Contenuto sponsorizzato

Attrezzatura per fare immersioni, ecco come sceglierla

Quando si svolge un'attività, serve l’attrezzatura. Altrimenti non siamo preparati a niente. Se andate a fare campeggio vi portate tutto quello che vi occorre. Lo stesso vale per chi fa trekking. Ovviamente la cosa non cambia se dovete fare immersioni. In acqua specialmente siamo letteralmente in un altro mondo, quindi non possiamo fare a meno di non utilizzare la giusta attrezzatura

Pubblicato il - 29 aprile 2019 - 15:57

TRENTO. Quando si svolge un'attività, serve l’attrezzatura. Altrimenti non siamo preparati a niente. Se andate a fare campeggio vi portate tutto quello che vi occorre. Lo stesso vale per chi fa trekking. Ovviamente la cosa non cambia se dovete fare immersioni. In acqua specialmente siamo letteralmente in un altro mondo, quindi non possiamo fare a meno di non utilizzare la giusta attrezzatura. Ma di cosa stiamo parlando? Quale attrezzatura che occorre per le immersioni?

 

Immersioni: ecco cosa serve

Ecco un elenco di quello che davvero è comodo ai sub. Se dovete fare immersioni è bene avere tutto, quindi uno zaino da portare con voi con dentro tutto il necessario. Una volta che siete in barca o vicino all’acqua insomma, decidete cosa portare e cosa lasciare sulla terra ferma ma pur sempre a portata di mano. Prima di cominciare vi ricordiamo che con www.nauticamare.it potete trovare tutto ciò che vi serve.

 

Orologio subacquei. Si chi pratica immersioni ha sempre con se un orologio che può supportare l’acqua e la pressione esercitata a vari metri. Diciamo che diventa un accessorio ancora più utile del normale quando siete in mare. Ci sono poi con molte funzioni che non fanno altro che aiutarvi durante queste attività.

 

Torcia subacquea. Anche questo articolo è molto utile visto che vi permette di fare luce. Il mare sa essere molto ostile e muoversi al buio può rivelarsi pericoloso, mettere per esempio che ci sono degli scogli che non avete visto. O magari una qualche specie marina da evitare.

 

Bussola subacquea. Pensate di non perdervi sott’acqua? Ebbene si, potete perdere il senso dell’orientamento e non sapere più dove siete. La bussola fa sempre comodo. Quindi cercate di non farla mai mancare.

 

Coltello da sub. Chi pratica sub si porta sempre con se anche un coltello apposito. Serve per tutti i tipi di attività possibili. Diciamo pure che fa sempre comodo e che potete rimpiangere molto la sua mancanza, specie quando siete sott’acqua e il vostro utensile è rimasto a casa.

 

Pinne per immersioni. Potete essere veloci come un pesce, in questo modo vi basta dare “qualche colpo di pinna” per coprire lunghe distanze. Chi pratica sub ha sempre un paio di pinne con se. Anche in caso si pericolo vi permettono di muovervi rapidamente e di uscire subito dall’acqua.

 

Muta da sub. Ennesimo oggetto importante e che tutti i sub hanno, la muta da sub! Vi permette di proteggervi dalle temperature e vi mantiene asciutti. Con questo oggetto potete andare sempre in acqua e praticare così il vostro sport preferito. Ci sono un po’ da tutti i prezzi, ovvio che quelle professionali non sono economiche. Però si dimostrano un investimento nel tempo.

 

Ovviamente per gli altri accessori dovete guardare voi in base al tipo di attività che avete intenzione di fare. Per esempio la bombola da sub, così come il fucile e tutto il resto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato