Contenuto sponsorizzato

Il Ranunculus glacialis è il fiore che cresce più in alto in Trentino ma il cambiamento climatico potrebbe spingerlo ancora più su. ''Chi lo avvista lo segnali''

L'appello della Museo di Scienze e Archeologia della Fondazione Museo Civico di Rovereto (all'interno del quale in questo periodo si può visitare la mostra temporanea ''Ci vuole un fiore. La flora del Trentino: ieri, oggi e domani'')

Pubblicato il - 19 gennaio 2020 - 14:53

ROVERETO. Si chiama Ranunculus glacialis, ranuncolo dei ghiacci per l’appunto, ed è il fiore che in Trentino cresce a quota più alta. Fino a oggi nel nostro territorio è stato rinvenuto a una quota di 3500 metri (sulla Presanella e presso Punta Taviela) ma con il riscaldamento delle temperature in futuro potremo trovarlo sempre più a quote maggiori.

 

Il Museo di Scienze e Archeologia della Fondazione Museo Civico di Rovereto lancia, quindi, un appello rivolto agli alpinisti: ''Se qualcuno lo dovesse scorgere a quote più elevate rispetto a quelle censite dai botanici, quale contributo del singolo alla scienza nella migliore accezione della citizen science, potrebbe inviare al museo una foto e le coordinate gps, in modo da aggiornare le informazioni nel data base del Museo''.

 

L'appello parte dalla mostra temporanea (inaugurata a metà dicembre e durerà fino al 23 agosto) ''Ci vuole un fiore. La flora del Trentino: ieri, oggi e domani'', un'esposizione curata da Giulia Tomasi della sezione Botanica della Fondazione, con il coordinamento di Alessandra Cattoi e Alessio Bertolli e la supervisione scientifica di Filippo Prosser.

 

Un viaggio in Trentino alla scoperta di piante e fiori, focalizzando l’attenzione su tematiche quali la perdita di biodiversità, gli ambienti fragili, minacciati, da difendere o il cambiamento climatico e le modifiche del paesaggio, le estinzioni e le immigrazioni vegetali, causate da quest’ultimo o semplicemente dovute all’urbanizzazione o ai cambiamenti di utilizzo del suolo, sempre meno dedicato alle colture tradizionali.

 

Per info e prenotazioni allo 0464.452800

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 ottobre - 05:01

L'esperienza di Andrea, un 32enne che 11 giorni fa ha presentato i primi sintomi da coronavirus con febbre e stanchezza diffusa. "Mi sono sentito abbandonato dall'Apss, che non mi ha fornito alcuna indicazione su come comportarmi. Quando ho detto loro che ho l'App Immuni per avere quadro più preciso delle persone con cui avevo avuto contatti, la risposta è stata di totale indifferenza"

21 ottobre - 09:02

Il piccolo sarebbe stato contagiato dalla cuginetta in una festa in famiglia. Dopo due giorni di ricovero è tornato a casa, il direttore dell'Azienda sanitaria: ''E' andato tutto bene''

20 ottobre - 16:57

Gli obiettivi sono contenuti nello schema di accordo con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che ha ricevuto oggi (20 ottobre) il via libera proprio da parte della Giunta provinciale. Ecco quali sono gli interventi che saranno finanziati dai fondi statali. A questi si deve aggiungere, a livello ferroviario, la variante della Val di Riga (150 milioni di euro) a carico di Rfi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato