Contenuto sponsorizzato

Lupi, tanti avvistamenti (molte chiacchiere) ma pochi danni. L'esemplare vicino a mamma con passeggino? Si vorrebbero usare i proiettili di gomma ma è troppo mobile

Ecco cosa è successo alla popolazione dei lupi trentini a gennaio. Diversi gli investimenti: il 12 gennaio sull’A22 in prossimità di Mezzocorona è stato investito e ucciso da un’auto un lupo maschio. Il 31 gennaio, tra Vezzano e Vigolo Baselga è stato investito e ucciso da un’auto un altro lupo maschio

Di L.P. - 13 febbraio 2024 - 11:21

TRENTO. Sul lupo confidente che si muove tra le valli di Fiemme e Fassa e che qualche settimana fa era stato immortalato a pochi metri di distanza di una mamma con bambino nel passeggino, che li seguiva, ''sono in atto tentativi di ricondizionarne il comportamento tramite dissuasione con proiettili di gomma, attività autorizzata da Ispra''. Anche se ''ad oggi, la grande mobilità dell’esemplare ha impedito la messa in atto di interventi di questo tipo''. Questo certifica il report grandi carnivori della Provincia di Trento del mese di gennaio che oltre ad aver analizzato il tema orso ha preso in esame anche quello lupi.

 

Tanti sono stati gli esemplari che in gennaio sono stati investiti. ''Il 12 gennaio - vi si legge - sull’A22 in prossimità di Mezzocorona è stato investito e ucciso da un’auto un lupo maschio. Il 31 gennaio, tra Vezzano e Vigolo Baselga è stato investito e ucciso da un’auto un altro lupo maschio. Altri due lupi sono stati investiti da veicoli, ma si sono spontaneamente allontanati, l’11 gennaio a Celledizzo in Val di Peio e il 20 gennaio a Ziano di Fiemme''. Tanti, poi, sono stati gli avvistamenti di lupi in varie parti del Trentino, tutto a fronte di pochissimi danni.

 

Ancora una volta a dimostrare come la ''psicosi'' verso questi straordinari animali sia davvero molto alta e totalmente ingiustificata. ''Pochi sono i danni da lupo di gennaio - scrive il report - una capra morta e tre ferite a Villa Lagarina, un nandù e un asino predati rispettivamente sull’altopiano della Vigolana e ad Arco, un asino ferito a Cavedine, due capre a Fiavé, molti invece gli avvistamenti di lupi singoli, in coppia o in branco''.

 

''Come usuale - prosegue il documento ufficiale - per il periodo stagionale, molti di tali avvistamenti si sono verificati in aree aperte di fondovalle, anche nei pressi di insediamenti antropici. Tra le segnalazioni pervenute, spiccano i ripetuti avvistamenti di un giovane lupo confidente attivo tra le valli di Fiemme e Fassa. La più rilevante, molto diffusa tra social e media, ha riguardato la presenza di tale soggetto sulle piste di fondo tra Pera e Pozza di Fassa in pieno giorno, dove il lupo si è mosso anche a pochi metri da persone in passeggiata, apparentemente incuriosito e attratto dalla presenza di esseri umani. L’atteggiamento confidente di tale soggetto richiede grande attenzione''. Come scritto a inizio articolo sono in atto tentativi di ricondizionarne il comportamento ma al momento senza successo perché il lupo è molto mobile. 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 marzo - 09:05
“Sembra che non ci si renda conto dell’urgenza del problema. Ci sono circa mille anziani in attesa di un posto. E la politica tende a rinviare. [...]
Cronaca
03 marzo - 09:39
A Torre Mirana, un reportage sociale a cura di 7 fotografi trentini racconta l'impegno quotidiano di oltre 700 volontari nel contrasto allo spreco [...]
Cronaca
03 marzo - 10:23
Sulla dinamica esatta di quello che è successo sono in corso le verifiche da parte delle forze dell'ordine. Sotto shock  i genitori e i [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato