Contenuto sponsorizzato

Escursioni in moto in Valsugana, Levico Terme è una tappa obbligata

Ma come rendere questa esperienza davvero unica? La cosa migliore è avere un punto di riferimento strategico da cui partire per esplorare gli itinerari più emozionanti. A tal proposito, ideale è Levico Terme, una cittadina posta nel punto più alto della Valsugana, rinomata per gli stabilimenti termali

Pubblicato il - 28 agosto 2019 - 21:56

LEVICO. Concedersi qualche giorno per fare delle meravigliose escursioni in moto tra le suggestive montagne della Valsugana, è la soluzione ideale per combattere lo stress ed allontanare le preoccupazioni della vita di tutti i giorni. Si tratta per lo più di percorsi caratterizzati da tornanti, che sono in grado di regalare paesaggi mozzafiato, l'ideale per chi desidera vivere intense emozioni in sella alla propria motocicletta.

 

Ma come rendere questa esperienza davvero unica? La cosa migliore è avere un punto di riferimento strategico da cui partire per esplorare gli itinerari più emozionanti. A tal proposito, ideale è Levico Terme, una cittadina posta nel punto più alto della Valsugana, rinomata per gli stabilimenti termali.

 

Tuttavia, è importante anche scegliere un alloggio adeguato, in cui trovare ristoro e riposare serenamente. Sicuramente, in questo piccolo angolo di paradiso del Trentino non mancano le strutture ricettive. Tuttavia, è fondamentale non accontentarsi e ricercare un albergo in grado di ospitare al meglio i motociclisti, così da usufruire di servizi specifici e vivere una vacanza senza pensieri.

 

Hotel per bikers: tanti vantaggi per chi viaggia su due ruote. I motociclisti hanno delle esigenze specifiche, che non tutti gli alberghi sono in grado di soddisfare. Per questa ragione, quando si viaggia su due ruote, è necessario non accontentarsi del primo alloggio che si trova, ma cercarne uno che sia in grado di assicurare determinati comfort. Gli hotel Levico Terme appositamente pensati per i bikers sono numerosi, ma solo pochi sono veramente validi.

 

Di fatto, è importante che sia presente un ampio parcheggio per carrello portamoto, un locale per lavaggio moto, una lavanderia, un locale riscaldato per asciugatura indumenti e un garage apposito in cui sistemare le moto. Inoltre, è indispensabile che vengano fornite cartine con i migliori tour ed informazioni utili per esplorare le zone circostanti. Non bisogna dimenticare, poi, che le camere devono essere accoglienti e tranquille, in modo da favorire il riposo notturno.

 

Itinerari per moto in Trentino: i percorsi più belli. Da Levico Terme è possibile partire per alcuni degli itinerari per motociclisti più belli del Trentino. Le possibilità sono davvero tante. Ovviamente, molto dipende dai gusti, nonché dalle esigenze personali. Tuttavia, particolarmente interessanti sono i giri dei laghi di Caldonazzo e di Idro, che permettono di ammirare scenari suggestivi ed inaspettati.

 

Molto apprezzato, però, è anche il percorso Passo Rolle, che si estende per circa per 20 chilometri. Si tratta di una delle strade più belle d'Italia, che è in grado di regalare emozioni davvero uniche. Uno degli itinerari più conosciuti è il Passo Manghen, che permette di raggiungere i 2000 metri di quota, rimanendo completamente circondati dalla natura.

 

Per chi è alla ricerca di qualcosa di ancora più suggestivo, invece, da non perdere è Kaiserjäger-Straße, una strada caratterizzata da tornanti estremamente stretti, che richiedono quasi di fermarsi per svoltare. Il bello è che questo percorso è interamente scavato nella roccia e presenta pareti a strapiombo. In questo caso è impossibile non rimanere colpiti dalla bellezza del luogo, che incanta anche i più bikers più scettici.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato