Contenuto sponsorizzato

Death Valley il termometro segna 54.4 gradi: “Potrebbe essere la temperatura più alta di sempre”

La valle desertica californiana detiene già l’attuale record per la temperatura più alta (registrato nel 1913), ma secondo gli esperti vennero commessi degli errori di misurazione. Se i 54.4 gradi fossero confermati si tratterebbe comunque della temperatura più mai alta rilevata dal 2000 a oggi

Foto pubblicata dal Death Valley National Park credit J. Giurado
Di Claudia Schergna - 18 agosto 2020 - 12:53

CALIFORNIA. Erano le 15:41 di domenica 16 agosto quando nella Death Valley, in California, sono stati sfiorati i 130 gradi Farenheir, equivalenti a 54.5 gradi Celsius. L’annuncio è arrivato dal National Weather Service e in poco tempo ha fatto il giro del mondo perché, qualora i dati venissero confermati, si tratterebbe della temperatura più alta mai rilevata sul pianeta.

 

Il record attuale è detenuto sempre dalla Death Valley, il Guinness World Record riporta i 56.7 gradi, registrati nel luglio del 1913. Secondo alcuni meteorologi però, questo dato sarebbe stato viziato da degli errori. Nel 2012, la World Meteorological Organization (Wmo) ha condotto un’indagine sulle temperature record registrate nella Death Valley giungendo alla conclusione che il dato rilevato nel 1913 non sarebbe attendibile, per via di un probabile errore di misurazione.

 

Da quello che ho visto finora tutto sembra indicare che la registrazione sia legittima” ha dichiarato al Washington Post il leader del team per le temperature estreme della Wmo Randy Cerveny. “Per il momento – ha aggiunto – raccomanderei di accettare questa registrazione. Nelle prossime settimane, ovviamente, esamineremo il dato più in dettaglio”.

 

A contendere il primato ci sono il tanto discusso picco di 56.6 gradi registrato nel 1913 nella Death Valley e la punta di 55 gradi rilevata a Kebili, in Tunisia, nel 1931. Ma anche riguardo l’attendibilità di quest’ultima misurazione i meteorologi hanno espresso parecchi dubbi. In attesa di capire se il record sia stato superato o meno, è possibile affermare che la temperatura registrata domenica scorsa sia arrivata in seguito alla grande ondata di caldo che da giorni sta imperversando sugli Stati Uniti sud-occidentali.

 

Temperature record sono state registrate anche nel resto della California: Woodland Hills ha segnalato un picco di 44.4 gradi, battendo il record di 42.2 risalente al 1977, mentre il centro di Los Angeles ha registrato 36 gradi, superando il record del 1994. Ad ogni modo, secondo la versione maggiormente accettata fra i climatologi, le tre temperature più alte di sempre sono state rilevate nella Death Valley nel 2013 (53.8 gradi), in Kuwait nel 2016 e in Pakistan nel 2017. Considerando queste rilevazioni i 54.5 gradi segnalati domenica scorsa sarebbero davvero la temperatura più alta mai registrata sulla Terra.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato