Contenuto sponsorizzato

Venezia-Trento, verso Gara 1, Buscaglia: "Sfavoriti? Scendiamo in campo per vincere e cercare l'impresa"

Basket. Cresce l'attesa anche in città, prevendita a gonfie vele: 2.300 ticket già assegnati e da domani si apre a tutti per accaparrarsi i restanti 1.740 circa. Aaron Craft: "Il fattore campo? Essere da soli contro tutti non ci spaventa" 

Di Luca Andreazza - 08 giugno 2017 - 22:29

TRENTO. "Aprire la serie è importante sotto diversi punti di vista. L'approccio non cambia e prenderemo anche questa serie una partita alla volta, senza pensare a quante partite restano da giocare. Siamo concentrati esclusivamente su Gara 1, che stiamo preparando molto bene, con grande motivazione e voglia di giocare come è ovvio vista l'importanza dell'appuntamento", queste le parole di Maurizio Buscaglia a quarantotto ore dalla prima sfida per lo scudetto.

 

E la città risponde presente, abbracciando i bianconeri, tanto che nei primi due giorni di prevendita riservati agli abbonati e soci trust i biglietti per Gara 3 sono andati a ruba: 2.300 ticket già assegnati e da domani si apre a tutti per accaparrarsi i restanti 1.740 circa. "Avvertiamo - ammette il coach - grande carica dalla piazza, dalle istituzioni e dai cittadini. Cerchiamo il giusto approccio per cercare l'impresa".

 

Un avversario esperto, un roster lungo e completo. "Venezia ha tanti punti di forza - aggiunge il tecnico trentino - come il grande talento dei singoli giocatori, combinato alla capacità di giocare insieme. Questo è un aspetto non banale: riescono a cambiare senza perdere le proprie qualità e tenendo solido il sistema. La Reyer è arrivata in finale con pieno merito, seguendo un percorso per certi versi simile al nostro, come la capacità di superare difficoltà, infortuni e sconfitte".

 

E allora come si vince? "Mettendo in campo - dice Buscaglia - le nostre caratteristiche e alzando il livello della nostra capacità di essere presenti in difesa e in attacco, soprattutto coinvolgendo tutta la squadra. Vedo grande motivazione. E' fondamentale crescere durante la serie, si scende sul parquet per vincere e giocare al massimo partita per partita. Dobbiamo dimenticare quanto fatto fin'ora, si ricomincia e bisogna andare a prendere la serie".

 

La Dolomiti Energia, in finale appena al terzo anno in Serie A, parte più leggera, i fari sono puntati sui lagunari, costruiti per vincere o quasi, ma la tensione ovviamente non manca: "L'adrenalina è un valore aggiunto - ammette il tecnico - ma bisogna mantenere un certo equilibrio delle emozioni per esprimersi bene e imporre il nostro gioco: non si può perdere neppure una freccia".

 

De Raffaele ha promesso un tuffo in laguna in caso di Scudetto? "Non riesco a pensare oltre a Gara 1 - conclude Buscaglia - quindi niente voti". 

 

All'apparenza tranquillo anche il plamaker Aaron Craft: "Non sono nervoso - dice - almeno niente di diverso da quanto provo prima di scendere in campo ad ogni match, però è vero che mancano ancora due giorni prima di Gara 1 e quindi la tensione è destinata a salire".

 

Non vede l'ora di affrontare questa sfida: "Siamo cresciuti - spiega il play - progressivamente fino a trovare la fiducia e la compattezza di gruppo che ci hanno portati fin qui, ci manca ancora qualcosa di importante da fare. Ho visto le semifinali di Venezia contro Avellino, affronteremo una squadra forte, completa, che dispone di tanti giocatori che possono giocare point guard".

 

I riferimenti sono a Haynes, pericolosissimo al tiro da tre punti, Filloy e le letture dal pick and roll passando la palla e prendendosi il tiro dal palleggio, ma anche Stone con la sua stazza e la sua grande esperienza. "Sarà una grande sfida per me - aggiunge - non vedo l'ora di viverla e giocarmela assieme a un gruppo di ragazzi davvero straordinario, che ha reso la mia stagione facilissima per il modo che ha di gestire pressioni e responsabilità suddividendole sempre".

 

E l'Aquila basket arriva a questa Finale, ancora una volta, da sfavorita, "Un po' - spiega l'americano - come ci succede da tutto l'anno e come ci siamo quindi abituati a fare: ci troviamo bene in questo ruolo".

 

Il fattore campo? "Non è una cosa a cui pensiamo troppo - conclude Craft - perché essere da soli contro tutti è una cosa in cui possiamo trovare motivazioni e compattezza extra". 

 

PROGRAMMAZIONE FINALE SERIE SCUDETTO

Gara 1: Sabato 10 giugno. Ore 21.15

Umana Reyer Venezia - Dolomiti Energia Trentino

Rai Sport HD e Sky Sport 2 HD - Sky Sport Mix 

 

Gara 2: Lunedì 12 giugno. Ore 20.45

Umana Reyer Venezia - Dolomiti Energia Trentino

Rai Sport HD e Sky Sport 1 HD - Sky Sport Mix 

 

Gara 3: Mercoledì 14 giugno. Ore 20.45

Dolomiti Energia Trentino – Umana Reyer Venezia

Rai Sport HD e Sky Sport 1 HD – Sky Sport Mix 

 

Gara 4: Venerdì 16 giugno. Ore 21.15

Dolomiti Energia Trentino – Umana Reyer Venezia

Rai DUE e Sky Sport 1 HD – Sky Sport Mix 

 

Gara 5 (ev.): Domenica 18 giugno. Ore 18.15

Umana Reyer Venezia -  Dolomiti Energia Trentino

Rai DUE e Sky Sport 2 HD – Sky Sport Mix   

 

Gara 6 (ev.): Martedì 20 giugno. Ore 21.15

Dolomiti Energia Trentino – Umana Reyer Venezia

Rai DUE e Sky Sport 1 HD – Sky Sport Mix  

 

Gara 7 (ev.): Giovedì 22 giugno. Ore 21.30

Umana Reyer Venezia - Dolomiti Energia Trentino

Rai TRE e Sky Sport 2 HD – Sky Sport Mix 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

06 marzo - 15:14

Ha preso avvio il progetto pilota per effettuare l'autotest nasale nelle scuole primarie altoatesine. Dopo il no della Ripartizione italiana, sono state 11 le strutture che hanno preso parte, con 1145 bambini su 1673 testati, di cui 3 risultati positivi. L'assessore alla Salute Thomas Widmann: "Il metodo sembra funzionare"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato