Contenuto sponsorizzato

Serie D, il Trento cerca i primi punti a Bergamo, per il Dro è pronto Sartori. Il Levico sfida il Pontisola

Pronti, via. Si parte. La squadra di mister Vecchiato non nasconde i suoi obiettivi promozione mentre per le altre due compagini trentine si punta alla salvezza

Di Daniele Loss - 02 settembre 2017 - 20:25

TRENTO. Finalmente ci siamo. La Coppa Italia è servita - parzialmente - per "rodare" gli ingranaggi, ma da domani pomeriggio (calcio d'inizio su tutti i campi alle ore 15) per Trento, Dro e Levico Terme sarà il momento di fare sul serio. Parte il campionato di serie D e le tre compagini provinciali si presentano al via con obiettivi diversi: il club di via Sanseverino, che torna a calcare i campi di Quarta Serie a distanza di quattro anni dall'ultima volta (5 maggio 2013), punta alla zona playoff (ma non sarà semplice: nel raggruppamento veneto - friulano sarebbe stato molto più "facile", qui la rosa manca ancora di qualcosa), mentre Dro e Levico Terme correranno per la salvezza.

 

E, senza troppi giri di parole, se riusciranno a mantenere la categoria senza disputare i playout avranno compiuto ben più di un miracolo sportivo. L'esordio del Trento avverrà in terra lombarda contro la Virtus Bergamo, formazione di tutto rispetto, dal roster piuttosto corto ma con una coppia d'attacco che vale le primissime posizioni. L'allenatore Vecchiato non avrà a disposizione il solo Mohamed Diop, squalificato, mentre ha pienamente recuperato il centrocampista Alessio Bertaso.

 

Il Dro, invece, ospiterà sul campo in località Oltra il Ciliverghe Mazzano, squadra bresciana che nella passata stagione ha chiuso al secondo posto. Il tecnico Michele Ischia, all'esordio assoluto in campionato (questa è la sua prima stagione), potrà disporre del neoacquisto Matteo Sartori, mentre gli ultimi due arrivati (i difensori Guarino e Orlando) non sono stati ancora tesserati e si accomoderanno in tribuna.

 

Il Levico Terme, infine, viaggerà anch'esso alla volta della provincia di Bergamo: la squadra di Stefano Manfioletti affronterà il Pontisola senza l'ultimo acquisto Gabriele Sirabella, alle prese con una distorsione alla caviglia. Due dubbi di formazione per il "Manfio": Rinaldo (acciaccato) o Sielli in mezzo al campo e Brusco o Alberti in avanti?

 

Intanto è "giallo" attorno al calendario: dalla Lombardia arrivano conferme riguardo al ripescaggio della Romanese, che lunedì potrebbe essere clamorosamente inserita nel girone B. A quel punto il raggruppamento passerebbe a 19 formazioni e, inevitabilmente, martedì la Lega Nazionale Dilettanti dovrebbe stilare nuovamente il calendario. Con buona pace della regolarità del torneo.

 

 

LE PROBABILI FORMAZIONI

 

STADIO "CARILO PESENTI PIGNA" DI ALZANO LOMBARDO (ore 15)

 

VIRTUS BERGAMO (3-5-2): Cavalieri (98) - Alborghetti (98), Espinal, Meregalli - Martinelli (99), Gomis, Riva, Calì, Pellegrini (99) - Germani, Pllumbaj.

A disposizione: Colleoni, Capitanio, Marzupio, Finco, Flaccadori, Franchini, N. Lizzola, Probo, Signorelli.

Allenatore: Armando Madonna

 

TRENTO (4-3-3): Cuoco (99) - Toscano (98), Calcagnotto, Cascone (Casagrande), Badjan - Furlan, Bacher, Paoli (Boldini) - Duravia (Osti) - Lella, Lillo.

A disposizione: Grubizza, Rippa, Casagrande (Cascone), Bertaso, Boldini (Paoli), Ferraglia, Osti (Duravia), Kyeremateng, Zecchinato.

Allenatore: Roberto Vecchiato.

 

ARBITRO: Loffredo di Torino (assistenti: Bahri di Sassari e Meloni di Olbia).

 

STADIO "COMUNALE" DI OLTRA DI DRO (ore 15)

 

DRO ALTO GARDA (4-2-3-1): Chimini - Mengoli (98) (Giacco, 98), Allegretti, Tobanelli, Grossi (97) - Karamoko, Bertoldi (Melchiori) - Greco (98) (Ettahiri, 98), Casolla, Mauceri (99) - Sartori.

A disposizione: Di Piero, De Min, Giacco (Mengoli), Corradini, Odorizzi, Melchiori (Bertoldi), Esposito, Ruaben, Ettahiri (Greco).

Allenatore: Michele Ischia.

 

CILIVERGHE MAZZANO (4-3-3): West - Astuti (98) - Torri (99), Minelli, Andriani, Daeder (98) - Comotti, Trajkovic, Ragnoli - Bodini, De Angelis, Bithiene (97).

A disposizione: Poffa, Zucchini, Rizzi, Chinelli, Minessi, Miglio, Strada, Del Bar, Barwuah.

Allenatore: Elia Pavesi.

ARBITRO: Pierobon di Castelfranco Veneto (assistenti: Coderno e Pandolfo di Castelfranco Veneto).

 

STADIO "MATTEO LEGLER" DI PONTE SAN PIETRO (ore 15)

 

PONTISOLA (4-3-3): Pennesi - Cugini (99), Rondelli, Ientile, Pellegrinelli (98) - Ruggeri, Pedrocchi, Mandelli (98) - Ferreira Pinto, Recino, Signorelli (98).

A disposizione: Falciglia, Mosca, Rota, Remuzzi, Carrieri, De Marco, Mangini, Salvi, Perego.

Allenatore: Giacomo Curioni.

 

LEVICO TERME (4-3-3): Bastianello - Castellan, Pregnolato, Severgnini, Micheli - Rinaldo (99) (Sielli, 99), Xamin, Pancheri - Brusco (97) (Alberti, 98), Bertoldi, Orsolin (98).

A disposizione: Carletti, Brugger, Acka, Andreatta, Formigoni, Sielli, Curzel, Alberti, Fanelli.

Allenatore: Stefano Manfioletti.

 

ARBITRO: Cusumano di Caltanissetta (assistenti: Songia di Bra e Tambone di Bologna).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato