Contenuto sponsorizzato

Il vincitore a Venezia Joker in uscita nelle sale trentine. Ci sarà anche un proiezione in lingua originale

Joaquin Phoenix dichiara di aver passato mesi con l’aiuto del suo mentore, il regista Todd Phillips, per raggiungere la perfetta risata che sarà diversa, purtroppo, nella versione italiana. Con il doppiaggio si perde spesso l’essenza di un film. Il film è ispirato a DC Comics ed esplora le origini del personaggio
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 02 ottobre 2019

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

La fantasia distruggerà il potere e una risata vi seppellirà”. E’ un motto anarchico dell’Ottocento ripreso dal movimento del 77 che sembra fatto apposta per “Joker” film vincitore del Leone d’oro alla 76 Mostra del cinema di Venezia.

 

Joaquin Phoenix dichiara di aver passato mesi con l’aiuto del suo mentore, il regista Todd Phillips, per raggiungere la perfetta risata che sarà diversa, purtroppo, nella versione italiana. Con il doppiaggio si perde spesso l’essenza di un film. Il film è ispirato a DC Comics ed esplora le origini del personaggio.

 

Una novità che è stata molto apprezzata a Venezia grazie alla convincente interpretazione del poliedrico attore. Il regista Phillips ha scritto con Silver Scott la sceneggiatura che indaga sul passato e le origini di Joker. Certi elementi sono stati conservati, la storia è ambientata in una complessa Gotham City, tra gli anni Settanta ed Ottanta.

 

Arthur Fleck vuole imporsi in una città ai margini dove la violenza è all’ordine del giorno. Lui vuole fare il clown per far ridere la gente. Arthur vive con la madre, rapporto conflittuale con lei e la tv sempre accesa sulle trasmissioni d’intrattenimento.

La notte Arthur lavora in un cabaret. Un famoso presentatore televisivo (Robert De Niro) lo inviterà nella sua trasmissione. Nella città violenta poche sono le persone gentili. Arthur viene picchiato gratuitamente, viene preso in giro e la reazione sarà drastica. La sua maschera, che utilizza anche fuori dalla scena, scatenerà la folla incontrollabile.

 

La violenza genera violenza ed il disagio mentale di Joker ci riporta al ghigno dell’istrionico premio Oscar Jack Nicholson. “Joker”, un drammatico horror, tra incubo e realtà, che percorre le vie della labirintica vita di Arthur ed immortala la bravura di Joaquin Phoenix (Coppa Volpi mancata), con una risata solenne.

 

Il film esce nelle sale italiane il 3 ottobre, mentre solo mercoledì prossimo alle 19.30 al Multisala Modena verrà proiettato in lingua originale

Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
15 giugno - 19:05
Il Comune di Cortina pagherà 70mila euro per riportare il treno a casa, questo l'accordo trovato con Trentino Trasporti. Roberto Andreatta: [...]
Società
16 giugno - 06:01
In occasione del 'turno' ungherese alla presidenza del Comitato dei ministri del Consiglio d'Europa, sul sito della Fondazione Opera Campana dei [...]
Società
15 giugno - 20:09
Ora il cane si chiama Tina ed è pronta ad essere adottata, le volontarie dell'associazione animalista: “Venite a conoscerla, non ve ne [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato