Contenuto sponsorizzato

"Io danzerò", è una ventata di luce. La storia (bellissima) di come la danza diventa performance

E’ l’opera prima della regista Stephanie Di Giusto, fotografa e pubblicitaria. Presentato a Cannes 2016 ed ha vinto il Cesar per i costumi. Vince la forza prorompente di una donna fragile, ma ostinata che sa di essere unica, sa di rappresentare un nuovo stile, un’americana a Parigi
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 30 agosto 2017

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

Non ce lo perdiamo, nonostante il caldo torrido che immobilizza e condiziona. Una vera ‘perla’, ancora una volta all’Astra di Trento. E’ l’opera prima della regista Stephanie Di Giusto, fotografa, pubblicitaria, presentato a Cannes 2016 nella sezione Un Certain Regard, è una biografia ed ha vinto il Cesar per i costumi. La regista vuole emozionare, con un montaggio veloce, imprevedibile, per mettere in luce una vita incredibile quella della protagonista Marie-Louise Fuller, antesignana della moderna danza, americana nata nel profondo rurale di fine ‘800, in rotta con la famiglia, decisa a stravolgere certe convinzioni adottando anche il soprannome Loie.

 

Cosa poteva combinare una venticinquenne ribelle, abbandonata dalla madre, con un padre alcolizzato, nelle praterie del Far West? Poteva solo fuggire lontano per affermare i propri ideali. Scappare a Brooklyn, rifugiarsi poi a Parigi. Portare i propri sogni, disegni di costumi e movimenti, studiati ed eseguiti nei dettagli, davanti ad un importante teatro parigino: Le Folies Bergeres. E’ mossa dal coraggio dell’incoscienza, non ha nulla da perdere, e trova proprio chi crede in lei. Fondamentale: siamo nel pieno della Belle Epoque, i manifesti teatrali di Alphonse Mucha spopolano, proponendo una femminilità in trasformazione.

 

La Fuller ha progettato e realizzato un modo nuovo di danzare: un movimento rotatorio, per certi versi serpentino, in cui si danza con bastoni di bambù sulle spalle avvolti da lunghissimi tessuti bianchi illuminati con spettacolarità. Un’impresa faticosissima molto apprezzata dal pubblico. La tappa più ambita sarà l’Operà. Ma l’arrivo di una ballerina spregiudicata, Isadora Duncan (anch’essa condizionerà la danza moderna), stravolgerà la vita della Fuller. Un rapporto fatto di passioni, attrazioni sessuali, tradimenti e ricatti. In un contesto spietato: quello dello spettacolo, in cui per emergere si complotta e si sfruttano le debolezze dell’altro. Amore, odio, morte, riscatto. Tra primi piani che mostrano le imperfezioni del viso e una messa in scena in cui il corpo della protagonista si muove sinuosamente avvolta in 140 metri di tessuto, si va indietro con la mente, nel tempo dell’Art Nouveau.

 

La “serpentine dance”, fa vibrare gli animi, gli occhi si abbagliano di fronte a riflettori potenti. Vince la forza prorompente di una donna fragile, ma ostinata che sa di essere unica, sa di rappresentare un nuovo stile, un’americana a Parigi che non smette di credere nelle proprie idee rivoluzionarie. La Fuller immortalata da Rodin, rinasce con la forza prorompente dell’innovazione che va oltre la danza per divenire performance.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.58 del 03 Marzo
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 marzo - 13:13

Gli esercizi pubblici sono in sofferenza per le limitazioni imposte per fronteggiare la curva del contagio da Covid. I presidenti Fabia Roman e Massimiliano Peterlana chiedono un cambio di passo, anche per quanto riguarda le vaccinazioni: "Puntare con maggior forza su una campagna a tappeto che permetta all’economia di normalizzarsi"

04 marzo - 13:36

Si tratta di La Sportiva, Itas Mutua, Fondo Comune delle Casse Rurali Trentine e Dolomiti Energia. "Abbiamo iniziato un viaggio insieme, forti di capacità e provenienze diverse, e vogliamo condividere scelte e iniziative a favore non solo dei nostri iscritti ma di una intera collettività"

04 marzo - 13:27

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 2.010 tamponi molecolari e registrati 162 nuovi casi. Inoltre 91 test antigenici positivi. Sono 41 i cittadini che ricorrono alle cure della terapia intensiva di cui 36 classificati come Covid e 3 ricoverati all'estero

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato