Contenuto sponsorizzato

Lago del Lagorai, se il sito ufficiale del Trentino ancora lo ''promuove'' tra errori e indicazioni incomplete

Alessando Ghezzer aveva segnalato ancora a inizio gennaio i tantissimi passaggi ''da sito amatoriale della bocciofila locale'' riportati su ''Visittrentino''. A tre mesi di distanza le foto sono cambiate e qualche strafalcione è stato corretto ma le indicazioni restano in gran parte da rivedere

Di L.P. - 27 marzo 2019 - 20:09

TRENTO. Sono passati mesi, qualcuno ci ha anche rimesso le mani, ma molti errori restano. Li aveva segnalati i primi di gennaio Alessandro Ghezzer (QUI IL LINK) fotografo e cameraman di professione, appassionato di montagna ed escursionismo, e creatore della seguitissima pagina Facebook ''Giù le mani dal Lagorai''. E proprio del Lago Lagorai stiamo parlando e del sito web ufficiale del Trentino (Visittrentino.it). 

 

''E' pazzesca la quantità di strafalcioni e la sciatteria nel testo descrittivo di Lago Lagorai nel sito web ufficiale del Trentino - scriveva a gennaio Ghezzer -. Si inizia con foto di laghi che non c'entrano niente: Lago di Forcella Valsorda, Lago Colbricon, Lago delle Buse. Su tre foto, neppure una è giusta. La prima è scattata addirittura nel Vanoi che non è nemmeno in Val di Fiemme''. Immagini che sono state corrette e sostituite con due scatti di nuova edizione.

 

Anche l'errore sul luogo di partenza è stato corretto (inizialmente era riportato Lago di Lagorai mentre è Lago di Tesero). Il resto invece non è rimasto pressoché invariato (qui l'originale)

 

IL TESTO COME E' OGGI

 

IL TESTO COME ERA PRIMA

 

 

 

 

 

''Sorvoliamo sulla descrizione del sentiero - spiegava Ghezzer a gennaio ma è ancora tutto valido - con le coordinate sbagliate, Cadinello e Formion non delimitano un bel nulla, semmai il lago stesso e non certo il percorso (sarebbe la Corona Alta, eventualmente), incredibilmente si propone l'accesso alternativo da Cavelonte, passando per "Malga Tozzo" (in realtà Toazzo, questo è stato corretto ndr), facendo salire gli ignari escursionisti fino alle rampe delle Mandre di Muro e al vecchio baito in rovina. E poi? E poi s'arrangiassero! Nulla viene detto sul fatto che non si è affatto arrivati al lago ma ci si trova in una valle parellela più a est, e nemmeno di poco''.

 

''Per raggiungere la Val Lagorai dalle Mandre di Muro bisogna infatti camminare ancora per 3 km, salire fino a scollinare Forcella Cadinello e poi scendere per un altro bel tratto fino a raggiungere, finalmente, il lago Lagorai. E per tornare? Mistero. Si suppone dalla stessa! Ma chi butta dentro informazioni simili nel portale del turismo trentino? Forse un po' di soldi della Translagorai potrebbero essere meglio spesi nel sito per migliorare le penose descrizioni dei luoghi come questa. È il sito ufficiale del Trentino - concludeva il fotografo - non un sito amatoriale della bocciofila locale''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato