Contenuto sponsorizzato

Destinazione Canada: cosa sapere prima di lanciarsi in questo viaggio affascinante

Il Canada è un luogo molto particolare. Una terra votata alla natura e alla bellezza puramente “geografica”: il tutto senza scordarci che ospita alcune delle metropoli più avanzate del globo

Pubblicato il - 30 luglio 2018 - 11:00

TRENTO. Il Canada è un paese che dimostra di meritare una visita, almeno una volta nella vita. È un luogo molto particolare: per certi versi somiglia ai vicini Stati Uniti d’America, per altri è invece l’esatto opposto. Non a caso parliamo di una terra votata alla natura e alla bellezza puramente “geografica”: il tutto senza scordarci che il Canada ospita alcune delle metropoli più avanzate del globo.

Cosa sapere per organizzare un viaggio in Canada

Essendo il Canada un territorio molto vasto, conviene prenotare un volo anche per gli spostamenti interni. Ciò vuol dire che sarà necessario stabilire con precisione il nostro itinerario, e fare tutto questo con largo anticipo.

 

Bisogna dunque selezionare le zone che riteniamo più interessanti e prenotare i voli che possano consentirci di spostarci agilmente e velocemente. Non si tratta, comunque, di una fase complicata: sono tante le compagnie che collegano l’Italia al Canada. Abbiamo ad esempio Alitalia, oppure Air Canada.

 

Poi bisogna curare l’aspetto dei documenti necessari per viaggiare, sia per gli adulti che per i bambini: basta avere un passaporto valido per almeno altri sei mesi, dato che non serve il visto.

 

I bimbi possono essere iscritti in quello dei genitori, oppure avere il proprio passaporto. Se si sceglie di partire anche con il proprio fido, ecco cosa fare: è consigliabile rivolgersi a società che si occupano delle spedizioni di animali in Canada come BlissPets, che consentono loro di viaggiare in aereo cargo dedicati.

 

In pratica, i nostri cuccioli avranno gli stessi comfort di cui godiamo noi in aereo. Infine, si chiude con la moneta locale e con le carte di credito: la prima è il dollaro canadese, mentre le seconde vengono accettate praticamente ovunque.

 

Cosa non perdere durante una vacanza in Canada

Visitare il Canada e scoprire tutte le sue meraviglie: una missione possibile solo potendo contare su diverse settimane di vacanza. Per chi non può permettersi un viaggio così lungo, come detto prima, è bene pensare in anticipo alle tappe.

 

A partire da Vancouver, una metropoli molto moderna ma al tempo stesso immersa nella natura: si tratta anche di una città perfetta per gli amanti dell’arte e della cultura di stampo aborigeno.

 

Un altro luogo da visitare assolutamente è il parco nazionale di Banff, insieme alle storiche montagne rocciose e al Lake Louise. Per chi desidera scoprire le tradizioni del rodeo, invece, si consiglia una visita alla città di Calgary.

 

Non dimenticatevi della Baia di Hudson, famosa per i suoi splendidi orsi polari. Altri luoghi canadesi da non mancare sono l’obbligatoria tappa alle cascate del Niagara, insieme a Quebec City, a Tadoussac e la Baia di Fundy, nota per le frequenti variazioni della marea.

 

Il Canada offre l’occasione di scoprire un paese ricco di sfaccettature: divertimento votato alla natura e alla cultura, valido per tutta la famiglia (cani compresi).

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 08 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 16:56

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

09 dicembre - 18:33

Soddisfazione all'Apt per il grande afflusso di turisti e visitatori tra le 92 casette del Mercatino e le 400 bancarelle della Fiera di Santa Lucia

09 dicembre - 05:01

Giovedì sera Jacob è rimasto vittima di un atto di razzismo mentre si trovava in piazza Cesare Battisti per bere un brulè con gli amici. Saputo quello che era successo l'assessore comunale Roberto Stanchina e la direttrice dell'Apt Elda Verones, si sono immediatamente messi in contatto con il ragazzo chiedendogli scusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato