Contenuto sponsorizzato

Schwazer: "Sono stato sicuramente incastrato ma non ci sono speranze che io torni alle gare"

Dopo la squalifica dalle Olimpiadi di Rio il marciatore altoatesino rivela: "Quando si capirà chi mi ha fatto questo mi aspetto, anche se raro in questo Paese, delle scuse".

Pubblicato il - 23 settembre 2016 - 17:27

BOLZANO. "Non penso ci siano speranze che io torni a gareggiare tra otto anni". Sembra arrivata alla parola fine la carriera di Alex Schwazer. Meglio al game over: tropo duro il colpo ricevuto dopo la squalifica dalle Olimpiadi di Rio per doping e, soprattutto, dopo che la Procura di Bolzano ha fatto sequestrare (in virtù di una rogatoria internazionale), solo pochi giorni fa, il campione di urine incriminato per sottoporlo all'esame del Dna. Un modo questo, comunque, per Alex di scoprire il vero colpevole. 

 

"Sono stato sicuramente incastrato - ha detto Schwazer nella sua intervista, la prima di ritorno da Rio, concessa a 'Verissimo' - e quello che adesso resta da capire è come e da chi. Questa cosa del Dna è buona per noi perché riusciremo a capire altre cose. Penso che, se si trovasse una qualsiasi cosa che non appartiene al mio fisico in queste urine, sarà la prova che c'è stato un complotto contro di me". "Quando si capirà chi mi ha fatto questo - ha concluso il marciatore di Vipiteno - mi aspetto, anche se raro in questo paese, delle scuse".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.31 del 13 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 19:04

Dopo la storia che abbiamo raccontato di Gianpaolo e Laura sono stati molti i trentini che hanno deciso di offrire il proprio aiuto. Intanto anche oggi hanno trascorso la giornata al freddo. Tra le offerte di aiuto non è mancato anche chi ha deciso di informarsi per pagare una settimana alla coppia in ostello in un B&B dove poter dormire al caldo

13 novembre - 19:56

Il maltempo ha causato sia l’interruzione della fornitura esterna di energia elettrica, necessaria per la trazione dei treni e il funzionamento delle apparecchiature tecnologiche, sia la caduta di alberi sulla linea ferroviaria. Nella giornata odierna si sono registrati non pochi disagi per i viaggiatori, salvo imprevisti la linea dovrebbe essere riattivata nella mattinata di domani

 

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato