Contenuto sponsorizzato

Luoghi e località da visitare in Ungheria

Parchi nazionali, musei, tradizioni, ma anche ristoranti e locali notturni. L’Ungheria, destinazione turistica tra le più economiche dell’Est Europa, ha molto da offrire ai viaggiatori in cerca di relax, arte e divertimento.

Pubblicato il - 11 settembre 2018 - 15:18

TRENTOBudapest, la capitale di questo piccolo ma incantevole gioiello mitteleuropeo, è divisa in due parti dal Danubio. Buda, antico quartiere collinare sulla riva destra del fiume, ospita alcune delle attrazioni turistiche più conosciute: il Castello di Buda, con una meravigliosa vista sull’intera città, e il Ponte delle Catene, spettacolare capolavoro architettonico da ammirare soprattutto di sera, illuminato dal bagliore di migliaia di calde luci. Attraversando il ponte si approda al vivace quartiere di Pest, ricco di musei e di palazzi in stile eclettico e neo-barocco.

 

Qui si trovano anche i Bagni Széchenyi: meta ideale per rigenerare corpo e mente, sia d’estate sia in inverno, sono tra i più antichi complessi termali europei e un luogo simbolo della città in stile Art Nouveau. Pest è anche il cuore della vita notturna della capitale: sulle sponde del Danubio si concentrano tantissimi locali adatti alle diverse attività di intrattenimento, come ristoranti, club di lusso, discoteche e casinò – e gli appassionati del tavolo verde (soprattutto coloro i quali amano divertirsi online) tengano bene a mente che in Ungheria, in seguito a una decisione della Commissione Europea, tutte le transazioni, versamenti o prelievi, verso operatori di giochi d'azzardo non dotati di licenza né concessione, e quindi illegali, vengono immediatamente bloccate.

 

Lasciando la bellissima capitale e dirigendosi a nord-est verso il confine con la Slovacchia è possibile visitare il Parco Nazionale di Aggtelek. All’interno di questa area naturale protetta sono presenti sentieri escursionistici sotterranei che conducono alle grotte di stalattiti e stalagmiti più grandi d’Europa.

 

Priva di sbocchi sul mare, l’Ungheria ha adottato il Lago Balaton come meta balneare nazionale. Situato nella parte occidentale del Paese, il “mare ungherese” ha spiagge sabbiose e acque poco profonde, pur trattandosi di uno dei bacini lacustri più vasti d’Europa. Destinazione prediletta dagli amanti del sole e degli sport acquatici, il Balaton offre anche numerosi stabilimenti termali, hotel con servizio wellness e dintorni costellati da cittadine ricche di storia e di cultura.

 

Proseguendo verso sud lungo la valle del Danubio si incontra la cittadina di Pécs, capoluogo culturale della regione e sede di una dinamica vita artistica. Pécs ospita un gran numero di musei e di monumenti del passato che testimoniano il susseguirsi delle diverse epoche storiche. La città vanta inoltre una tradizione enogastronomica millenaria: la regione vinicola di Villany, poco più a sud, gode di un benevolo clima mediterraneo, ideale per la coltivazione delle viti.

 

Chi volesse non solo bere, ma anche mangiare come un vero e proprio ungherese, sappia che la cucina magiara è nota per l’uso della paprika e per il gulash, uno stufato speziato di manzo o vitello. La Palinka è un’acquavite aromatica ideale per accompagnare gli antipasti, mentre l’Unicum, il liquore ungherese tradizionale, è il digestivo a base d’erbe più antico d’Europa.

 

L’Ungheria è un’ottima scelta per una vacanza di relax ma allo stesso tempo attiva e divertente, che offre bellezze naturalistiche, itinerari culturali e un'eccellente produzione vinicola.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 19:47

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,9%. Contagi a Castelnuovo e nell'Alto Garda

19 settembre - 19:05

La criminalità si insinua tra le piccole e medie imprese con un aumento, nel corso del 2019  delle segnalazioni delle operazioni di riciclaggio. La Cgia di Mestre: “Secondo una nostra stima su dati della Banca d’Italia ammonta a circa 170 miliardi di euro l’anno il fatturato ascrivibile all’economia criminale presente in Italia"

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato