Contenuto sponsorizzato

Che impatto hanno i cambiamenti climatici su viti e vino? Fondazione Mach (a capo di 6 Paesi Eu) prova a rispondere

Il progetto, tutto dedicato all'ecosistema vite-vino e clima, analizzerà nel dettaglio alcuni aspetti che risultano centrali nella viticoltura: l’anticipo fenologico, il problema della siccità, le ripercussioni sulle pratiche viticole e sulla qualità delle uve, la carenza di acqua e di sostanza organica nel suolo, le alterazioni chimiche dei mosti e quelle organolettiche dei vini

Pubblicato il - 17 luglio 2020 - 17:59

TRENTO. I cambiamenti climatici stanno segnando e segneranno il comparto agricolo (e, quindi, anche vitivinicolo). Ma come? A rispondere a questa domanda proverà la Fondazione Edmund Mach che coordinata un progetto che coinvolge centinaia di cantine distribuite in sei Paesi europei.

 

Obiettivo ultimo del progetto è quello di studiare l'impatto del clima sulla viticoltura in Europa per favorire lo sviluppo di una comunità innovativa dove ricerca e industria mettano in comune i propri sforzi a favore di un'economia resiliente al cambiamento climatico.

 

Per arrivarci, si parte con un sondaggio somministrato alle cantine dei sei Paesi europei coinvolti nel progetto: Italia, Francia, Cipro, Portogallo, Slovenia e Spagna. Il progetto, Medcliv (Mediterranean Climate Vine and Wine Ecosystem), coordinato dalla Fondazione Mach, coinvolge otto partner del Mediterraneo europeo e, per l’Italia, il Cnr-Ibe. Il progetto è co-finanziato da Eit Climate-Kic, l’agenzia europea fondata nel 2010 dall’Istituto Europeo per l'Innovazione e la Tecnologia (Eit).

 

Il progetto, tutto dedicato all'ecosistema vite-vino e clima, analizzerà nel dettaglio alcuni aspetti che risultano centrali nella viticoltura: l’anticipo fenologico, il problema della siccità, le ripercussioni sulle pratiche viticole e sulla qualità delle uve, la carenza di acqua e di sostanza organica nel suolo, le alterazioni chimiche dei mosti e quelle organolettiche dei vini. Fino al 2022 Medcliv lavorerà per favorire l'aggregazione degli “ecosistemi” nazionali della filiera vitivinicola intorno ai riflessi del cambiamento climatico.

 

L’indagine conoscitiva servirà per definire le priorità d'azione, definendo una mappa, regione per regione, delle urgenze percepite nel settore vitivinicolo nei confronti del cambiamento climatico. I risultati dell'indagine aiuteranno a identificare gli scenari probabili di evoluzione nella gestione del vigneto e nella pratica enologica, così come dell’attitudine ad intraprendere le possibili azioni di mitigazione delle emissioni.

 

Tutte le aziende e le cantine che desiderassero farlo sono invitate a partecipare al sondaggio (QUI). 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 19:54
Dei circa 120.000 trentini di età compresa tra 18 e 40 anni da ieri sera fino al 10 luglio se ne potevano prenotare 25.000. A mezzogiorno erano [...]
Politica
15 giugno - 18:42
Grosselli sulle scuole d’infanzia propone uno “sciopero al contrario”: “Invece di astenersi dal lavoro, nel giorno di sciopero si potrebbe [...]
Cronaca
15 giugno - 16:25
L'uomo ha avuto un malore in acqua ma fortunatamente altri bagnanti si sono accorti dell'accaduto e lo hanno soccorso. Poi è arrivato l'elicottero [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato