Contenuto sponsorizzato

Pericolo Elodea nuttallii nel laghetto di Rablà (e rischio che si estenda nell'Adige): lavori in corso per estirparla, rimossa l'acqua

L'alga acquatica a foglie strette è originaria del Nord America ed è una pianta acquatica perenne che si adatta molto bene alle condizioni ambientali e cresce rapidamente. Le loro dense popolazioni hanno effetti negativi, anche sulla popolazione ittica. Pertanto, l’acqua deve essere rimossa per evitare che la pianta si riproduca, si diffonda, colonizzi e danneggi altri ecosistemi

Pubblicato il - 23 novembre 2023 - 12:16

PARCINES. E' un'alga rilevata per la prima volta in Alto Adige l'estate dello scorso anno che ha una grande adattabilità, una crescita rapidissima e una densità tale da eliminare le altre piante e da mettere a rischio la popolazione ittica. Ecco che, dalla prossima settimana riprenderanno, nel laghetto di Rablà e nel rio di Tel, nel Comune di Parcines, i lavori dei Bacini montani altoatesini per eliminare la pianta acquatica invasiva Elodea nuttallii.

 

A causa della sua grande adattabilità, rapida crescita e riproduzione, questa pianta si è diffusa rapidamente in tutto lo stagno ed ha eliminato le piante autoctone. “Poiché il Laghetto di Rablà confluisce nel vicino fiume Adige, esiste il rischio che piccole particelle di questa pianta acquatica possano venir trasportate e colonizzare altri habitat” sottolinea il direttore dei lavori Martin Eschgfäller dell'Ufficio sistemazione bacini montani d Ovest. "Poiché il laghetto di Rablà è un'area ricreativa molto frequentata, procediamo con particolare cautela", sottolinea l’assessore provinciale Arnold Schuler.

 


 

L'Elodea nuttallii, l'alga acquatica a foglie strette, che prende il nome dal botanico inglese Thomas Nuttall, è originaria del Nord America ed è una pianta acquatica perenne che si adatta molto bene alle condizioni ambientali e cresce rapidamente. Le loro dense popolazioni hanno effetti negativi, anche sulla popolazione ittica. Pertanto, l’acqua deve essere rimossa per evitare che la pianta si riproduca, si diffonda, colonizzi e danneggi altri ecosistemi. Il termine invasivo descrive quelle specie aliene e non autoctone che possono mettere in pericolo un ecosistema. Per contrastare la diffusione, un regolamento UE del 2014 stabilisce che devono essere adottate misure immediate per controllare e contenere la diffusione.

 


 

Il lavoro nel laghetto di Rablà si svolge in stretta collaborazione e coordinamento tra i Bacini montani e l'ecologo delle acque Peter Hecher, dell'Agenzia per la Protezione civile, il Laboratorio biologico dell'Agenzia per l'ambiente, l'Ufficio per la tutela delle acque, l'Ufficio per la natura, l'Ufficio per la gestione della fauna selvatica, il Corpo forestale, la locale Associazione dei pescatori e l'Amministrazione comunale. I lavori nel laghetto di Rablà e lungo il corso inferiore del rio Ziel si svolgeranno nei mesi invernali.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 marzo - 11:43
La polizia tedesca ha fermato una persona, l'ex marito della figlia della fisioterapista di 61 anni aggredita a febbraio. Sequestrati cellulari, [...]
Cronaca
05 marzo - 09:50
Sul posto anche i vigili del fuoco e le forze dell'ordine oltre al personale tecnico dell'Autostrada. E' successo al chilometro 183 in [...]
Cronaca
05 marzo - 09:24
A finire davanti al giudice sono padre e figlio, il primo per violenza privata e lesioni mentre il secondo per violenza sessuale
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato