Contenuto sponsorizzato

Pali, traverse e rigori sbagliati fermano la Virtus Bolzano. Vincono Calciochiese e Benacense

Calcio. Il San Giorgio si conferma primo, mentre il San Paolo sconfigge il Comano. Anaune e Arco pareggiano. Il Lavis impatta contro il San Martino

Michele Ciurletti del Comano
Di Luca Andreazza - 08 October 2017 - 19:32

TRENTO. Dopo sette giornate di Eccellenza, il San Giorgio si conferma in testa e questa domenica sconfigge per 2-1 il Termeno. La doppietta di Piffrader lancia i padroni di casa già dopo mezz'ora, nel finale di primo tempo Conci accorcia dal dischetto, ma il punteggio non cambia più.

 

Minimo sforzo e massimo risultato per il S. Paolo che regola il Comano per 1-0. La gara sembra avviata verso il pareggio, ma prima i termali restano in inferiorità numerica e quindi a dieci dal termine Fabi trova la rete da tre punti e gli altoatesini continuano l'inseguimento alla capolista.

 

Succede di tutto in Bressanone-Virtus Bolzano 3-3. Nagler porta in vantaggio i padroni di casa, ma i biancoverdi reagiscono: dopo un palo, una traversa e un rigore sbagliato, Kaptina e Timpone rovesciano il risultato in favore degli ospiti. Si apre la ripresa e Consalvo trova subito la rete del pari. Priller rispedisce però avanti il Bressanone. Kaptina un minuto dopo dice 3-3, ma nel finale fallisce il rigore decisivo e poi viene espulso per fallo di reazione.  

 

In quarta posizione l'Anaune pareggia per 0-0 sul campo dell'Arco, mentre Lavis (quinto) e San Martino pareggiano 1-1: Pichler porta in vantaggio gli ospiti, quindi Gretter al minuto numero 80 impatta la sfida. Il Calciochiese regola 1-0 il Maia Alta: basta Festa per incamerare tre punti e portarsi a 10 punti in classifica.

 

La Benacense espugna invece il terreno di gioco del Naturno per 2-1: Calliari dopo quattro minuti è freddo dal dischetto, quindi gli ospiti approfittano di un infortunio difensivo di Peer per portarsi in doppio vantaggio. Stark accorcia un minuto dopo, ma i rivani serrano le fila e portano a casa la vittoria.

 

Muove la classifica il Valle Aurina: Pareiner e Lorenzi sconfiggono il Bozner per 2-0.

 

CLASSIFICA: S. Giorgio 19, San Paolo 16, Virtus Bolzano 14, Anaune 12, Lavis 11, Comano 10, Calciochiese 10, Benacense 9, S. Martino 8, Termeno 8, Arco 6, Bozner 6, Naturno 5, Maia Alta 5, Valle Aurina 5, Bressanone 5

 

Bozner-Valle Aurina 0-2

Reti: 26' Pareiner, 53' Lorenzi 

 

Calciochiese-Maia Alta 1-0

Reti: 21' Festa

 

Naturno-Benacense 1-2

Reti: 4' rig. Calliari (B), 31' aut. Peer (N), 32' Stark (N) 

 

San Giorgio-Termeno 2-1

Reti: 8' e 32' Piffrader (S), 41' rig. Conci (T) 

 

San Paolo-Comano 1-0

Reti: 78' Fabi

 

Lavis-San Martino 1-1

Reti: 71' Pichler, 80' Gretter

 

Arco-Anaune 0-0

 

Bressanone-Virtus Bolzano 3-3

Reti: 9' Nagler (B), 19' e 64' Kaptina (V), 24' Timpone (V), 47' Consalvo (B), 63' Priller

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 December - 12:58

L’appello contro le “liberalizzazioni” volute da Fugatti, parte la campagna “Io la mascherina non la tolgo”. La denuncia: “Sono rimasta esterrefatta quando ho saputo che avrebbero allentato le restrizioni, eliminando l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. È come dire a tutte le persone più deboli di arrangiarsi''

03 December - 12:42

Quanto successo ieri non è uno strappo con Roma ma un atto che la regione avrebbe voluto porre in essere mesi fa ma che non ha potuto fare perché il consiglio era sciolto fino a metà ottobre. Di fatto è stata votata una legge per prendere provvedimenti come ha fatto Bolzano nella Fase-2 e a fine ottobre quando prima ha provato a tenere i bar e ristoranti aperti e poi si è autoproclamata zona rossa. E' un modo di gestire l'autonomia diverso da quello di Trento che non ha mai legiferato in materia e va avanti a ordinanze facilmente sospendibili come successo a fine ottobre

03 December - 11:36

A Capodanno coprifuoco più lungo. Ristoranti e bar possono aprire a pranzo a Natale, Santo Stefano, Capodanno e Epifania. Orario più lungo per i negozi. La cena dell'ultimo dell'anno può essere consumata solo in camera negli hotel

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato