Contenuto sponsorizzato

''Una donna fantastica'' nel Cile di oggi, il film 'transgender' di Sebastian Leilo

Al cinema Astra di Trento, non lascia indifferenti, dalla colonna sonora al montaggio
DAL BLOG
Di Alda Baglioni - 05 novembre 2017

Insegna arte al Bonporti con chaplin nel cuore

“Mi chiamo Marina”. Poche parole che risuonano ridondanti tra le pagine del film. Un film che viene superficialmente etichettato come drammatico ma che il regista Sebastian Lelio ci tiene a definire “trans-genere”.

 

Lo avvertiamo nel divenire delle scene, da commedia romantica a musical, a thriller e ad altro ancora. Non si può definire. Un mondo poco esplorato, tra fiction e realtà, poiché la protagonista, Marina Vidal - Daniela Vega (fantastica!) è realmente transgender.

 

Non ci sono dubbi che lei voglia esprimere tutte le tensioni che ha realmente vissuto sulla sua pelle, senza subire, con forza anche fisica: vuole imporre se stessa. Un film che è il frutto di una ricerca sui conflitti che il regista, argentino di nascita e cileno di adozione, ha portato avanti.

 

A Berlino nel 2013 con “Gloria”, l’Orso d’Oro era andato all’attrice Paulina Garcia. Quest’anno sempre alla Berlinale, Lelio vince l’Orso d’Argento come miglior sceneggiatura ed è stato scelto agli Oscar per rappresentare il Cile.

 

Un film impegnativo perché Marina ci guarda spesso con il suo volto aggraziato ma tenace, ci interroga su come potremmo reagire davanti ad un evento simile. Perché lei ha perso l’amore della sua vita, è disperata.

 

Poco prima la coppia era stata a festeggiare il suo compleanno in un ristorante etnico a Santiago. Il regalo, un viaggio alle cascate dell’Iguazù in Brasile, un posto meraviglioso, lo ammiriamo nella scena iniziale.

 

Differente l’età dei due, lei ventisette anni, lui (Francisco Reyes) venti di più. La coppia torna a casa, nel letto lui si sveglia improvvisamente con un malessere. Corsa in ospedale, la morte, il rapporto conflittuale con la famiglia di lui, persone squallide ed insensibili.

 

La loro vergogna si scontra violentemente con l’amore che Marina vuole esprimere e con la sua sofferenza per la perdita. Anche i medici legali ci si mettono per creare l’imbarazzo di chi si sente profondamente donna.

 

Lei, Marina, non si scoraggia, prima di tutto deve riprendersi l’amato cane, l’unico che le rende l’affetto dovuto. Poi c’è la musica che lei coltiva come una passione infinita, dalla salsa alla lirica.

 

Santiago del Cile si avverte attorno. I personaggi vivono nell’ottusa mentalità di chi accetta la modernità di un mondo globalizzato per raggiungere un benessere economico senza  concessioni personali.

 

Cosa vuol dire essere donna? Quanto lo stereotipo dell’apparenza condiziona i giudizi? Quanto si può essere liberi di amare?

 

Coinvolgente e leggera, la scena iniziale con  immagini e suoni della cascata  avrebbe dovuto annunciare un viaggio verso la libertà, una libertà che Marina e tutte le donne si devono conquistare a denti stretti.

 

Un film che non lascia indifferenti, dalla colonna sonora al montaggio. Al cinema Astra di Trento.  

 

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 ottobre - 11:57

In Provincia di Bolzano non si fermano i contagi, nell’ultima settimana sono stati registrati 1.615 casi (339 solo quelli delle ultime 24 ore). Altre 14 persone hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 12.3%, 2.753 quelli analizzati dall’azienda sanitaria

25 ottobre - 11:02

Il Governo ha affrontato con fermezza le Regioni: confermate quasi tutte le disposizioni presenti nella bozza. Fra le attività sospese ci sono palestre, piscine, centri benessere, ma anche spettacoli e sale slot. Non è previsto nessun lockdown ma si “raccomanda” di evitare gli spostamenti non necessari

25 ottobre - 10:35

Di fronte all'aumento dei positivi e alle tante segnalazioni che arrivano ai medici di famiglia, il contact tracing sta perdendo di efficacia. L'Apss : "Risalire all'origine del contagio risulta più difficile. La nostra azione diventa più generale. Entro fine settimana prossima cambieremo strategia". E sul fronte scuola, cambia anche il protocollo: "Nelle superiori più probabilità di contagio. Scelta basata su dati e prove sul campo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato