Contenuto sponsorizzato

Bio-distretto: dopo l'approvazione del quesito, parte la raccolta firme. Il Comitato: "Il sogno prende forma. Rendiamo il Trentino un'avanguardia"

Approvato dalla Commissione provinciale, il progetto per trasformare l'intera provincia in un bio-distretto passa ora dalla raccolta firme necessarie per indire un referendum propositivo. L'obiettivo è raggiungere 8000 nominativi in 3 mesi. E' possibile firmare nei Comuni di tutto il Trentino

Di Davide Leveghi - 27 dicembre 2019 - 18:42

TRENTO. Il bio-distretto del Trentino sta prendendo ufficialmente forma. Il quesito, depositato da un comitato promotore formato da una cinquantina di agricoltori, allevatori, normali cittadini, operatori turistici, ricercatori e contenente la proposta di trasformare il Trentino nel primo grande biodistretto nazionale, è stato approvato dalla commissione provinciale preposta, dando il via al periodo di tempo necessario per la raccolta firma.

 

“Da oggi il sogno prende forma - ha commentato esultante il membro del comitato Andreas Fernandez – e ognuna e ognuno di noi può fare la differenza con una semplice firma! Abbiamo meno di 3 mesi per raccogliere 8mila firme. E' ufficiale quindi – ha proseguito, accompagnato per l'occasione dal presidente del comitato Fabio Giuliani – ora tocca alla cittadinanza, che in ogni Comune avrà la possibilità di firmare di fronte a un funzionario pubblico autenticatore”.

 

“L'idea di creare un bio-distretto significa dar vita a un'area in cui agricoltori, allevatori, operatori del turismo e amministrazione stringono un accordo per cominciare una procedura di conversione al biologico. Si vuole creare sinergia tra le componenti sociali ed economiche, promuovere un modello di sviluppo nuovo e non disgregato, come avviene ora. Il processo sarà molto lungo, durerà anni, perché si accompagnerà ad un cambiamento culturale epocale. Un processo inclusivo, in cui si dovrà prima formare e informare”.

 

Il progetto nasce dall'idea di ripensare ai modi con cui abitiamo la Terra, di creare un modello di sviluppo sostenibile che accorpi i diversi distretti biologici già esistenti (Val di Gresta, Valle dei Laghi, Comune di Trento, Vanoi) in un'unica entità, comunitaria e sinergica. Un territorio, quindi, in cui produzione e consumo seguono una linea ambientale, di rispetto e valorizzazione dell'ambiente e dei suoi prodotti.

 

“E' un sogno – continuano i due membri del Comitato – perché non esiste alcun territorio del genere in Italia. Promozione e divulgazione divengono ora decisivi. I cittadini ne devono parlare e devono andare nei Comuni a firmare. È un processo dal basso che mira a trovare un punto d'incontro con l'amministrazione, una grande occasione di democrazia diretta. Dal punto di vista istituzionale, diventare un bio-distretto significherebbe essere avanguardia”.

 

I motivi a vantaggio del bio-distretto, elencati dal comitato, sono diversi: progressiva limitazione dei pesticidi, difesa della salute pubblica, protezione dell'acqua, delle api e della biodiversità, promozione della ricerca e di un obiettivo comune, condiviso e costruttivo, sostegno all'economia e alla cultura ambientale. La palla, come detto, passa ora alla cittadinanza, a cui spetterà il compito di porre le basi per un referendum storico che proietterebbe il Trentino in un futuro più sostenibile e rispettoso della natura

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

16 gennaio - 18:29

Nella consueta conferenza sulla situazione Coronavirus in provincia di Trento, il direttore generale dell'Apss Pier Paolo Benetollo ha ribadito l'importanza di sottoporsi all'isolamento in caso di contatto con un positivo. "Il tampone è un utile strumento ma non in questo caso"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato