Contenuto sponsorizzato

Attrezzatura per fare immersioni, ecco come sceglierla

Quando si svolge un'attività, serve l’attrezzatura. Altrimenti non siamo preparati a niente. Se andate a fare campeggio vi portate tutto quello che vi occorre. Lo stesso vale per chi fa trekking. Ovviamente la cosa non cambia se dovete fare immersioni. In acqua specialmente siamo letteralmente in un altro mondo, quindi non possiamo fare a meno di non utilizzare la giusta attrezzatura

Pubblicato il - 29 aprile 2019 - 15:57

TRENTO. Quando si svolge un'attività, serve l’attrezzatura. Altrimenti non siamo preparati a niente. Se andate a fare campeggio vi portate tutto quello che vi occorre. Lo stesso vale per chi fa trekking. Ovviamente la cosa non cambia se dovete fare immersioni. In acqua specialmente siamo letteralmente in un altro mondo, quindi non possiamo fare a meno di non utilizzare la giusta attrezzatura. Ma di cosa stiamo parlando? Quale attrezzatura che occorre per le immersioni?

 

Immersioni: ecco cosa serve

Ecco un elenco di quello che davvero è comodo ai sub. Se dovete fare immersioni è bene avere tutto, quindi uno zaino da portare con voi con dentro tutto il necessario. Una volta che siete in barca o vicino all’acqua insomma, decidete cosa portare e cosa lasciare sulla terra ferma ma pur sempre a portata di mano. Prima di cominciare vi ricordiamo che con www.nauticamare.it potete trovare tutto ciò che vi serve.

 

Orologio subacquei. Si chi pratica immersioni ha sempre con se un orologio che può supportare l’acqua e la pressione esercitata a vari metri. Diciamo che diventa un accessorio ancora più utile del normale quando siete in mare. Ci sono poi con molte funzioni che non fanno altro che aiutarvi durante queste attività.

 

Torcia subacquea. Anche questo articolo è molto utile visto che vi permette di fare luce. Il mare sa essere molto ostile e muoversi al buio può rivelarsi pericoloso, mettere per esempio che ci sono degli scogli che non avete visto. O magari una qualche specie marina da evitare.

 

Bussola subacquea. Pensate di non perdervi sott’acqua? Ebbene si, potete perdere il senso dell’orientamento e non sapere più dove siete. La bussola fa sempre comodo. Quindi cercate di non farla mai mancare.

 

Coltello da sub. Chi pratica sub si porta sempre con se anche un coltello apposito. Serve per tutti i tipi di attività possibili. Diciamo pure che fa sempre comodo e che potete rimpiangere molto la sua mancanza, specie quando siete sott’acqua e il vostro utensile è rimasto a casa.

 

Pinne per immersioni. Potete essere veloci come un pesce, in questo modo vi basta dare “qualche colpo di pinna” per coprire lunghe distanze. Chi pratica sub ha sempre un paio di pinne con se. Anche in caso si pericolo vi permettono di muovervi rapidamente e di uscire subito dall’acqua.

 

Muta da sub. Ennesimo oggetto importante e che tutti i sub hanno, la muta da sub! Vi permette di proteggervi dalle temperature e vi mantiene asciutti. Con questo oggetto potete andare sempre in acqua e praticare così il vostro sport preferito. Ci sono un po’ da tutti i prezzi, ovvio che quelle professionali non sono economiche. Però si dimostrano un investimento nel tempo.

 

Ovviamente per gli altri accessori dovete guardare voi in base al tipo di attività che avete intenzione di fare. Per esempio la bombola da sub, così come il fucile e tutto il resto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 luglio - 15:52
L'allerta è scattata nel primo pomeriggio di oggi, mercoledì 8 luglio, quando l'uomo si è inabissato e non è più riemerso. Vani i tentativi dei soccorritori. E' il quarto tragico evento sui laghi trentini
08 luglio - 13:32

E' di dieci punti il programma presentato da Forza Italia questa mattina con il nuovo commissario per il Trentino Ettore Zampiccoli. Baracetti ha spiegato che è importante “riportare al centro i doveri” e questo per avere “diritti e libertà”. “La cultura del diritto ad ogni costo – ha affermato – non porta benessere ma alla cultura dell'Io. Di soli diritti si rischia di morire”

08 luglio - 09:59

Sondaggi svolti in tutto il mondo riportano che tra il 37 e il 50 per cento di anestesisti e rianimatori ha vissuto in prima persona almeno un caso di pazienti che hanno mostrato segni di vita minuti dopo che la rianimazione era stata dichiarata fallita. L'Eurac Research di Bolzano, insieme ad un'équipe internazionale, ha svolto uno studio approfondito per capire come è bene che i medici si comportino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato