Contenuto sponsorizzato

Dopo ventun'anni a Riva del Garda la convention internazionale sul clima e la meteorologia delle Alpi

Dopo ventuno anni dall'ultima volta nella penisola, si terrà a Riva del Garda dal 2 al 6 settembre la 35a edizione della Conferenza internazionale di meteorologia. L'occasione, che verrà impegnati delegati provenienti da svariate nazioni, offrirà possibilità di discutere il futuro della disciplina e del clima delle Alpi

Foto di Giovanni Cavulli
Di Davide Leveghi - 27 agosto 2019 - 21:58

RIVA DEL GARDA. Si terrà nelle città sul lago, dal 2 al 6 settembre 2019, la 35a edizione della Conferenza internazionale di meteorologia, a 21 anni dall'ultima volta in Italia. L'evento scientifico, che si tiene ogni due anni a rotazione in diverse nazioni dell'arci alpino, ospiterà ricercatori e ricercatrici, docenti universitari e operatori dei servizi meteorologici esperti nel clima delle Alpi e più in generale delle montagne.

 

Tenuto per la prima volta a Milano, nel 1950, su iniziativa di Mario Bossolasco, professore di geofisica dell'Università di Genova, la conferenza si è svolta per l'ultima volta nella penisola nel 1998 a Torino. Appuntamento di grande rilevanza scientifica e applicativa, raccoglie contributi su tutti gli aspetti della meteorologia e della climatologia alpine e montane, tra cui certamente riflessioni sui recenti eventi di particolare intensità che hanno colpito i territori delle Alpi, in connessione coi cambiamenti climatici.

 

Tra gli argomenti trattati nella conferenza si affronteranno le questioni dei nuovi strumenti per il monitoraggio e i nuovi modelli per le previsioni meteorologiche, dibattuti da due delegati di tutte le nazioni dell'arco alpino (Austria, Croazia, Francia, Italia, Germania, Slovenia e Svizzera), oltre che da quelli, aggiunti nel tempo, di Regno Unito e Islanda, coordinati nei lavori da un Comitato d'Indirizzo.

 

In collaborazione per questa edizione con l'Università di Trento e l'Associazione italiana per la scienze dell'atmosfera e della meteorologia (Aisam), l'iniziativa vedrà la partecipazione di esperti di vari enti, nazionali e internazionali, tra cui Richard Rotunno, senior scientist del National Center for Atmospheric Research (Ncar) del Colorado, il più prestigioso ente di ricerca statunitense nei settori dell'atmosfera, della meteorologia e del clima. Rotunno ha lavorato, tra le altre cose, sulle brezze marine, le correnti atmosferiche sulle catene montuose, i tornado e i cicloni tropicali, mantenendo sempre aperto un contatto, anche in virtù dell'attaccamento alle origini italiane, con diversi ricercatori del nostro Paese.

 

Il convegno sarà preceduto nei giorni 28-30 agosto a Rovereto dal primo workshop del Programma di Cooperazione internazionale “TEAMX- Multi-scale transport and exchange processes in the atmosphere over mountains- programma and experiment”, iniziativa che si inserisce nel solco dei grandi programmi di collaborazione internazionale sulla meteorologia dell Alpi - si vedano ALPEX (1980-1982) e MAP (1994-2005) – e che vedrà coinvolti un centinaio di ricercatori da svariati Paesi.

 

Il programma punta a realizzare progetti di ricerca internazionali, che prevedano anche campagne sperimentali mirate, con il dispiegamento di strumentazione avanzata messa a disposizione da partners di diverse nazioni ed istituzioni per il monitoraggio di alcune specifiche aree. Dall'elaborazione di questi dati si potranno ricavare risultati utili a migliorare i modelli metereologici per le previsioni e i modelli climatici per le proiezioni del clima futuro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 febbraio - 12:38

La donna è stata assistita dall’avvocato trentino Schuster: “Al di là della tutela della cliente, era importante porre fine a tesi isolate che pretendevano di applicare automatismi e ora la Cassazione ha fatto chiarezza. Ma la piena dignità delle persone trans è ancora un traguardo lontano”

17 febbraio - 21:35

L’area potrà essere edificata dopo decenni di stop. Motivato. I privati che vi investiranno cederanno una porzione di terreni al Comune. E per quanto riguarda le future costruzioni si realizzerà – in parte – una struttura di cohousing: alloggi privati corredati da spazi comuni destinati ad un uso collettivo

18 febbraio - 05:01

Negli scorsi giorni un incontro a Mestre dove un importante esponente austriaco dell'Fpo ha riproposto l'opera che collegherebbe la Laguna alle Dolomiti, all'Austria e alla Germania: 280 chilometri che piacciono a tanti anche in Veneto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato