Contenuto sponsorizzato

Da Renée Zellweger a Laura Dern, solo premi dovuti alle donne nella 92esima edizione degli Oscar

L’unica novità, la vittoria di un film per la prima volta in lingua non inglese, quattro statuette, le principali, per “Parasite” del sudcoreano Bong Joon Ho, Palma d’Oro a Cannes, che si accaparra l’Oscar come miglior film, regia, film internazionale, sceneggiatura originale
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 10 febbraio 2020

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

E’ questa la tendenza, altro che par condicio. Alla 92esima edizione degli Academy Awards le donne hanno ricevuto solo premi dovuti

 

Miglior attrice protagonista, Renée Zellweger con “Judy”. Già dai trailer si vedeva che avrebbe vinto una figura americana travagliata e discussa come Judy Garland,  entrata nel mito con l’interpretazione de “Il mago di Oz”. L’attrice ce l’ha messa tutta per trasformarsi, mimetizzarsi ed emozionare vivendo la tortuosa vita della diva.

 

L’altro Oscar è stato assegnato a Laura Dern come Miglior attrice non protagonista in “Storia di un matrimonio”. Una drammatica storia familiare, il film era in concorso alla Mostra del cinema di Venezia: ignorato. Joaquin Phoenix invece vincitore del Leone d’Oro con “Joker” conferma il suo carisma e vince anche l’Oscar come miglior attore protagonista.

 

L’unica novità, la vittoria di un film per la prima volta in lingua non inglese, quattro statuette, le principali, per “Parasite” del sudcoreano Bong Joon Ho, Palma d’Oro a Cannes, che si accaparra l’Oscar come miglior film, regia, film internazionale, sceneggiatura originale.  Un film decisamente originale e violento, una storia che sa coinvolgere nel suo essere universale che inserisce nella colonna sonora la voce di Gianni Morandi che canta “In ginocchio da te”.

 

Insomma le donne si sono viste solo sul red carpet con mise da urlo, in platea e come annunciatrici sul palco. Natalie Portman lo ha fatto notare proprio sul red carpet indossando sopra il sul lustroso vestito un mantello in cui erano ricamati i nomi delle registe e dei film scartati dagli Oscar.

 

Sono registe che testimoniano le eccellenze come Celine Sciamma con “Ritratto di una giovane in fiamme”,  dove sono palesi le capacità artistiche. 

 

Donne che fanno la differenza. Come Lina Wertmuller  già premio Oscar onorario alla carriera con Geena Davis: Governors Awards. Si vuole acclamare un cinema femminile che vive di gloria?

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 11:01

L'allarme è partito alle 17 e lo hanno lanciato i due ragazzi inglesi che si trovavano in difficoltà, un 27enne e un 30enne. I due, partiti alle 3 di notte erano stremati (uno anche ferito) bloccati in parete, ma il cellulare non prendeva e le condizioni climatiche non permettevano grandi interventi dell'elicottero. Poi la situazione è peggiorata: ecco il racconto anche con le IMMAGINI

14 agosto - 12:19

Al 30enne gli è stato ordinato di rientrare in casa. Aveva comunicato all'azienda sanitaria la sua posizione ma aveva deciso di lasciare la quarantena anticipatamente 

14 agosto - 09:42

E' successo nei giorni scorsi quando alcuni cittadini hanno avvisato la società che gestisce il campo della presenza di una ventina di ragazzi che stavano giocando. Non ci possono essere assembramenti per evitare contagi da covid19 e la società ha deciso di chiudere il campo per una giornata

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato