Contenuto sponsorizzato

Gli alberi abbattuti da Vaia diventano taglieri solidali. Il legname utilizzato anche per realizzare un'area giochi per bimbi

Durante la dodicesima edizione di Cheese, manifestazione enogastronomica organizzata da Slow Food nel cuneese, agli espositori verranno forniti taglieri realizzati con il legno della Val di Fiemme. Non solo taglieri. Con il legno degli alberi abbattuti da Vaia verranno realizzati anche gli arredi e l'area giochi per i bambini

Di Arianna Viesi - 17 settembre 2019 - 20:39

TRENTO. Dal 20 al 23 settembre, a Bra in provincia di Cuneo, Slow Food organizza la manifestazione Cheese. L'evento, giunto alla didicesima edizione, è dedicato al buon cibo: non solo formaggi, ma anche pane, salumi e vini seguendo lo slogan “Naturale è possibile”. 

 

La peculiarità di quest'anno, però, non sta tanto nel "contenuto" (le specialità che verranno offerte) quanto nel "contenitore". Agli espositori presenti in fiera verranno infatti forniti dei taglieri "solidali", realizzati in legno d'abete proveniente dai boschi della Val di Fiemme duramente colpiti, lo scorso ottobre, dalla tempesta Vaia. Questa filiera solidale è promossa da Pefc Italia, organismo garante della certificazione di gestione sostenibile del patrimonio forestale e dei suoi prodotti. Obiettivo dell'iniziativa: contribuire al recupero e alla valorizzazione di risorse naturali che andrebbero perdute.  

 

Lo scopo di Cheese - spiegano gli organizzatori in una nota - è quello di dimostrare che agricoltura e allevamento sostenibili sono scelte auspicabili e possibili e che, soprattutto, lo sono lungo tutta la filiera. Scelte ponderate e consapevoli, infatti, non salvaguardano solo la nostra salute ma anche (e soprattutto) quella dell'ambiente.

 

Coerentemente con lo spirito della manifestazione, Slow Food ha quindi deciso di aderire alla "Filiera solidale Pefc", iniziativa con cui l'associazione sta supportando le zone colpite da Vaia. La tempesta ha devastato i boschi di Lombardia, Veneto, Trentino Alto-Adige e Friuli-Venezia Giulia. Per contribuire al recupero, e alla salvaguardia, delle aree coinvolte, Pefc promuove l'acquisto a un prezzo equo del legname caduto.

 

Slow Food fornirà quindi, ai cento espositori presenti in fiera, taglieri realizzati con il legno della Val di Fiemme e prodotti dall'azienda trentina Leonardi Wood. Non solo taglieri. Il legno proveniente dalle foreste colpite da Vaia verrà utilizzato anche per gli arredi e lo spazio gioco dedicato ai bambini.

 

“Gli oggetti e i prodotti realizzati in legno in occasione di Cheese contribuiscono al recupero e alla valorizzazione di risorse naturali che altrimenti andrebbero perse, sensibilizzando, allo stesso tempo, visitatori ed espositori e promuovendo la gestione sostenibile delle foreste italiane”, sottolinea Maria Cristina D’Orlando, presidente Pefc Italia.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 giugno - 13:06

La Cgil non ha approvato le linee guida perché anche in questo caso non ha partecipato l'Inail ma ha contribuito a far cambiare alcune disposizioni. Mazzacca: ''Restano alcune perplessità, tra cui la più significativa è quella legata al numero di insegnanti per bambino. La nostra proposta era quella di un rapporto più basso, fino uno a cinque. La Provincia ha proposto uno a dieci. C’è stato comunque un passo avanti”

03 giugno - 12:26

E' ripartita ufficialmente la campagna elettorale per le elezioni comunali e il candidato per il centrosinistra Franco Ianeselli ha deciso di cominciare da Cristo Re. Rapido il suo intervento, in cui ha ringraziato chi ha gestito l'emergenza in città e lanciato le proposte per far ripartire Trento dopo la chiusura forzata causa epidemia. "Vogliamo una città che sostiene i più deboli e riparte dagli investimenti". Presentata anche l'iniziativa "Un fiume di idee", per coinvolgere la cittadinanza nelle definizione delle priorità

03 giugno - 11:27

Oltre 6000 firme per chiedere il ritorno alle lezioni in classe: “Vogliamo una scuola reale basata sul rapporto umano, ciò che è servito in un momento di emergenza, come al didattica a distanza, non può diventare la normalità perché questa modalità di relazione non è reale”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato