Contenuto sponsorizzato

Trofeo lago di Caldonazzo, la decima edizione è già da record

Dragon boat. Sabato 26 e domenica 27 agosto ben 28 equipaggi si sfideranno nelle acque del lago di Caldonazzo. Questa tappa potrebbe essere decisiva ai fini del campionato Trentino Uisp. Presenti anche due equipaggi composti da donne operate al seno per un segnale di coraggio e speranza

Pubblicato il - 25 agosto 2017 - 10:32

CALDONAZZO. Equipaggi e dragon boat pronti per la decima edizione del Trofeo lago di Caldonazzo, che, ancora prima di partire, si sta già rivelando un'edizione record: ben 28 squadre scenderanno in acqua, sei dei quali junior (oltre a quattro equipaggi trentini presenti anche i ragazzi di Auronzo e Sile) e quattro femminili.

 

La kermesse è impreziosita dalla partecipazione, come ospiti, delle imbarcazioni U.G.O.-Unite Gareggiamo Ovunque di Padova, l'Associazione ricreativa culturale sportiva dei dipendenti dell'Università di Padova e le Donne in Rosa della Val Cavallina: due equipaggi eccezionali composti da donne operate al seno, un segnale di coraggio e speranza, che testimonia come lo sport possa e debba essere sempre portatore di valori di solidarietà e umanità.

 

L’avvio ufficiale del Trofeo è fissato per venerdì 25 agosto alle 20.30 con la tradizionale sfilata degli equipaggi per le strade di Caldonazzo, che si chiuderà con gli interventi degli organizzatori, i saluti delle autorità e un brindisi in piazza.

 

La sfida entra quindi nel vivo sabato 26 agosto, con l’attesissima gara dei 500 metri che partirà alle 9.30 con le batterie e si concluderà con le finali nel pomeriggio. Domenica la distanza si dimezza, con le gare sui 250 metri. Come ogni anno, domenica il Trofeo ospiterà la tappa del Campionato Italiano OC1 500 metri Sprint di Outrigger, più conosciuta come canoa polinesiana.

 

La rassegna non si svolge solo in acqua: il Campo di Gara della spiaggia Pescatore dalle 21 di sabato si trasformerà in una grande festa, con il Beach party accompagnato per ore da un travolgente Dj set.

 

La stagione del Dragon boat è alle battute finali e sono otto le tappe del Campionato Trentino Uisp, dalla Val di Non a Pinè, da Molveno a Caldonazzo per chiudersi sulla Brenta. Dopo sei gare, la classifica vede in testa i padroni di casa dell’Xtreme con 179 punti, seguiti dai nonesi del Broz con 158 e dai perginesi del Nutria con 151 punti. La tappa di sabato, quindi, sarà decisiva, coi 35 punti in palio per chi dovesse aggiudicarsi il Trofeo.

 

Questa disciplina prende le mosse dal Palio dei Draghi, che fece scoprire anche qui, in mezzo alle montagne, questo straordinario sport che viene dalla Cina. Il testimone del Palio è stato preso dal Trofeo Lago di Caldonazzo, e anche grazie all’impegno di chi allora decise di continuare a puntare sui 'draghi' raccogliendo l’eredità del Palio, oggi il Dragon Boat è una disciplina sportiva che coinvolge in tutto il Trentino centinaia di atleti e migliaia di appassionati.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato