Contenuto sponsorizzato

Dai deserti incontaminati agli ampi altipiani nella Mezzaluna fertile, la Giordania è una meta sicura per relax e bellezze naturali

Da Amman, città affascinante e ricca di contrasti, a Jerash tra le rovine e gli splendenti castelli nel deserto, dal maestoso Wadi Rum alla magica Petra per scoprire la possibilità di camminare sul letto di un fiume in due wadis più o meno colmi d'acqua e sperimentare il bagno di fango nelle salatissime acque del Mar Morto. Ecco i consigli di viaggigiovani.it 

spazio autogestito - di Viaggigiovani.it
Di spazio autogestito - di Viaggigiovani.it - 22 maggio 2017 - 16:33

TRENTO. Conosciuta come la regione storica della Mezzaluna fertile, costellata da deserti incontaminati e ampi altopiani, la Giordania è terra di immense bellezze naturali, cibo genuino e antiche rovine archeologiche splendenti e misteriose.

 

Da Amman, città affascinante e ricca di contrasti, a Jerash tra le rovine e gli splendenti castelli nel deserto, dal maestoso Wadi Rum alla magica Petra per scoprire la possibilità di camminare sul letto di un fiume in due wadis più o meno colmi d'acqua e sperimentare il bagno di fango nelle salatissime acque del Mar Morto.

 

La sua unica sfortuna è quella di essere collocata in una regione poco stabile, pur essendo un territorio pacifico e tranquillo.

 

L’attuale situazione del Medio Oriente e la conseguente copertura mediatica delle vicende non rende, infatti, giustizia a questa meta, che era - e resta - una destinazione sicura, sempre accogliente verso i visitatori da tutto il mondo.

 

Le autorità reali del Regno Giordano si rifiutano infatti di permettere ai terroristi di minacciare i propri confini e influenzarne la natura di paese ospitale.

 

Le turbolenze della regione rimangono quindi fuori dell’oasi di tranquillità, come confermano le parole del direttore del Jordan Tourism Board, impegnato in varie campagne per trasmettere un’immagine veritiera e corretta della destinazione: “I capisaldi - spiega - del nostro regno sono la sicurezza, il dialogo politico e interreligioso, e continueremo con queste convinzioni”.

 

Alla BIT di Milano nel 2015 e nel 2016, la Giordania si è presentata con stand rinnovati e ricchi di operatori del settore, in vista delle campagne di promozione sui social con blogger e fotografi, pronti per partire alla volta di Petra, del Wadi Rum, della valle dei Re e del Mar Morto, autentico gioiello di relax e natura.

 

Da diversi mesi anche la Farnesina ha rimosso l’avviso di possibili zone a rischio, dimostrando quindi che la Giordania è sicura e che le sue bellezze potranno essere ammirate senza nessun timore.

 

La capitale Amman è un frizzante luogo d’incontro, condito da mercati e attività all’aria aperta, favorite dal clima della zona, che in primavera è stabilmente sopra i venti gradi.

 

Una caratteristica della Giordania è la più alta concentrazione di attrazioni spettacolari distribuite su un territorio non molto vasto e spesso le fotografie non sono in grado di descrivere realmente lo spettacolo che offre questo Paese, che in cambio chiede solo occhi, cuori e silenzio, aspettando il visitatore a braccia aperte per far vivere emozioni uniche.

 

Anche se i ‘Nomadi Moderni’ non hanno mai spesso di proporre viaggi nel magico regno del Medio Oriente, la Giordania sta riconquistando il ruolo di protagonista nelle tratte turistiche.

 

Insomma, un Paese sensazionale, capace di alternare viste mozzafiato a luoghi ricchi di mistero, che ispirano qualsiasi viaggiatore. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 19:53
Sono 226 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 67 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
04 marzo - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 marzo - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato