Contenuto sponsorizzato

Il mega raduno di jeep sconfina nel parco? "Parte del campo base all’interno dei confini, ma solo a ridosso dell’area sciabile''

Ad essere interessata solo una piccola porzione adiacente agli impianti sciistici, Ducoli direttore del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino: “Siamo stati attenti affinché nessuna jeep entrasse nel parco, lo spazio occupato dal campo base è una piccola porzione già antropizzata”

Di Tiziano Grottolo - 02 luglio 2019 - 06:01

PRIMIERO SAN MARTINO DI CASTROZZA. Non si placano le polemiche attorno al mega raduno di jeep che richiamerà centinaia di 4x4 da tutta Italia che si riverseranno  nell'area di Ces e della Tognola, zona in cui sorge anche il Parco Paneveggio-Pale di San Martino. Si tratta della sesta edizione del ‘Camp Jeep 2019’ in programma dal 12 al 14 luglio a San Martino di Castrozza.

Un evento, come dicevamo, che potrebbe richiamare alcune centinaia jeep e contro il quale si sono già schieratele opposizioni in consiglio provinciale, ambientalisti e Sat. Tema, quello degli eventi in alta quota, che da sempre fa molto discutere e divide il mondo della politica e questo raduno non è stato da meno.

 

Anche oggi infatti, alcuni ambientalisti si sono levati contro il ritrovo di jeep sottolineando come – a differenza di quanto affermato dalla Giunta provinciale che ha dato il via libera all’evento – una parte delle strutture in allestimento per accogliere gli appassionati del fuoristrada sconfini all’interno del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino.

 

A smorzare gli animi ci ha pensato Vittorio Ducoli, direttore del parco: “È vero che una parte del campo base sorgerà all’interno dei confini del parco, ma si tratta di una piccola porzione a ridosso dell’area sciabile". Nell’area sottostante malga Ces sorge da molto tempo un impianto sciistico. “Siamo stati molto attenti affinché nessuna jeep entrasse all’interno del parco, fatta eccezione per le strade a libera circolazione – precisa il direttore del parco –  la porzione interessata è un’area già interessata da una forte antropizzazione e sottoposta in passato a interventi di livellamento della superficie. Ripeto – conclude Ducoli – all’interno del parco non ci sono stati passaggi motorizzati”.

 

Al netto delle polemiche la questione dei grandi eventi in alta quota rimane aperta soprattutto quando ad essere coinvolto è un territorio fragile come quello delle montagne trentine.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:38

La città gardesana è stata scelta perché da anni ospita una comunità molto attiva di raeliani che promettono: “Entro il 2035 gli Elohim giungeranno sulla terra ma solo dopo che la loro ambasciata sarà costruita”

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato