Contenuto sponsorizzato

La Libraia, come un libro può trasformare un'adolescente in un'adulta

Fulvia degl'Innocenti ha presentato di recente il suo libro (edizioni San Paolo Ragazzi) a Trento.Un testo che nasce come "per ragazzi" ma come tante cose "per bambini" o "per adolescenti" parla a tutti noi adulti
DAL BLOG
Di Camilla Endrici - 29 ottobre 2016

Il mio comodino è un'instabile pila di libri, e in questo blog proverò a condividere alcune delle letture più belle che mi accompagnano.

Premessa: ho sempre avuto un debole per le storie di incontri profondi tra persone che non sono classificabili nelle categorie tradizionali (chessò: parentela, amicizia, amore). La prima che mi viene in mente è quella raccontata dalla scrittrice ungherese Magda Szabò nel suo straordinario "La porta".

 

E anche La libraia di Fulvia degl'Innocenti (edizioni San Paolo Ragazzi), di recente presentato dalla stessa autrice a Trento, rientra tra queste letture. La libraia è un libro sul "potere curativo" dei libri ma anche, soprattutto, sulla relazione che si crea tra una non più giovane libraia e l'adolescente Lia, una ragazza appena uscita da una comunità di accoglienza. Lia ha passato l'infanzia sballottata tra una famiglia d'origine sgretolata, famiglie affidatarie e infine la comunità. Ribelle, indomabile, sfuggente e seduttiva, Lia viene affidata alla misteriosa Libraia come ultimo tentativo di reinserimento dopo una lunga serie di fallimenti, perché l'aiuti in negozio e impari un mestiere.

 

La Libraia si muove silenziosa, custode di un piccolo mondo in cui cura i mali dell'anima dei suoi affezionati clienti dispensando consigli di tisane alle erbe e letture; Lia, che non ha mai aperto un libro nella sua vita, scalcia e si oppone alla noia in cui si sente precipitata, reagisce provocando e poi fuggendo ma alla fine sarà conquistata proprio dalla capacità della Libraia di lasciarla andare. È così che inizierà ad amare i libri che non le sono stati imposti e si addentrerà nel suo essere adulta.

La Libraia nasce come libro "per ragazzi" ma come tante cose "per bambini" o "per adolescenti" parla tanto a noi adulti. 

 

Con una scrittura semplice e senza fronzoli, chiara e diretta ma mai banale, l'autrice racconta una storia delicata e a tratti commovente. E anche se non penso che il "far emozionare" sia di per sé un requisito per un buon libro, mi rivedo adolescente e penso che avrei amato tanto un libro così. La capacità dell'autrice di parlare ai ragazzi mi ha colpito subito alla presentazione, che è stata fatta nell'ambito di un ciclo di incontri dedicati a un progetto bello e speciale: Vivere.con​_laboratorio per con.vivere​, dedicato alla coabitazione tra adulti. O meglio, tra giovani adulti (ragazzi neomaggiorenni appena usciti da Comunità di accoglienza​, casa famiglia e affido​) e famiglie, coppie, singoli che si offrono per ospitarli. Il tutto sotto l'egida del progetto Giovani per Casa di A.M.A e Agevolando

 

Tra il pubblico c'erano tanti di questi ragazzi, e il modo in cui Fulvia degl'Innocenti sceglieva le parole con cura per conquistarli senza annoiarli, farsi sentire vicina e mai saccente, mi ha convinta a leggerlo. E dopo averlo letto penso ancora di più che i percorsi di coabitazione tra adulti, come quello proposto da Agevolando e A.M.A, meritino di essere conosciuti e diffusi; perché l'accoglienza è sempre reciproca, ed è solo grazie a Lia che anche la Libraia è libera di andare.

Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 febbraio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 febbraio - 20:03

I carabinieri di Bolzano hanno trovato alcune dosi di cocaina nella quali sono state rilevate altissime percentuali di levamisolo, altrimenti noto per essere un vermicida che, mischiato alla cocaina in pastiglie tritate, viene fatto passare come “droga di più alta qualità”

22 febbraio - 00:02

Un uomo di 77 anni è morto questa sera a Monselice dove era ricoverato dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus. 

21 febbraio - 18:59

E' successo nel bellunese sulla strada provinciale 635, sul posto vigili del fuoco, carabinieri e soccorsi stradali. L'uomo è stato trasportato in ospedale con diversi traumi 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato