Contenuto sponsorizzato

Sora senza scampo, la Diatec passa veloce come un treno

Volley. Tutto facile in terra laziale per la formazione di Lorenzetti che lancia Nelli, Van de Voorde e Antonov nello starting six. Giannelli mvp del match

Pubblicato il - 09 ottobre 2016 - 23:40

SORA. La Trentino Volley si impone con un netto 3-0 nel giorno della festa della Biosì Sora per lo storico debutto casalingo.

 

Lorenzetti mescola le carte in terra laziale e lancia nel sestetto Nelli, Van de Voorde e Antonov, Giannelli in regia, Lanza, Daniele Amazzone e Colaci libero.

La Biosì Indexa di Bagnoli risponde con Seganov al palleggio, Miskevich opposto, Rosso e Kalinin in posto 4, Mattei e Gotsev centrali, Santucci libero.

 

L’inizio di match degli ospiti è di straordinaria intensità. Cambiopalla fluente e un sistema di muro-difesa attento consentono alla Diatec di scappare al 10-4. Sora prova a riavvicinarsi con Gotsev, ma Giannelli guida i suoi al nuovo allungo (21-17). Nel finale però i padroni di casa cambiano marcia in battuta e ricuciono quasi completamente lo strappo (23-22). Nelli e Lanza, chiudono 25-23 il primo set.

 

Approccio molto positivo per la Trentino Volley anche nel secondo parziale. Sora prova a rispondere con Miskevich (12-11), ma Nelli e Van de Voorde confezionano un nuovo allungo (16-12). Lanza e compagni non perdono concentrazione e chiudono 25-16.

Il terzo set si svolge sulla falsariga del secondo: Trento trova in fretta i break in grado incanalare il parziale sui binari desiderati grazie soprattutto ad Antonov e Mazzone (12-9). Bagnoli prova a correre ai ripari, ma il treno trentino non si ferma solo 25-17 che vale il 3-0.

“Era importante raccogliere questo risultato per tanti motivi – ha spiegato l’allenatore della Diatec Trentino Angelo Lorenzetti al termine della partita di Sora – . Stasera abbiamo utilizzato una formazione diversa da quella che si è vista in campo nelle ultime partite perché c’era la necessità di ottenere risposte importanti da alcuni giocatori, anche in previsione del Mondiale per Club, in cui giocheremo tante partite nel giro di pochi giorni. Siamo riusciti a gestire bene questa opportunità e anche nel momento più difficile, come il finale di primo set, non abbiamo perso la lucidità. Sono contento, possiamo guardare avanti con fiducia”.

BIOSI' INDEXA SORA - DIATEC TRENTINO 0-3
(23-25, 16-25, 17-25)

BIOSI’ INDEXA: Mattei 5, Seganov, Kalinin 1, Gotsev 8, Miskevich 9, Rosso 7, Santucci (L); Sperandio, Tiozzo 4, Mauti. N.e. Marrazzo, Corsetti e Lucarelli. All. Bruno Bagnoli.
 

DIATEC TRENTINO: Lanza 12, Van de Voorde 8, Nelli 13, Antonov 10, Mazzone D. 9, Giannelli 5, Colaci (L); Solé, Burgsthaler. N.e. Mazzone T., Blasi, Chiappa, Stokr e Urnaut. All. Angelo Lorenzetti.
 

ARBITRI: Pasquali di Ascoli Piceno e Simbari di Milano.
 

DURATA SET: 25’, 21’, 20’; tot 1h e 6’.
 

NOTE: 1.684 spettatori, per un incasso di 5.403 euro. Biosì Indexa: 3 muri, 3 ace, 11 errori in battuta, 6 errori azione, 46% in attacco, 38% (21%) in ricezione.  Diatec Trentino: 8 muri, 10 ace, 15 errori in battuta, 4 errori azione, 58% in attacco, 36% (28%) in ricezione. Mvp Giannelli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 15:52
L'allerta è scattata nel primo pomeriggio di oggi, mercoledì 8 luglio, quando l'uomo si è inabissato e non è più riemerso. Vani i tentativi dei soccorritori. E' il quarto tragico evento sui laghi trentini
08 luglio - 13:32

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

08 luglio - 09:59

Sondaggi svolti in tutto il mondo riportano che tra il 37 e il 50 per cento di anestesisti e rianimatori ha vissuto in prima persona almeno un caso di pazienti che hanno mostrato segni di vita minuti dopo che la rianimazione era stata dichiarata fallita. L'Eurac Research di Bolzano, insieme ad un'équipe internazionale, ha svolto uno studio approfondito per capire come è bene che i medici si comportino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato