Contenuto sponsorizzato

Aquila reale avvelenata dal piombo, dopo 3 mesi di cure è tornata in libertà: "Aveva gli arti inferiori paralizzati"

Ricoverata al Cras, l'aquila è stata immediatamente sottoposta a scrupolosi controlli veterinari per poi seguire un percorso di disintossicazione mirato e particolarmente delicato. Ora è tornata in libertà

Di S.D.P. - 28 febbraio 2024 - 15:30

SELLA GIUDICARIE. E' stata rilasciata in libertà dagli operatori del Servizio faunistico dopo 3 mesi di cure al Cras della Provincia di Trento, un'aquila reale recuperata lo scorso novembre in località Cronelle, poco sopra l'abitato di Breguzzo, nel comune di Sella Giudicarie, a seguito della segnalazione di un residente.

 

Il rapace, non in grado di volare, era stato tempestivamente recuperato dai forestali e trasportato al Cras, dove le operatrici, anche a seguito delle analisi eseguite, hanno appurato come le difficoltà motorie e la totale paralisi degli arti inferiori dell'animale fossero causate da avvelenamento da piombo.

 

Ricoverata al Cras, l’aquila è stata immediatamente sottoposta a scrupolosi controlli veterinari per poi seguire un percorso di disintossicazione mirato e particolarmente delicato. Dopo 10 giorni di trattamento, i livelli di piombo del sangue dell'animale hanno cominciato a calare, con tanto di miglioramento delle condizioni generali del volatile che, però, ancora non era in grado di reggersi sulle zampe.

Sono stati necessari circa 50 giorni di degenza e trattamenti per osservare i primi segnali di ripresa. Dalla degenza in uno spazio controllato in una delle sale interne del Cras, l’aquila è stata quindi spostata in una voliera esterna dove ha ricominciato a muoversi sulle zampe e ad esercitare nuovamente una presa con gli artigli finalmente non più contratti.

 

A distanza di 70 giorni dal ritrovamento il rapace è stato quindi trasferito all’interno di un tunnel di 30 metri dedicato alla riabilitazione al volo, passaggio necessario per consentire all’animale di riacquistare muscolatura e familiarità con il volo prima del ritorno in natura. Infine, una volta accertati il buono stato di salute e la rinnovata capacità di volare dell'aquila, le operatrici del Cras hanno ritenuto concluso il percorso di recupero e riabilitazione e deciso per il rilascio in libertà. Per la liberazione è stata scelta la stessa area del ritrovamento al fine di agevolare il graduale reinserimento nell’ambiente naturale. 

 

Il Corpo forestale Trentino ricorda che in presenza di selvatici feriti è necessario contattare il numero 112 e raccomanda di "non avvicinarsi agli animali e non scattare fotografie con il flash per evitare di infastidirli". Il Centro recupero animali selvatici (Cras) si occupa del recupero di uccelli e mammiferi bisognosi di cure. Si trova a Trento in via al Bosco della Città e può avvenire previ accordi telefonici chiamando i numeri  335 6306801335 6305749, tutti i giorni dalle 9 alle 12 e dalle 13 alle 17.  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
22 aprile - 20:25
Diversi casi di gelate, in particolare sulla Destra Adige e in Vallagarina. Il presidente di Cia-Agricoltori italiani del Trentino, Paolo Calovi: [...]
Montagna
22 aprile - 20:07
"Nadia non ha più al suo fianco la sua Skari: insieme, costituivano una delle nostre unità cinofile". C'è grande dolore nelle parole dei tecnici [...]
Cronaca
22 aprile - 19:19
La tragedia nei boschi di Nova Levante. A lanciare l'allarme un collega. Il giovane boscaiolo è stato travolto da un albero e schiacciato dai [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato