 2012/13 disputò il suo ultimo campionato di Serie A2, prima di spiccare il volo per la massima serie nazionale con la maglia di Molfetta.

 

Angelo Lorenzetti attende dal match una risposta importante dal punto di vista del carattere: Quella di Sora sarà la prima di due trasferte consecutive che affronteremo in campionato; la ritengo particolarmente importante perché sarà l’occasione per verificare la nostra attuale ed effettiva personalità – spiega l’allenatore della Diatec Trentino - . La Biosì Indexa giocherà la prima partita di SuperLega della propria storia di fronte ai suoi tifosi e, come neopromossa, affronterà questo appuntamento con la mente libera ed il braccio sciolto. Dovremo quindi essere bravi a contenere il loro entusiasmo, porre attenzione e mettere in campo il gioco su cui stiamo lavorando in questo periodo in palestra. Sono curioso di vedere quale sia la nostra dimensione lontano dal PalaTrento”.

 

"In carrozza", il viaggio verso Sora della Trentino Volley

Trentino Volley raggiungerà la cittadina in provincia di Frosinone in treno e per il secondo impegno di regular season, lo staff tecnico potrà contare su tutti i quattordici giocatori della rosa.
 

Quello di domenica sera al PalaGlobo sarà, indipendentemente dal risultato finale maturato, un appuntamento storico per la Biosì Indexa Sora. Dopo lo sfortunato esordio nel primo turno al PalaPanini di Modena (sconfitta per 3-0), la neopromossa Società laziale disputerà proprio contro la Diatec Trentino la prima partita casalinga della sua storia in SuperLega. L’evento è inevitabilmente molto atteso in tutta la provincia di Frosinone e verosimilmente verrà seguito dal vivo da un numero eccezionale di tifosi, pronti a spingere la propria squadra come già fatto in passato in Serie A2. Per la prima stagione nel massimo torneo nazionale, la Società ha puntato sull'esperienza di Bruno Bagnoli, al rientro dopo tre stagioni di inattività.

 

A disposizione di quello che fu il primo allenatore della storia di Trentino Volley (guidò la squadra fra il 2000 ed il 2003, cogliendo 40 vittorie in 88 partite ufficiali) è stata messa una rosa piuttosto giovane, che ha nella coppia di posto quattro Rosso (ex Cuneo e Padova) e Kalinin (schiacciatore russo, prelevato da Ufa) gli elementi di maggiore esperienza. La carta d’identità e le potenzialità parlano invece a favore dell’opposto bielorusso Miskevich, dei centrali Mattei (ex Latina e Padova) e Gotsev (un paio di stagioni in Italia già alle spalle con Monza e Verona) e del palleggiatore bulgaro Seganov, che un anno fa svolse un mese di preparazione con la Diatec Trentino.
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:53

Sono stati analizzati 3.403 tamponi, 179 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 5,3%. Il bilancio è di 201 morti in questa seconda ondata

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato