Contenuto sponsorizzato

TripAdvisor: ''Il Trentino Alto Adige è la regione italiana dalla miglior offerta ricettiva''. Recensioni medie al top, sopra i 4,45 punti (su 5)

Sul giudizio sono d'accordo i viaggiatori italiani e quelli internazionali, che invece collocano al secondo posto rispettivamente Basilicata e Umbria. Al Trentino Alto Adige danno punteggi di 4,46 e 4,54

Pubblicato il - 21 marzo 2019 - 12:11

TRENTO. Sono tutti d'accordo viaggiatori italiani e quelli internazionali: per tutti il Trentino Alto Adige è la regione italiana dalla "miglior offerta ricettiva". A dirlo un'analisi di TripAdvisor, elaborata analizzando il punteggio medio attribuito dagli utenti nel 2018 alle strutture ricettive suddivise per regione.

 

Se sulle altre regioni della top five viaggiatori italiani e internazionali sono in disaccordo, ciò non vale appunto per la nostra regione, sulla cui qualità dell'offerta sono tutti concordi: "Il Trentino Alto Adige è la regione più apprezzata per l'offerta ricettiva" recita una nota ufficiale di sintesi del documento.

 

Un'analisi che indica, tra l'altro, che il punteggio medio delle recensioni delle strutture ricettive italiane su TripAdvisor è "cresciuto negli ultimi sei anni, passando da una media di 4,22 (su 5) nel 2013 a un punteggio di 4,25 nel 2018". "Lo studio - si legge poi - evidenzia inoltre che il punteggio medio delle recensioni relative alle strutture ricettive italiane è rimasto costantemente superiore alla media mondiale per sei anni consecutivi".

 

Lo studio prosegue poi indicando la top five delle regioni italiane più apprezzate: il Trentino Alto Adige si colloca sul gradino più alto della classifica con una media 4,46 punti attribuiti dai viaggiatori italiani agli alloggi nel 2018 e una media data dai voti dei viaggiatori internazionali ancora più alta, vicinissima alla massima possibile, di 4,54 punti (su 5).

 

Per la classifica delle regioni più apprezzate dai viaggiatori italiani per l'offerta ricettiva seguono, nell'ordine, la Basilicata (4,43), la Val d'Aosta (4,37), l'Umbria (4,33) e la Puglia (4,30). I viaggiatori stranieri, invece, dopo il primo posto del Trentino Alto Adige, collocano sul secondo gradino l'Umbria (4,48), al terzo posto la Basilicata (4,46), al quarto le Marche (con 4,41 punti) e al quinto l'Abruzzo (4,40).

Foto tratta dalla ricerca TripAdvisor
Foto tratta dalla ricerca TripAdvisor

Leggendo i risultati della ricerca si nota poi che in generale i viaggiatori italiani sembrano essere leggermente più esigenti rispetto ai viaggiatori internazionali: il punteggio medio attribuito dai primi alle strutture ricettive del Bel Paese nel 2018 è infatti pari a 4,24 a fronte di un punteggio medio pari a 4,27 attribuito dagli utenti internazionali di TripAdvisor. Nella classifica dei Paesi che apprezzano maggiormente gli alloggi italiani, l'Italia si trova appena fuori dalla top ten, in undicesima posizione, a pari merito con la Norvegia.

 

Sul podio dei Paesi che attribuiscono i punteggi medi più elevati a hotel, bed&breakfast e pensioni italiane troviamo Stati Uniti (al primo posto), Canada (al secondo) e Austria (terza), mentre tra chi è meno soddisfatto troviamo al primo posto la Spagna seguita da Portogallo e Argentina. Anche tra chi ha apprezzato meno l’offerta ricettiva italiana nel 2018 il punteggio medio attribuito resta comunque positivo e scende appena sotto i quattro punti (solo nel caso della Spagna con 3,99).

 

Dove si soggiorna meglio secondo i viaggiatori italiani? Quest'ultima classifica vede in testa le Maldive (4,58), seguite da Emirati Arabi Uniti (4,43), Tanzania (4,42), Sudafrica (4,38) e Cina (4,30). Ancora, al sesto posto c'è il Kenya, al settimo il Marocco a cui seguono, nell'ordine, Vietnam, Indonesia e Repubblica Dominicana.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.15 del 22 Gennaio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:45

Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio si è dimesso dal ruolo di segretario del M5S a seguito del processo di riforma interno che ha portato all'istituzione dei facilitatori, figure di raccordo tra centrale e locale. Tra questi, in Trentino, il consigliere provinciale Alex Marini. "Grazie a Di Maio, il Paese è diverso anche per il suo lavoro". E il leghista Savoi si lascia andare all'ennesima caduta di stile

22 gennaio - 19:23

Mentre ancora oggi il presidente della Pat dimostra di non aver capito che problemi complessi richiedono soluzioni altrettanto articolate (e, demagogicamente, lega la nascita della Scuola di Medicina al ''dare risposte concrete ad un territorio di montagna come il nostro'') appare evidente che la linea della giunta è stata stralciata completamente e in Veneto si parla di una Padova che ''si fa da parte'' (e apre a Treviso una facoltà da 60 posti)

22 gennaio - 18:42

Al momento del voto le opposizioni sono uscite dall’aula facendo mancare il numero legale: “Ripartiamo daccapo”, Matteotti (M5s): “Dietro a un po’ di verde si nasconde un grande blocco di cemento”. La replica di Zanoni: “Variante coraggiosa, noi vogliamo difendere i valori morali della città che non possono essere schiacciati da nessun potentato di turno”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato