Contenuto sponsorizzato

Come i fiori di montagna dimostrano il riscaldamento globale. L’esperto: “I cambiamenti avvengono 5 volte più rapidamente rispetto a 50 anni fa”

Con il riscaldamento aumentano anche le specie vegetali sulle cime montane, così alcune varietà risalgono le vette a una velocità di 2,5 metri all’anno. In Trentino-Alto Adige sono state rinvenute delle orchidee a oltre 3000 metri di quota. Se nel 1935 sulla Lobbia Alta dell’Adamello si contavano 17 specie diverse nell’arco di 70 anni queste sono quasi triplicate

Di Tiziano Grottolo - 22 gennaio 2020 - 20:24

TRENTO. Ci sono vari modi di studiare i mutamenti climatici in atto, uno di questi si concentra sullo studio degli effetti che il riscaldamento del clima ha sulla distribuzione altitudinale delle piante in alta montagna. “Il primo botanico ad essersi accorto che la flora delle vette stava cambiando è stato lo svizzero Josias Braun-Blanquet”, spiega Filippo Prosser conservatore della sezione botanica del Museo Civico di Rovereto. Lo studioso svizzero prese in esame la flora del Piz Languard nei Grigioni, confrontando le piante da lui trovate con quelle che erano state rilevate 40 anni prima, notando un sensibile aumento del numero di specie.

 

Da allora sono stati effettuati numerosi studi di questo tipo, soprattutto dopo il 1990. Recentemente è stato pubblicato un lavoro sulla rivista Nature dal titolo piuttosto eloquente: “L’aumento accelerato della ricchezza delle specie vegetali sulle cime delle montagne è legato al riscaldamento”. Lo studio in questione ha preso in considerazione 302 cime europee e i risultati hanno confermato chiaramente come sulle vette montuose più elevate stiano aumentando le specie floreali. Il dato allarmante però è rappresentato dal fatto che questo arricchimento avviene cinque volte più rapidamente rispetto a cinquant’anni fa.

 

“Anche in Trentino c'è almeno un esempio di studio dell'arricchimento della flora di una vetta montuosa”, ricorda Prosser, è il caso della Lobbia Alta (quota 3196 metri sull’Adamello) che, essendo ben delimitata da ghiacciai e da pareti rocciose ben si presta a questo tipo di studi. “Grazie ad un rilevamento del botanico bresciano Nino Arietti sappiamo che nel 1935 la flora della Lobbia Alta presentava 17 specie – ricorda il botanico del Museo Civico di Rovereto – nel 1991 abbiamo rilevato 36 specie, che nel 2006 risultavano ulteriormente salite a 45 specie, tra cui per la prima volta facevano la loro comparsa, con ben tre nuove specie, le piante legnose”.

 

Il progetto internazionale Gloria da una ventina d'anni studia in dettaglio la modificazione della flora attraverso plot posti su cime montuose di tutto il mondo. In questi plot si osserva in generale la rarefazione di specie di vetta e la comparsa di specie legate a quote inferiori. Questo almeno è quanto osservato da botanici dall'Università di Innsbruck in plot posti nel gruppo del Latemar sul confine con la provincia di Bolzano.

 

 

 

 

Si ricorda inoltre come la Provincia di Bolzano conta attualmente due target regions che sono oggetto d’indagine nel progetto Gloria: una si trova nelle Dolomiti, dichiarate dall’Unesco patrimonio naturale dell’umanità (principali rocce costitutive: calcare del Latemar e dolomia dello Sciliar), mentre l’altra si trova nel Parco naturale Gruppo di Tessa (principali rocce costitutive: gneiss del basamento scistoso cristallino dell’Ötztal-Stubai).

 

Tra i vari studi effettuati al riguardo c'è anche il rilevamento del limite superiore delle specie sul Monte Vioz lungo il sentiero che porta al rifugio tra 2780 e 3440 metri, eseguito dallo stesso Prosser nel 1997 e nel 2017: “In questo ventennio il limite superiore delle 52 specie rilevate è salito in media di 49 metri – sottolinea – ciò significa che le specie sono mediamente salite con una velocità di 2,5 metri all’anno”. Velocità di questa entità vengono registrate anche in ambienti analoghi di altre zone delle Alpi.

 

 

 

 

La più alta pianta superiore delle Alpi oggi nota è la Saxifraga oppositifolia, rinvenuta nel 2009 a ben 4505 metri sul Dom, nel Vallese. Precedentemente il record spettava a Ranunculus glacialis: i testi "classici" riportano come record la sua presenza a 4275 metri sul Finsteraarhorn, nelle Alpi Bernesi. Record altimetrici di singole specie, generi o famiglie vengono oggi spesso superati. Ad esempio, non è di molto tempo fa il nuovo record di orchidea più elevata d'Europa non è più Coeloglossum viride rinvenuto a 2970 metri sul Monte Pisgana (Gruppo della Presanella), ma Nigritella rhellicani rinvenuta a 3005 metri in Val di Valles in provincia di Bolzano.

 

Sul Monte Baldo è stato analizzato da un team di ecologi il grande database (131.000 dati) che sta alla base della flora di questa catena montuosa, pubblicata nel 2009. Da questo studio è emerso che le specie stanno risalendo a notevole velocità anche su questa montagna non molto elevata, e in particolare è risultato che le specie alloctone hanno una velocità di risalita doppia rispetto alle specie autoctone: “Ciò dimostra il fatto che il riscaldamento climatico facilita la diffusione delle specie alloctone” conclude Prosser. 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 05 marzo 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 aprile - 06:36

Nel solo mese di marzo nelle Rsa trentine hanno perso la vita 282 persone, su 67 morti accertate con coronavirus però ci sono circa 70 decessi che non sono ufficialmente attribuiti all’epidemia ma gli indizi puntano in un’unica direzione, Nava: “La risposta è sotto gli occhi di tutti il coronavirus ha colpito con violenza le Rsa”

03 aprile - 19:42

Le vittime sono 10 donne e 7 uomini. C'è un caso che preoccupa, un minore del Primiero del 2015 ricoverato a Belluno. Sono 296 i pazienti ricoverati senza ventilazione, 47 in ventilazione semi-invasiva e 80 in ventilazione invasiva. Sono invece 9 i guariti e 237 i guariti clinicamente

03 aprile - 19:52

L’osservatorio mercato del lavoro della Ripartizione provinciale altoatesina ha pubblicato i primi dati consolidati sull’andamento del mercato del lavoro per il mese di marzo 2020. Ad avere risentito maggiormente delle misure di contenimento è stato il settore turistico, che ha dovuto bloccare tutti i servizi dedicati all'alloggio e ristorazione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato