Contenuto sponsorizzato

Vacanza in Scozia? Cosa fare per divertire tutta la famiglia

Proprio l’affascinante alone di mistero che avvolge la Scozia la rendere infatti una meta perfetta anche per i più piccoli, che potranno quindi coniugare momenti di grande divertimento a ottime occasioni per imparare la storia, la lingua e immergersi nella natura

Pubblicato il - 11 luglio 2019 - 17:07

TRENTO. La Scozia è un paese ricco di magia e mistero, grazie non soltanto alla sua cultura, ma anche alla sua lunga storia e ai meravigliosi paesaggi che lo caratterizzano. Quando si decide però di organizzare un viaggio in questa magnifica terra, si pensa in genere che si tratti di un luogo destinato a soli adulti, ma non è affatto così.

 

Proprio l’affascinante alone di mistero che avvolge la Scozia la rendere infatti una meta perfetta anche per i più piccoli, che potranno quindi coniugare momenti di grande divertimento a ottime occasioni per imparare la storia, la lingua e immergersi nella natura. Certo, quando si decide di partire con tutta la famiglia l’organizzazione deve essere perfetta: vediamo quindi qualche consiglio su come pianificare al meglio questa vacanza.

 

Organizzarsi al meglio

Il primo step da prendere in considerazione, per andare in Scozia con tutta la famiglia, è organizzare quanto più possibile ogni aspetto, per evitare dimenticanze o sgradevoli sorprese. Ciò vuol dire capire innanzitutto quando visitare questo paese: in questo caso, si consiglia di prendere in considerazione mesi come maggio, giugno e luglio. Quando si prende una considerazione una meta del genere, poi, non bisogna dimenticarsi di doverne conoscere con un certo anticipo il clima.

 

Si tratta infatti di una regione caratterizzata da una certa variabilità anche in mesi come la primavera e l’estate, che possono essere molto più piovosi di quanto ci aspettiamo: la valigia, deve quindi comprendere un abbigliamento adatto fatto da scarpe chiuse e giacche impermeabili. Infine, come accennato, una vacanza in Scozia può essere anche un’ottima occasione per migliorare le competenze linguistiche proprie e dei propri figli. I ragazzi, ad esempio, possono essere aiutati a migliorare la lingua divertendosi, sfruttando applicazioni come Babbel per ampliare il proprio dizionario di inglese direttamente dal proprio smartphone. Si tratta poi di un metodo utile anche per fare pratica nel conversare con gente del posto.

 

Edimburgo, cosa vedere?

Edimburgo è una città perfetta per una vacanza scozzese in famiglia, soprattutto per la presenza del suo famoso zoo, che i bimbi adoreranno. Anche perché, al suo interno, si trovano delle aree giochi pensate proprio per loro, oltre a zone adibite ai picnic e tantissime attrazioni. Per chi invece cerca di ritrovare in questa città il fascino e il mistero della Scozia, si consiglia di visitare il Castello di Edimburgo e il Palazzo Reale, dove potrete toccare con mano testimonianze dell’antica storia del paese, insieme al Museo Nazionale. Se però lo zoo non vi convince e volete trovare un’altra attrazione a misura di ragazzi, il consiglio è quello di visitare il “Camera Obscura and World of Illusion”, un museo perfetto per stregare i bimbi.

 

Dunnotar Castle e altri castelli stregati

Sebbene sia ormai in rovina, quello di Dunnotar rimane uno dei castelli medievali più famosi al mondo per via della bellezza dei suoi scorci che si affacciano sul Mare del Nord. Essendo per altro poco distante da Edimburgo, si tratta di una tappa da non perdere assolutamente nel corso della propria vacanza. Eppure, il Dunnotar non è certamente l’unico castello noto in Scozia, soprattutto se è alla ricerca di costruzioni che si credono stregate. Vi basti pensare al Castello di Crathes che – insieme al precedente – rappresenta il massimo per stuzzicare la fantasia dei bambini. Da non sottovalutare infine nemmeno il misterioso castello di Eilean Donan, noto soprattutto per la presenza del fantasma di Lady Mary.

 

Il fascino delle Highlands

Le Highlands rappresentano senza ombra di dubbio una delle tappe obbligatorie per una famiglia che visita la Scozia. Questo per via del loro fascino senza tempo in primis, ma anche per il meraviglioso ecosistema che le caratterizza. Qui i bambini infatti potranno ammirare tantissimi animali, fra cervi e balene, immersi in un’atmosfera naturale magica e senza tempo. Si tratta di una terra selvaggia, fatta di verdi colline e mari d’erba puntellati di foreste e laghi e che ogni anno riesce ad attrarre milioni di turisti appassionati di natura ed escursionismo. In questa regione, non può certamente mancare una visita al famosissimo lago di Loch Ness, con i suoi 37 km di lunghezza e la favola del mostro Nessie, che ancora oggi ne abiterebbe i fondali.

 

Festival ed eventi

Per chi invece ama le esperienze uniche, non necessariamente legate alla natura e al mistero, ecco che la Scozia offre anche una serie di eventi adatti a grandi e piccini. Si parla ad esempio dell’Immaginate Festival di Edimburgo, ma anche dell’Edinburgh Festival e dei divertentissimi Highland Games, perfetti per chi vorrebbe fare un tuffo nella cultura celtica più autentica. Per gli amanti degli oggetti, dei souvenir e dello shopping, invece, il consiglio è di visitare Merchant City, con il suo tradizionale mercatino settimanale.

 

Festival, mostri, mercatini, castelli stregati, musei e tanto altro ancora: la Scozia, di certo, sa come non deludere le aspettative di nessun turista.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato